Luigi Di Maio starnutisce in diretta Facebook

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Colpo di scena: per cercare in qualche modo di smarcarsi dalle misure di condono contenute nel decreto fiscale licenziato dal Consiglio dei ministri pochi giorni fa, Di Maio ha gridato al complotto dagli studi di Porta a porta, attribuendo a una “manina tecnica o politica” la “manomissione” dell’articolo 9 del decreto, preannunciando addirittura una denuncia in procura. (la Repubblica)

Il vicepremier ha detto che il testo manipolato è già arrivato al Colle, ma il Quirinale ha smentito di averlo ancora ricevuto. Il presidente del Consiglio Conte ha bloccato l’invio, annunciando una revisione del testo articolo per articolo. (il Post)

Qui potete rivedere il video completo dell’intervento da Bruno Vespa. (Luigi Di Maio / Facebook)

Ma quali sono le misure che hanno fatto scattare la reazione scomposta di Di Maio, tanto da affermare che il Movimento 5 Stelle non voterebbe il testo così com’è? L’allargamento delle maglie del condono fiscale, che nel testo decreto — rispetto a quanto era stato detto in precedenza — arriva a comprendere anche l’Iva evasa, e uno “scudo penale” per chi presenterà la “dichiarazione integrativa,” ovvero: niente sanzioni, neanche in caso di riciclaggio o autoriciclaggio. (il Sole 24 Ore)

Dalla Lega ovviamente negano qualsiasi manomissione del testo, sottintendendo due cose: che il Movimento 5 Stelle non ha letto il testo con attenzione; che i macroscopici favori a evasori fiscali e criminali, per il partito di Salvini, non sono nessun problema. (Rai News)

Per le opposizioni il caos sul decreto fiscale è tutta una scenetta interna al governo per salvare la faccia. Il segretario del Pd Martina parla senza mezzi termini di “imbroglioni,” mentre il capogruppo del Pd Marcucci commenta che “le manine perseguitano Di Maio.”

Non solo lui, a dire il vero: quella della “manina” è una vecchia abitudine della politica italiana. Filippo Ceccarelli ne traccia una breve storia su Repubblica. (dietro paywall)

* * *

Nessuna manina vi iscriverà alla newsletter di Hello, World! Dovete farlo da soli, cliccando qui.

* * *

Mondo

Il governo turco, attraverso una testata controllata, ha confermato che Khashoggi è stato ucciso all’interno del consolato saudita di Istanbul, e non per un interrogatorio finito male. Sono stati diffusi particolari raccapriccianti sugli ultimi minuti di vita del giornalista dissidente, mentre gli investigatori turchi hanno perquisito la residenza del console saudita per nove ore, raccogliendo “prove” non meglio specificate. (the New York Times / Al Jazeera)

Gli Stati Uniti hanno chiesto alla Turchia di consegnargli l’audio che testimonierebbe la sua morte. (the Guardian)

Mentre Pompeo discuteva a Riyadh della probabile morte del giornalista, l’Arabia Saudita ha versato 100 milioni di dollari al Dipartimento di Stato statunitense per “l’impegno statunitense contro lo Stato Islamico.” Il pagamento, a quanto sostengono le parti in causa, era accordato da tempo. Siamo certi che la decisione di effettuarlo proprio in questo momento sia una pura coincidenza. (Middle East Eye)

Ieri il Washington Post ha pubblicato l’ultimo editoriale di Khashoggi, in cui il giornalista spiega perché il mondo arabo abbia disperatamente bisogno di una stampa libera. (the Washington Post)

Uno studente di diciotto anni ha aperto il fuoco in una scuola superiore in Crimea, uccidendo 19 compagni e ferendone più di 50. Il ragazzo si è poi tolto la vita. (Associated Press)

L’amministrazione Trump ha ritirato gli Stati Uniti da un accordo postale internazionale — vecchio di 144 anni — che secondo la Casa bianca avrebbe dato ai rivenditori online con magazzini in Cina e Singapore un vantaggio sleale sulla concorrenza. (Politico)

Continua ad avanzare la cordata di 2000 migranti centroamericani, principalmente dall’Honduras, diretta verso il confine statunitense. Il gruppo ha passato ieri Chiquimula, in Guatemala. Alcuni migranti proveranno a fermarsi in Messico, ma la grande maggioranza proverà a chiedere asilo negli Stati Uniti. (Newsweek)

Sulla Brexit è ancora stallo totale, tanto che Theresa May sarebbe disponibile ad accettare un periodo di transizione più lungo di quello di 21 mesi concordato con l’Unione europea. (Bloomberg)

Gli effetti di anni di propaganda retrograda e razzista hanno lasciato il Regno Unito a pezzi: in un solo anno i crimini d’odio sono aumentati del 40% — sono 8336 i casi registrati dall’aprile 2017 al marzo 2018, contro i 5949 dell’anno precedente (già un numero altissimo). Più di metà degli attacchi ha come vittima musulmani. (BBC News)

L’accordo sul nome della Macedonia continua a causare scompiglio nel governo greco: questa volta si è dimesso il ministro degli Esteri Kotzias, del partito dei Greci indipendenti, alleato di Syriza al governo. Alexis Tsipras assumerà le sue funzioni ad interim per concludere personalmente l’accordo. (Euractiv)

Il presidente cinese Xi parteciperà alla cerimonia d’inaugurazione del gigantesco ponte che collega Hong Kong con Zhuhai e Macao, ma parteciperà dal “lato cinese,” del ponte, a Zhuhai. (South China Morning Post)

Italia

La sindaca di Lodi ha parzialmente ceduto, varando un regolamento meno discriminatorio verso i bambini stranieri. Non è abbastanza, però — e di scuse, ovviamente, nemmeno l’ombra. (ANSA)

Alessandra Mussolini ha dichiarato che si rivolgerà alla polizia postale per denunciare chiunque posti qualcosa di offensivo verso suo nonno Benito ᴉuᴉlossnW. (la Repubblica)

Oggi gli sfollati del ponte Morandi potranno rientrare brevemente nelle proprie case per recuperare gli effetti personali, ma le operazioni sono state rinviate di qualche ora per il forte vento. (il Secolo XIX)

“Non so dove andrò, come mi organizzerò. Ora sono costretto a partire ma spero che la verità venga fuori. Ma una cosa la devo dire: io non mi pento di niente.” Mimmo Lucano ha lasciato Riace, mentre tra i comuni è gara di solidarietà per accoglierlo. (il manifesto)

Milano

Quelli bruciati negli scorsi giorni non sono gli unici capannoni pieni di rifiuti abusivi alla periferia di città. Martedì ne è stato posto sotto sequestro uno a Cornaredo. (Corriere della Sera Milano)

Ma com’è la qualità dell’aria in Lombardia? Beh (ARPA Lombardia)

Questioni di genere

Continuano i risultati del movimento #MeToo in India. Una dozzina di donne sono riuscite ad ottenere le dimissioni del ministro per gli Affari Esteri Mubashar Jawed Akbar, accusato di violenza sessuale. (Quartz)

Il parlamento del Queensland, stato australiano tradizionalmente iperconservatore, ha finalmente votato per decriminalizzare l’aborto. È una vittoria per le attiviste che per anni hanno combattuto per il superamento della legge, vecchia di più di un secolo. (the New York Times)

Cult

Una via d’uscita da fanatismi e politiche identitarie? Le droghe allucinogene. (Vox)

Una nuova iscrizione, emersa su un muro di due dimore appena venute alla luce a Pompei, supporta la teoria che l’eruzione che ha coperto la città si sia scatenata a ottobre, e non ad agosto. (Comunicato stampa Pompei)

Il Giappone sta per perdere il primo posto nel podio dei paesi con la più alta aspettativa di vita, a favore della Spagna. (CNN)

Perché avere l’illuminazione stradale quando puoi avere una Luna artificiale? (the Guardian)

Il reboot / sequel di “Halloween” di David Gordon Green e Danny McBride è un buon film, ma forse con un po’ troppo Carpenter e troppo poco Green e McBride. (Uproxx)

La televisione statunitense è ancora abbastanza terribile nel rappresentare le vite degli immigrati, dando in particolare pochissimo spazio agli immigrati da paesi asiatici. (the Muse)

Ambiente

Si dice sempre che i Millennial “uccidano le cose.” È il momento che uccidano la gerontocrazia razzista e che nega il cambiamento climatico, scrive Eric Levitz. (Intelligencer)

Animali

Buongiorno: questa specie estremamente comune di ragno ha un udito così fino che vi sente anche da una stanza all’altra. (NPR)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —