Burqini

foto cc-by-sa Giorgio Montersino, WikiMedia Commons

Dopo Cannes, anche il sindaco di Villeneuve-Loubet vieta il burqini sulle spiagge del paese della Costa azzurra.

Il divieto, improvvisato all’indomani dell’alta stagione, quando il burqini resta una visione estremamente rara sulle coste francesi, è solo l’ultimo affronto della destra dell’Unione per un Movimento Popolare (UMP) di Sarkozy.

Il burqini è un tipo di costume da bagno prodotto dalla Ahiida. È in commercio dal 2006 e non ha mai destato problemi prima di quest’estate, sia perché la sua diffusione è davvero estremamente bassa, sia perché è una muta umida con un cappuccio e come potrebbe in alcun modo destare problemi?

La vicenda inizia lo scorso martedì 9 agosto, quando un evento dedicato a donne e bambine musulmane in una piscina a Le Pennes–Mirabeau, vicino a Marsiglia, viene annullato in seguito a ripetute e molteplici minacce. Eventi simili sono stati organizzati in altri Paesi negli ultimi dieci anni, ma solo oggi sono diventati causa di shock e tensioni.

Solo un giorno dopo l’annuncio dell’evento, sia gli organizzatori, il pericoloso gruppo di radicali chiamati Smile 13, e il proprietario della piscina sono stati travolti di minacce di morte.

Di fronte a questa reazione profondamente xenofoba, il sindaco di Le Pennes-Mirabeau, del Raggruppamento Democratico e Sociale Europeo – la sinistra radicale – si è visto costretto a cancellare l’evento.

Immediatamente, la conversazione politica francese ha preso una svolta da capogiro:

I politici prendono le parti dei violenti, dei prepotenti che avevano subissato Smile 13 di insulti.

Così, in nome di una libertà simbolica e aggressiva, la libertà vera – quella di “fare le cose” – di tanti cittadini viene sacrificata.

A pioggia David Lisnard, sindaco di Cannes, vieta il costume, sostenendo che il burqini potrebbe “disturbare la quiete pubblica perché mostra ostentata affiliazione a gruppi terroristici,” schiacciando ogni differenza tra Islam e islamismo radicale sotto il peso del suo bigottismo ignorante. Oggi il sindaco di Villeneuve-Loubet ha seguito il suo esempio denunciando “rischi di igiene pubblica” — non chiarendo esattamente cosa abbia contro i sub di tutto il mondo.

Nel contesto preoccupante della deriva dell’opinione pubblica e della politica europea, rari esempi si sono mostrati termometri piú efficaci nell’evidenziare la crescente radicalizzazione e intolleranza — dell’Occidente.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.