fbpx
 

La crisi in Ucraina in Italia

https://i1.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2022/02/Sito-internet-2500-x-1313-px-5.jpg?fit=1200%2C630&ssl=1

L’Italia è tra i paesi più incerti di fronte alla necessità di imporre sanzioni forti contro la Russia. Ma che percorsi ci sono per ridurre la nostra dipendenza dal gas russo? Ne abbiamo parlato nell’ultima puntata di TRAPPIST, registrata prima dell’invasione

L’Europa, e l’Italia, sono fortemente dipendenti dal gas russo, che costituisce il 40% del nostro approvvigionamento annuale. La crisi in Ucraina, da questo punto di vista, arriva nel peggiore dei momenti possibili, con i prezzi del gas in costante aumento a causa dell’esplosione delle domanda da parte dell’industria, che sta cercando di recuperare il tempo perduto nella prima fase della pandemia.

Lasciare alle spalle il gas russo non è impossibile, ma richiederà uno sforzo, e un tempo, considerevole. Per questo, diversi retroscena vogliono che l’Italia sia tra gli stati meno convinti sulla possibilità di avviare immediatamente sanzioni particolarmente dure contro la Russia. Ma l’invasione di oggi rende la posizione del nostro paese — che su questo fronte è affiancato da Germania e Cipro — sempre meno difendibile.

Sostieni l’informazione indipendente di the Submarine: abbonati a Hello, World! La prima settimana è gratis

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link
Powered by Social Snap