Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Lo spoglio dei voti è ancora in corso, ma il risultato è chiaro: il centrodestra ha vinto le elezioni regionali in Basilicata: il candidato Vito Bardi stacca di quasi 10 punti il suo sfidante di centrosinistra Carlo Trerotola, superando il 40%. Per trovare il M5S bisogna scendere di altri 10 punti: il candidato Antonio Mattia è attorno al 20%. (la Repubblica)

Se tre indizi fanno una prova, dopo Abruzzo e Sardegna possiamo confermare che il modello del centrodestra unito a trazione leghista funziona e vince, mentre il Movimento 5 Stelle crolla — più che dimezzando i propri voti: alle politiche del 4 marzo 2018 aveva preso oltre il 44%. (HuffPost)

La formazione capitanata da Di Maio resta comunque il primo partito nella regione, guadagnando 5 punti rispetto alle regionali del 2013. Ma il crollo resta difficile da negare e alcuni retroscena descrivono il Movimento 5 Stelle come “sotto shock.” (Next Quotidiano)

Certo, il Pd non se la passa tanto meglio: il centrosinistra governava nella regione ininterrottamente dal 1995, ma è stato penalizzato dall’indagine giudiziaria sui concorsi truccati nella sanità, che aveva portato l’ex governatore Pittella agli arresti domiciliari lo scorso luglio. Lo stesso Pittella aveva cercato di ricandidarsi, scontrandosi però con l’opposizione di Leu e di una parte del partito. (Dire, 6/07/2018 / il Fatto Quotidiano, 20/02/2019)

Giustamente allora un buon numero di ex fedelissimi di Pittella sono saltati sul carro del vincitore, spuntando tra le liste a sostegno di Vito Bardi. (Basilicata24, 18/03)

Forse comunque non è stata una buona idea quella di candidare uno che dice di avere Giorgio Almirante come unico politico di riferimento. (Fanpage 5/03)

Ovviamente Matteo Salvini — che come al solito è stato in campagna elettorale permanente, dimenticandosi di essere anche ministro — ha violato anche questa volta il silenzio elettorale. (Today)

WITCH HUNT!!

Il procuratore generale Barr ha pubblicato il proprio riassunto del report delle indagini guidate da Robert Muell er. Leggi il testo completo della lettera sul New York Times.

Il report di Mueller arriva alla conclusione che “malgrado molte offerte da parte di funzionari russi di assistere Trump nella campagna elettorale (…) l’indagine non ha stabilito se membri del comitato elettorale di Trump hanno cospirato o si sono coordinati con il governo russo nelle attività di interferenza sulle elezioni.” Mueller arriva a conclusioni meno chiare invece riguardo alla possibile ostruzione della giustizia da parte di Trump. Su questo fronte, Barr scrive: “Questo report non dimostra che il Presidente ha commesso un crimine, ma non lo scagiona.” (Quartz)

Per cui, ovviamente, Trump ha subito scritto che il report lo “scagiona completamente e totalmente.”

Secondo Richard Hasen, professore di legge all’Università della California, la decisione di incriminare Trump jr. — anzi, nessuno — per l’incontro alla Trump Tower rischia di costituire un precedente molto pericoloso per la democrazia statunitense. (Slate)

Leggendone solo un riassunto non è chiaro quanto il report vada nei dettagli nel ricostruire gli eventi del “Russiagate.” I democratici sono ora al lavoro per ottenere una pubblicazione — almeno parziale, per quello che potrebbe valere — ma sarà difficilissimo, perché senza capi d’accusa ci sono veramente pochi motivi per il Dipartimento di Giustizia di pubblicare informazioni che possano danneggiare una persona (soprattutto, è evidente, se quella persona è il presidente degli Stati Uniti.) (Vox)

Gif di jsot

Mondo

Due aerei militari russi sono atterrati in Venezuela, portando circa 100 soldati — una mossa che potrebbe far presagire un impegno più deciso del Cremlino a difesa del governo di Maduro. (Reuters)

Un giorno dopo l’attacco armato da parte dei cacciatori Dogon a danno dei pastori Fulani — una strage in cui sono state uccise 134 persone — il governo del Mali ha rimosso alcuni alti ufficiali militari. Le tensioni etniche nella regione sono oltre il livello di guardia, e qualcuno teme che si possa arrivare a un genocidio. (Al Jazeera)

Il bilancio delle vittime del ciclone Idai è salito a oltre 750, mentre tra Mozambico, Malawi e Zimbabwe gli sfollati sono più di 110 mila. (the Guardian)

Almeno 7 persone sono rimaste ferite nel nord di Tel Aviv, dove una casa è stata colpita da un razzo partito dalla Striscia di Gaza. Il sistema di difesa missilistico Iron Dome sembra non aver funzionato. (the Times of Israel)

Contrariamente alle aspettative, il partito legato alla giunta militare è passato in vantaggio nelle elezioni in Thailandia, confermando il predominio politico dell’esercito nel paese. Secondo il segretario del Pheu Thai, il partito populista estromesso dagli ultimi due colpi di stato militari, ma dato per favorito, le elezioni sono state irregolari. (the New York Times)

Dopo la diciannovenne Sydney Aiello, ieri la polizia della Florida ha confermato la morte anche di un altro studente sopravvissuto alla sparatoria di Parkland, probabilmente suicida. (Vox)

Il comitato di supporto di Chelsea Manning ha rilasciato un comunicato rivelando che Manning non è stata semplicemente incarcerata per essersi rifiutata di testimoniare sulle proprie attività di whistleblowing con WikiLeaks — ma è costretta, 22 ore al giorno, in detenzione solitaria. (Chelsea Resists)

Questa mattina è prevista una riunione del governo di Theresa May: la prima ministra è inseguita da giorni dalle voci di un “complotto” per estrometterla, smentite però dal suo vice di fatto David Livington e da altri ministri di spicco. (BBC News)

Le dimissioni di Nursultan Nazarbayev in Kazakhstan potrebbero servire da modello per la transizione di potere che — prima o poi — dovrà avvenire anche in Russia? (DW)

Italia

Dopo il rogo del Tmb Salario, nel pomeriggio di ieri si è sviluppato un incendio — fortunatamente più circoscritto — in un altro impianto di trattamento rifiuti gestito dalla municipalizzata Ama, quello di Rocca Cencia. (la Repubblica Roma)

Siamo letteralmente devastati dal fatto che Giuseppe Conte non abbia intenzione di candidarsi di nuovo, quando mai dovesse finire questo governo. (la Stampa)

Continuano gli strascichi polemici sullo ius soli, dopo i commenti derisori di Salvini nei confronti di uno dei ragazzini del bus di San Donato. Ieri il ministro è stato attaccato dal sindaco di Milano Sala, che l’ha accusato di “sfuggire al dibattito.” (ANSA)

Il Pd sta cercando timidamente di intestarsi di nuovo questa battaglia, ma — come nota Giulio Cavalli — si sente ancora la mancanza di una seria autocritica. (Fanpage)

Tutto quello che c’è da sapere sul Congresso Mondiale delle Famiglie, che si terrà a Verona nel prossimo weekend, e sulla tre giorni organizzata da Non Una Di Meno per protestare. (il Post)

Milano

In Lombardia il fenomeno degli hikikomori, i ragazzi che scelgono di chiudersi nella propria stanza e isolarsi dal mondo esterno, ha dimensioni allarmanti — dal 10 al 15% del totale nazionale, e Milano è la città dove questa piaga è più grave (il Giorno).

Ci eravamo occupati di hikikomori quasi due anni fa, cercando di spiegare il significato di questo termine che, soprattutto in Italia, è ancora poco conosciuto.

Cult

Pochi giorni fa i paleontologi della Xi’an Northwest University hanno pubblicato su Science l’eccezionale ritrovamento di un deposito di fossili del Cambriano, risalenti a 518 milioni di anni fa. Rispetto ad altri ritrovamenti della stessa epoca, tra questi fossili si trovano numerose specie animali e vegetali prima sconosciute alla scienza. (Smithsonian)

E se rimpiazzassimo i consiglieri di amministrazione delle società con un algoritmo? (Slate)

Congratulazioni: papa Francesco è il primo papa della storia ad aver scritto una stringa di codice di programmazione. (GeekWire)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.