Lʼennesima strage nel Mediterraneo sulla coscienza dei governi europei

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/07/EAVkWy0W4AA9KKN.jpg

in copertina, foto d’archivio Marina Militare. La foto ritrae un naufragio del 2016

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Due imbarcazioni con a bordo circa 300 persone si sono rovesciate poco lontano dalla costa della Libia. 135 sono state “salvate” dalla “Guardia costiera libica,” che le ha portate nei campi di concentramento del paese. Sono 150 le persone morte affogate. L’alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati Filippo Grandi è tornato a chiedere ai paesi europei di avviare un nuovo programma di missioni di salvataggio — e di porre fine alla prigionia dei migranti in Libia. (Al Jazeera)

Secondo le ricostruzioni dei sopravvissuti a bordo delle due imbarcazioni c’erano circa una cinquantina di donne e bambini, ma tra le persone riportate in Libia restano solo sei donne. I primi soccorsi sono arrivati da pescatori locali, che hanno detto di aver visto una settantina di corpi che galleggiavano tra le onde. (il manifesto)

Alarm Phone sottolinea che nonostante l’assenza delle Ong, le persone cercano comunque di scappare dalla Libia, ma in mare ci sono soltanto imbarcazioni che cercano di riportarli indietro.

In assenza di Ong e una missione di salvataggio europea è impossibile avere un’idea delle dimensioni della strage nel Mediterraneo, sottolineano Unhcr e Onu: i governi europei — e il governo italiano in testa — sono riusciti a rimuovere dal mare quasi tutti i testimoni dei propri crimini contro l’umanità. (HuffPost)

In Libia, dove sono stati riportati i sopravvissuti, ci sono ancora almeno 200 detenuti nel centro di detenzione di Tajoura, dove un bombardamento ha ucciso più di 50 persone il mese scorso. Nella zona di Tripoli sono almeno 2500 le persone imprigionate nella città consumata dal conflitto. (the Guardian)

Ma al governo non importa molto, e proprio ieri, con 322 Sì la Camera ha approvato il decreto “sicurezza” bis. 17 deputati del Movimento 5 Stelle non hanno partecipato alla votazione, e anche il presidente della Camera Fico è uscito dallʼaula — ma questo, come al solito, non avrà nessuna conseguenza politica. (la Repubblica)

Fico aveva lasciato la Camera anche in occasione del voto sul primo decreto “sicurezza.” Ma una piccola scena teatrale non rende lui o il Movimento 5 Stelle meno complici dell’approvazione di un’altra legge di ispirazione razzista. (Corriere della Sera)

L’articolo 2 del decreto, che prevede una sanzione amministrativa dai 150 mila al milione di euro per un comandante che violi il divieto di entrare in acque italiane, ha subito modifiche nel corso dell’esame in commissione. Il nuovo testo precisa che l’illecito amministrativo non esclude l’applicazione di altre pene previste per reati completamente artificiali come il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. (Internazionale)

(Promemoria: secondo l’Onu e il Consiglio d’Europa le disposizioni del decreto “sicurezza” bis violano i diritti umani) (la Repubblica / Fanpage, 18/05/2019)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha annunciato la formazione di un comitato che gestirà la chiusura di tutti gli accordi dell’Autorità Palestinese con Israele. Abbas ha condannato le recenti demolizioni israeliane alla periferia di Gerusalemme Est. Israele e l’Autorità Palestinese cooperano per gestire i servizi nella West Bank, dalla distribuzione dell’acqua alla coordinazione delle forze di polizia. Non è la prima volta che Abbas minaccia di interrompere tutti i rapporti con Israele, ma una completa cancellazione degli accordi non è mai stata portata a termine. (Middle East Eye)

Il presidente tunisino Beji Caid Essebsi è morto all’età di 92 anni: era stato ricoverato lo scorso giugno. Essebsi era una figura di rilievo durante la dittatura di Ben Alì, e dopo la rivoluzione del 2011 era diventato il primo presidente democraticamente eletto del paese. Tra i meriti della sua presidenza non si può non menzionare l’approvazione di una legge che ha impedito agli uomini colpevoli di stupro di evitare la condanna sposando le proprie vittime, una legge che era ancora in vigore fino al luglio 2018. Più di una volta Essebsi è stato anche accusato di mettere in atto “misure controrivoluzionarie.” (Al–Araby Al–Jadeed)

Un giorno dopo l’interrogatorio con Robert Mueller, il comitato all’Intelligence del Senato statunitense ha pubblicato un nuovo report (qui in PDF) figlio delle indagini bipartisan del repubblicano Burr e del democratico Warner. Il documento evidenzia la “vasta” ingerenza russa sulle elezioni del 2016: il report però non si concentra sugli accordi con Trump, ma sulla capacità dell’esercito russo di infiltrare il sistema di voto elettronico degli Stati Uniti. Secondo le indagini sarebbero riusciti a infiltrare il sistema di voto in 21 stati. (Vox)

Per la prima volta in 16 anni il dipartimento di Giustizia statunitense ha aggiornato il protocollo delle esecuzioni capitali, ordinando 5 condanne a morte da parte del governo federale. La decisione segna un grave passo indietro nella lotta contro la pena di morte negli Stati Uniti. (CNBC)

La condanna a morte federale era stata reintrodotta come legge nel 1988, dopo che la precedente legislatura in materia era stata dichiarata illegale dalla Corte suprema nel 1972. Da allora, è stata utilizzata per uccidere tre persone — ora l’amministrazione Trump conta di ucciderne cinque entro il prossimo gennaio. In risposta all’annuncio del dipartimento di Giustizia, la parlamentare Ayanna Pressley ha presentato una legge che abolirebbe la pena di morte per infrazioni di legge federali, e che chiederebbe nuove sentenze per tutti i condannati. (the Hill)

Niente da fare per il governo spagnolo: le proposte dellʼultimo minuto non sono bastate a raggiungere un accordo tra i socialisti e Podemos. I due partiti si accusano a vicenda di aver avanzato richieste troppo esose per la spartizione dei ministeri chiave. Pedro Sanchez ha altri due mesi a disposizione per trovare una maggioranza o formare un governo di minoranza: altrimenti si tornerà al voto a novembre. (the Local Es)

Miodrag Soric racconta lo stato di confusione e paura che agita la cittadina tedesca di Wächtersbach, nell’Hesse, dopo il tentato omicidio di un uomo originario dell’Eritrea da parte di un fondamentalista di estrema destra. L’uomo è sopravvissuto “per miracolo,” e non conosceva in nessun modo l’attentatore. Ora le persone di colore che vivono nella cittadina hanno paura ad uscire di casa, temendo che altri assassini razzisti potrebbero essere a piede libero. (DW)

Martin Kettle scrive sul Guardian lanciando l’allarme sul passaggio di potere da May a Johnson, non soltanto uno slittamento a destra per il governo e il partito Conservatore ma un vero e proprio “colpo di stato dei fondamentalisti brexisti.” Kettle sottolinea come il parlamento con cui il governo dovrà governare ha idee profondamente diverse dal Primo ministro, sulla Brexit senza accordo in particolare — contro cui c’è una maggioranza numerosa e trasversale in parlamento. Ma Johnson proverà probabilmente a governare comunque, ignorando i problemi — e il parlamento. (the Guardian)

Questioni di genere

Vi ricordate dellʼaggressione omofoba a una coppia di ragazze su un autobus di Londra, avvenuta lo scorso maggio? Sono stati incriminati i responsabili: si tratta di 4 liceali tra i 15 e i 17 anni. (CNN)

Italia

In un solo giorno ci sono stati tre incidenti mortali sul lavoro: a Maccastorna, in provincia di Lodi, un operaio di 32 anni è morto precipitando in una vasca per la produzione di biogas. In provincia di Verona un 57enne è morto cadendo dal tetto di un capannone, mentre stava effettuando un sopralluogo. A Minerbio (Bologna), un operaio 44enne è morto per le ferite riportate in un incidente avvenuto il giorno prima: stava effettuando la manutenzione su una macchina industriale, quando una lastra sarebbe caduta, colpendolo alla testa”. (il Giornale di Lodi / la Nazione / Bologna Today)

Il numero delle morti sul lavoro continua a costituire unʼemergenza nazionale di cui si parla troppo poco: nei primi cinque mesi del 2019 sono 391 le persone che hanno perso la vita o sul luogo di lavoro o mentre vi si stavano recando. Numeri da paese in guerra, a cui le istituzioni non offrono nessuna risposta. (Pagella Politica)

Altri numeri emergenziali di cui non si parla molto? Quelli del sovraffollamento carcerario: lʼAssociazione Antigone ha pubblicato il proprio rapporto di metà anno sulla situazione delle carceri italiane (qui in pdf) evidenziando un tasso di sovraffollamento del 119,8%, il più alto dellʼUnione europea. Ma non è lʼunico problema: la vita in carcere globalmente peggiora — nel 30% delle strutture detentive non ci sono aree verdi, nellʼ81% è impossibile collegarsi a internet, molti corsi di istruzione (per esempio a Rebibbia) hanno chiuso. (Antigone)

Puntuale come un orologio svizzero, dopo le tensioni dei giorni scorsi, tra Salvini e Di Maio è tornata lʼarmonia: i due vicepremier si sono incontrati a Palazzo Chigi e hanno confermato che il governo va avanti senza problemi. (Rai News)

Lʼorizzonte verso cui guardare è ormai quello della manovra del prossimo autunno: Salvini vuole passare allʼincasso con un provvedimento da “decine di miliardi” per tagliare le tasse. (Askanews)

Tra le misure fiscali desiderate dalla Lega cʼè la ben nota Flat tax, su cui il ministro Tria sta provando vagamente a frenare. Secondo un nuovo studio del Cer (Centro Europa Ricerche), lʼaliquota al 15% azzererebbe i benefici per i contribuenti che guadagnano fino a 26 mila euro. Che sorpresa! (TGCOM 24 / la Repubblica)

Virginia Raggi è andata personalmente alla sede di CasaPound in via Napoleone III, insieme ai vigili urbani, per notificare il provvedimento che impone di togliere la scritta di marmo dalla facciata — in attesa di uno sgombero continuamente rinviato. Il partito neofascista, ovviamente, non vuole saperne: in quel caso il Comune dovrebbe procedere in modo coatto. (il Messaggero)

Con sole 48 ore di ritardo Toninelli si è svegliato e ha commentato le cose che sono successe negli ultimi due giorni. Il ministro alle Infrastrutture in una diretta Facebook ha dichiarato che la Tav “era, è e rimarrà inutile,” (OK?) al contrario delle “opere veramente utili per l’Italia (…) se n’è accorta pure la Lega che ieri ha esaltato le opere approvate dal Cipe.” (Facebook / Next Quotidiano)

Milano

Nonostante lo stesso sindaco Sala lʼabbia definito “inutile,” è cominciata ieri sera in Consiglio comunale la discussione sul Daspo urbano, che ha spaccato il centrosinistra milanese. Dal provvedimento dovrebbe essere esclusa, perlomeno, la fattispecie di “accattonaggio molesto.” (ANSA)

Distopia

Caroline Haskins ha ottenuto un documento che testimonia un accordo segreto tra Ring, l’azienda di sicurezza domestica di Amazon, e dozzine di polizie locali statunitensi. Nell’accordo, Amazon offre prodotti gratuiti e un portale attraverso cui ottenere le riprese dalle telecamere di sicurezza Ring in cambio di pubblicità da parte dei poliziotti, che consigliavano i prodotti dell’azienda ai cittadini. Il meccanismo si alimentava da solo: più persone i poliziotti convincevano a installare videocamere di sicurezza, più la polizia aveva accesso a riprese aggiuntive oltre alle telecamere a circuito chiuso pubbliche. (Motherboard)

Cult

Siamo felicissimi di informarvi che Peppa Pig è un’icona gay adesso. (Dazed)

Trump è andato a tenere un discorso presso il summit dell’organizzazione studentesca di destra Turning Point USA e qualcuno ha deciso di trollarlo mettendogli alle spalle un emblema della presidenza alterato, con unʼaquila a due teste che stringe mazze da golf e mazzette di banconote al posto del tradizionale ramo d’olivo e mazzo di frecce. Al posto della scritta “E Pluribus Unum,” c’era scritto in spagnolo “45 è un pupazzo.” (Vox)

Ci dispiace molto: Franky Zapata, il quarantenne francese diventato celebre per il proprio hoverboard volante, non è riuscito ad attraversare il canale della Manica, cadendo in mare dopo pochi minuti nel tentativo di fare rifornimento. (RFI)

Ambiente

Quanto caldo faceva ieri? Molto caldo: in Belgio non c’era stata una giornata così calda dal 1833. Questa ondata di calore, che ha travolto tutta l’Europa, segue quella dello scorso giugno, che è stato il giugno più caldo della Storia. (the Guardian)

Sottomarini

Aquanaut è un sottomarino che si guida da solo sviluppato da Houston Mechatronics che si trasforma in un robot umanoide — più o meno — per aiutare gli astronauti ad allenarsi alle condizioni di microgravità. (IEEE Spectrum)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.