in copertina, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il terzo giorno della protesta ambientalista organizzata a Londra dal gruppo Extinction Rebellion ha preso una piega descisamente più radicale: più di 400 manifestanti sono stati arrestati, tanto che la polizia ha avuto il problema di trovare celle libere in cui portarli. (the Guardian)

Lo spiegamento di polizia messo in campo per rimuovere a forza i manifestanti dalle occupazioni — come quella nella piazza del Parlamento — è stato impressionante. (Evening Standard)

Oltre a occupazioni e blocchi stradali, una delle strategie più adottate dai manifestanti è stata quella di incollarsi e incatenarsi in vari luoghi, tra cui lo steccato davanti alla casa del leader laburista Jeremy Corbyn. (BBC News)

Malgrado gli arresti le proteste non si fermeranno: sono già annunciati blocchi stradali in tutta Londra anche oggi, il quarto giorno consecutivo delle proteste. Gli attivisti hanno annunciato che le manifestazioni andranno avanti almeno fino a venerdì prossimo. (Sky News)

Extinction Rebellion ha portato le proteste contro l’inazione politica nei confronti dei cambiamenti climatici a un nuovo livello: basta manifestazioni pacifiche, è ora di infrangere un po’ di leggi. (Quartz)

È naturale che la disobbedienza civile inizi nel Regno Unito, dove il sistema uninominale secco soffoca la voce di tutti i cittadini che non votano per un partito con ambizioni maggioritarie. Nel 2017 mezzo milione di persone ha votato per i Verdi britannici — e sono riusciti a eleggere ben un singolo parlamentare. (the Independent)

Stanno intanto già nascendo vari gruppi nazionali al di fuori del Regno Unito pronti a prendere il loro esempio. A Milano il 15 maggio ci sarà un’assemblea per discutere dei prossimi passi di Extinction Rebellion Italia. (Facebook)

Le voci critiche da destra — sia quelle che negano il cambiamento climatico, ma soprattutto quelle che attaccano XR per i metodi — soffrono di miopia, scrive Laurie Laybourn–Langton sul New Statesman. L’emergenza climatica è gravissima, il tempo per evitare il disastro è quasi finito, e se la politica non agisce con rapidità le conseguenze saranno sotto gli occhi di tutti. Oggi i contestatori potranno anche essere arrestati, ma al contrario, vanno celebrati. (New Statesman)

Gif di NASA

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

C’è stato un grave incidente a Madeira, in Portogallo: un pullman di turisti è uscito di strada in corrispondenza di una curva, ribaltandosi. Le vittime dell’incidente sono almeno 29, per la maggior parte turisti tedeschi. (BBC News)

Per farvi un’idea di quanto stia male la democrazia negli Stati Uniti, il Dipartimento di giustizia ha discusso con gli avvocati di Trump del report di Mueller per aiutarli a contestarne i contenuti quando diventeranno pubblici. (the New York Times)

Secondo Elizabeth Holtzman, che tra le altre cose era nel Comitato giudiziario della Camera durante il Watergate, il procuratore generale Barr dovrebbe dimettersi subito dopo la pubblicazione del report. Barr si è dimostrato così parziale, così legato alla Casa bianca, che è impossibile pretendere che il pubblico si fidi ancora di lui. (the Hill)

Il presidente israeliano Rivlin ha dato l’incarico a Netanyahu per formare un governo di coalizione con gli alleati di estrema destra del Likud. Questo sarà il suo quinto mandato da primo ministro, a meno che non fallisca nel formare una coalizione entro 42 giorni. (Al–Araby Al–Jadeed)

Dopo trent’anni di potere, Omar al–Bashir è stato trasferito nella notte di martedì in prigione, dove sarà incarcerato in una cella di isolamento. (Middle East Eye)

Secondo quasi tutti gli esperti contattati da France24, l’obiettivo di Macron di terminare i lavori di restauro a Notre–Dame entro cinque anni è troppo ambizioso. In realtà, è impossibile discutere di tempistiche senza prima aver stabilito con che materiali, e con che tecniche, si ricostruirà. Per finire in cinque anni, comunque, l’uso del legno è fuori discussione. (France24)

La Germania ha convocato un incontro straordinario del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite per discutere della situazione in Libia. Il Consiglio finora non ha trovato un accordo per presentare una risoluzione per il cessate il fuoco. (DW)

Per la prima volta dall’inizio delle trattative con il sud della penisola, la Corea del Nord ha realizzato un test missilistico, con un lancio supervisionato di un missile guidato da remoto, di cui le agenzie non riportano altri dettagli. Kim Jong-un era presente durante il test, in un’operazione che secondo molti esperti serve per aumentare il senso di urgenza di un prossimo meeting con gli Stati Uniti, senza rilasciare dichiarazioni più provocatorie. (the Korea Herald)

Alan Garcia, ex presidente del Perù, si è suicidato mentre la polizia cercava di arrestarlo per un caso di corruzione in cui era rimasto coinvolto. (Associated Press)

Italia

Continua l’impegno del ministro Salvini nella militarizzazione delle città e nella guerra ai poveri in nome della “sicurezza”: in una nuova direttiva del Viminale si prevede che i prefetti possano di fatto scavalcare i sindaci nell’emanazione di ordinanze “anti-degrado,” come quelle che hanno istituito le “zone rosse” a Bologna e Firenze (dove comunque i sindaci non hanno avuto nulla da ridire). (HuffPost)

Si allarga l’inchiesta per i depistaggi sul caso Cucchi: la procura di Roma ha chiesto il processo per altri otto carabinieri, tra cui il generale Alessandro Casarsa, all’epoca comandante del gruppo Roma e accusato di aver impartito l’ordine di “ritoccare” i documenti sullo stato di salute di Cucchi dopo il pestaggio. (la Repubblica Roma)

Il ministro dell’Economia Tria ha confermato che l’aumento dell’IVA ci dovrebbe essere, “in attesa di attesa di misure alternative.” La dichiarazione ha scosso i due partiti di governo, che entrambi hanno garantito che non si farà “finché ci sono loro.” Insomma: i conti, come al solito, ci penserà qualcun altro a sistemarli. (il manifesto)

Alla fine Mara Carfagna non ce l’ha fatta: Silvio Berlusconi sarà capolista di Forza Italia non solo nel Nord Ovest, ma anche nella circoscrizione Sud. Il conflitto interno al partito evidenzia ancora una volta l’incapacità di Forza Italia di assumere una vita politica propria oltre i confini del partito padronale. (la Repubblica)

Se avete questo tipo di curiosità morbose, sul sito del Parlamento sono state pubblicate le dichiarazioni dei redditi dei membri del governo. La più ricca è la ministra della Pubblica Amministrazione, l’avvocata Giulia Bongiorno. Al secondo posto Giuseppe Conte. (il Sole 24 Ore)

È morto a 67 anni Massimo Bordin, ex direttore e voce storica di Radio Radicale, su cui conduceva la rassegna stampa “Stampa e Regime.” (l’Espresso)

Bordin non farà in tempo a vedere lo scempio della propria emittente: a causa del mancato rinnovo della convenzione con il governo per la registrazione delle sedute parlamentari (stipulata nel 1994), Radio Radicale rischia di chiudere. (il Post)

Cult

Una notizia che farà la gioia dei transumanisti: questi ricercatori sono riusciti a far “vivere” per sei ore il cervello di alcuni maiali già morti, separandolo dal loro corpo. (Nature)

Gif di Jay Sprogell

Secondo uno studio pubblicato su European Radiology la barba degli uomini contiene più microbi del pelo dei cani. Lo studio è partito da una necessità interessante, capire se fosse “sicuro” usare le stesse macchine per la risonanza magnetica sia per umani che animali. (USA Today)

Trafugati diciassette anni fa, questi due quadri di Van Gogh sono finalmente tornati in esposizione ad Amsterdam. (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.