fbpx
 

Il reddito di cittadinanza, spiegato male

https://i0.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/07/maio-to-go.jpg?fit=1200%2C742&ssl=1

Da quando il Movimento 5 Stelle ha deciso di far propria la battaglia per il reddito universale in Italia, l’idea ha subito una lenta metamorfosi che l’ha reso un progetto sfocato, quasi impossibile da inquadrare e valutare.

Il dibattito sul reddito universale è uno dei più complessi e avanzati in cui ci si possa lanciare riflettendo sul ruolo del welfare state in uno stato capitalista. Negli anni il Movimento 5 Stelle ha cercato di farne uno dei propri cavalli di battaglia — perfetto riassunto della propria posizione “né di destra né di sinistra.”

Ma di fronte alla realtà di non poter spendere quanto promesso in campagna elettorale, il Movimento ha dovuto inventarsi una serie di limitazioni all’accesso del provvedimento per ridurne il costo.

Abbiamo provato a capire come sarà il reddito di cittadinanza che il governo punta a erogare a partire dall’anno prossimo, sentendo cosa ci hanno detto i ministri del governo.

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link
Powered by Social Snap