Non a tutti è dato di invecchiare con stile, soprattutto se si è un musicista o, ancora peggio, una pietra miliare della musica. È facile finire a cercare di replicare vecchi successi, perdere la vena creativa, comportarsi come se si fosse ancora giovani e risultare solo caricature un po’ patetiche di un passato glorioso.

Qualche mese fa stavo guardando il concerto per i 75 anni di Joan Baez e il momento che mi ha più colpito è stato il duetto sulle note di Blackbird con il coetaneo David Crosby: i caratteristici baffoni sono ormai candidi, ma il piglio è lo stesso di un tempo — due voci e una chitarra, tanto è bastato. Per questo, non appena ho sentito che usciva il nuovo disco di Crosby l’ho ascoltato con curiosità ma in cuor mio ero già preparato a un tuffo nel passato e nulla di più.

E invece mi sono sbagliato.

Lighthouse non è un album che farà la storia come If I Only Could Remember My Name, ma è originale e fresco e prova che David Crosby ha veramente ancora qualcosa da dire.

Certo in alcune tracce, come nella più decisa The City, si hanno ancora dei — è il caso di dirlo — Dejà Vu del passato, ma sono solo echi: il resto è materiale nuovo, testi nuovi, suoni nuovi.

Crosby sceglie di puntare tutto sulla chitarra e sulla voce, che suona ancora miracolosamente giovane: gli arrangiamenti completamente acustici, senza ombra di percussioni, creano un’atmosfera intima e raccolta, quasi sospesa nel tempo.

Come per il precedente Croz, del 2014, si rivela vincente la collaborazione con compositori giovani e questa è la volta di Michael League, della band jazz fusion Snarky Puppy: Crosby ha sempre sostenuto l’importanza del fare musica insieme perché, come afferma in una recente intervista,“aumenta il tuo numero di opzioni, aumenta la quantità di informazioni a disposizione, aumenta la qualità della musica. […] I cantautori si comportano spesso in modo egoista, non vogliono dividersi il merito, non vogliono dividersi i soldi. È una scelta miope. Molti addirittura hanno sviluppato un tale ego da non riuscire a lavorare più con nessuno. Ma vi assicuro che invece è divertente.”

E il risultato è un album dai colori delicati ma di un’intensità particolare: la scrittura è semplice ma efficace, le sonorità fluttuano tra il folk e il jazz e le armonie vocali, che sono un po’ il suo trademark, accentuano l’effetto onirico dell’insieme. Le tematiche sono varie, anche se tendenzialmente introspettive, e vanno dalla poesia per la moglie di (Things We Do For Love) alla dedica a New York di (The City), soffermandosi spesso sulla rilettura del passato, come nell’amara Somebody Other Than You, in cui lascia andare un “Shame on me /  for thinking I could be / somebody who is free.” Ma nella tracklist trovano spazio anche temi di attualità, come in Look In Their Eyes, dedicata ai rifugiati siriani.

Lighthouse è un ascolto caldamente consigliato, che fa bene alle orecchie e un po’ ci rincuora per il futuro, dimostrando che, quando si mantiene una mente aperta e creativa, l’età è veramente solo un numero.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.