Non avete mai visto Momo alla conquista del tempo? Rimediate. Le vacanze sono finite, ma dovreste comunque ritagliarvi un angolo di tempo — a proposito — per guardare questo piccolo grande gioiellino dell’animazione nostrana. Il film ruota tutto intorno al tempo sempre più risicato di cui disponiamo nella società contemporanea, che ci costringe a essere sempre più frettolosi senza riuscire a goderci le gioie della vita: amici, amore, famiglia.

Nel film la piccola Momo è impegnata in una lotta disperata contro i Signori Grigi, funzionari di una misteriosa banca in cui le persone investono il loro tempo sperando di averne a disposizione di più. Se mentre lo guardate avete sette o otto anni, alcune scene del film sono davvero inquietanti.

Fin qui siamo ovviamente nel regno del fantastico. Ma le banche del tempo esistono davvero — e, a differenza di quella in cui si imbatte Momo, non sono nemmeno un po’ cattive.

Una banca del tempo è un ente di solidarietà che permette alla gente di cedere una piccola parte del loro tempo ad altre persone. Le quali, a loro volta, ne cederanno un po’ a loro.

Per fare un esempio: una persona mette a disposizione un’ora del proprio tempo dichiarandosi disponibile a fare la babysitter. La banca del tempo la mette in contatto con una famiglia che ha bisogno di separarsi dal proprio pargolo per un’ora, che si servirà dell’ora messa a disposizione dal babysitter. Il babysitter guadagna un’ora di tempo presso la banca: quando — mettiamo il caso — gli si dovesse rompere il rubinetto, potrà chiamare un idraulico per avere a disposizione tramite la banca un’ora del suo tempo, facendoselo riparare.

Flavio Passerini ha fondato nel 2010 una Banca del tempo a Valmadrera, vicino a Lecco, ed è a capo del Coordinamento lombardo delle banche del tempo. “La costruzione della fiducia è la cosa più importante per noi. È importante ristabilire rapporti di solidarietà, che diano sicurezza.” La banca di Valmadrera conta 160 soci attivi e scambia 1700 ore di servizi all’anno, con una sede anche nel vicino Comune di Galbiate.

“La cosa che scambiamo di più, qui a Valmadrera, sono gli accompagnamenti, i rammendi di vestiti e il cibo,” ci ha raccontato Passerini al telefono. “Paradossalmente, in una banca del tempo, bisogna vincere la paura di chiedere. Si iscrivono moltissime persone interessate al volontariato, pronte a dare moltissimo: ma noi non siamo un’associazione di volontariato. Il nostro scopo primario non è aiutare il prossimo ma promuovere uno scambio alla pari”.

Le prime banche del tempo sono nate in Inghilterra negli anni Ottanta, con il nome di LETS: Local Exchange Trading System, sistema di scambio locale. In Italia si sono diffuse partendo dall’Emilia Romagna, dove la prima è stata aperta nel 1988. “In questi giorni costruiremo l’architettura di una rete di scambi regionale, tramite il coordinamento lombardo delle banche del tempo.” Per fondare una banca del tempo, a livello materiale, secondo Passerini basta poco: “una sede e un PC con Excel per tenere la contabilità delle ore. Anche la sede stessa è un luogo di socialità importante — da noi moltissime persone vengono anche solo per giocare a carte, o svolgere comunque attività sociali.”

“Le persone più attive in una banca del tempo, in genere, sono i pensionati, che ovviamente hanno più tempo da dedicare. Da giovani ovviamente è più complesso partecipare. L’utente medio, comunque, ha un’età di più o meno 45  anni — anche se a Valmadrera abbiamo soci dai 18 agli 85 anni.” Il principio stesso su cui si basa la banca del tempo è l’equalizzazione del valore delle varie prestazioni: nessuno viene retribuito più di un altro per il servizio svolto. “Da noi il denaro non viene usato, tranne che in certi casi di rimborso spese vive come il carburante e gli ingredienti per cibi particolarmente elaborati. È un po’ il vecchio sogno utopico di una comunità che si regge senza i soldi.”

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.