in copertina, l’inizio dell’anno scolastico in Palestina. Foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il dipartimento di stato statunitense ha annunciato ufficialmente la cancellazione dei contributi all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi. La decisione rischia di aggravare una situazione umanitaria già disastrosa. (the Washington Post)

Chi ha preso la decisione? Mike Pompeo, insieme a Jared Kushner, l’uomo che doveva “portare la pace in Medio Oriente,” e che da bambino dormiva in camera con Netanyahu. (CNN)

Il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas si è impegnato a aumentare le donazioni del proprio paese in una comunicazione alle proprie controparti europee, ma ha ammesso che il paese non potrà rimediare alla perdita di più di 200 milioni di dollari che gli Stati Uniti non hanno ancora donato — e a questo punto non doneranno — quest’anno. (Haaretz)

Il clima in Israele è proprio di “pace in Medio Oriente”: il ministro dell’istruzione Naftali Bennet, assolutamente non fuori dal proprio campo, ha proposto durante un’intervista radiofonica una soluzione al conflitto israelo–palestinese: assassinare i leader di Hamas. (Middle East Eye)

Il taglio ai fondi della UNRWA è visto dagli ufficiali come un modo per forzare la comunità palestinese ad accettare un trattato di pace dettato interamente da Israele. (the Guardian)

Solo ieri l’ambasciatrice alle Nazioni Unite statunitense Nikki Haley aveva dichiarato che il diritto di ritornare in patria dei rifugiati palestinesi — per cui da mesi continuano le proteste a Gaza — era “fuori discussione.” (Times of Israel)

Ma il risultato immediato è esattamente l’opposto: il taglio di fondi all’UNRWA inevitabilmente indebolisce l’Autorità Palestinese, ampliando le responsabilità e il potere di Hamas. È l’analisi di Dave Harden, ex ufficiale dell’agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale. (Foreign Policy)

Mercoledì è iniziato l’anno scolastico in Palestina, proprio usando gli ultimi fondi donati dagli Stati Uniti. (Haaretz, 29/08/2018)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Sam Patten, un lobbista repubblicano legato a Paul Manafort e Cambridge Analytica, ha accettato di collaborare con l’indagine del procuratore speciale Mueller. Patten si è dichiarato colpevole alle accuse di non aver dichiarato di aver lavorato per “un oligarca ucraino.” (Vox)

Patten ha anche collaborato con Konstantin Kilimnik, con cui ha fondato un’agenzia di consulenze nel 2015. Kilimnik era stato già individuato per aver lavorato per l’agenzia di intelligence russa GRU. (Bloomberg)

Cheri Bustos, democratica responsabile per il reclutamento al congresso nel 2015, è tornata sul territorio, e sta attraversando gli Stati Uniti per trovare e formare donne e persone di colore in candidati democratici che possano vincere le elezioni locali. (HuffPost)

Come va la crisi diplomatica tra Arabia Saudita e Qatar? Talmente bene che Riyadh starebbe pensando di scavare un canale per trasformare il Qatar in un’isola. Secondo il progetto, una parte del canale sarà utilizzata per lo smaltimento di scorie nucleari. (the Guardian)

Ignorando le richieste delle Nazioni Unite, il tribunale supremo elettorale del Brasile ha proibito all’ex presidente Lula di correre alle prossime elezioni presidenziali. Al momento Lula si trova ancora in carcere, ma nei sondaggi è dato in netto vantaggio sugli altri candidati. (teleSUR)

Aleksandr Zacharchenko, leader della cosiddetta repubblica popolare di Donetsk — una delle repubbliche separatiste appoggiate dalla Russia nell’est dell’Ucraina, è stato assassinato mentre si trovava in un bar nel centro della città. È solo l’ultimo caso di una serie di omicidi ai danni di leader e guerriglieri separatisti, di cui spesso sono responsabili altri gruppi ribelli. (Radio Free Europe)

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha ordinato l’espulsione del team per i diritti umani delle Nazioni Unite. Solo due giorni fa l’Alto Commissario per i Diritti Umani aveva pubblicato un report accusando il governo di repressione violenta delle proteste. (Al Jazeera)

Il governo spagnolo spenderà più di 540 mila euro per affrontare Carles Puigdemont in tribunale. (El Paìs)

La Commissione europea proporrà l’abolizione dell’ora legale — ma lascerà probabilmente ai singoli stati membri la libertà di decidere per conto proprio. La decisione viene incontro soprattutto alle richieste degli stati del Nord e dell’Est, e arriva dopo una consultazione pubblica a cui hanno partecipato 4,6 milioni di cittadini, che si sono pronunciati a larghissima maggioranza per l’abolizione. (la Repubblica)

Ma se si guardano le percentuali, beh:

Italia

“Lasciamoli lavorare” — ma se almeno lavorassero: in tre mesi di governo Salvini negli uffici del Viminale si è visto pochissimo. (la Repubblica, dietro paywall)

L’agenzia di rating Fitch ha confermato il rating dei titoli pubblici italiani (BBB), ma con outlook negativo, a causa dell’elevato indebitamento e lo scarto tra gli impegni a ridurlo e i risultati effettivi. (la Stampa)

Il ministro Tria, da Shanghai, ha commentato dicendo che il governo convincerà le agenzie di rating “con le azioni,” e criticando i titoli di giornale eccessivamente allarmisti. (ANSA)

I sindacati dei metalmeccanici hanno proclamato per l’11 settembre uno sciopero dei lavoratori dell’Ilva, per protestare contro la mancanza della convocazione da parte del governo. “Dal 6 agosto attendiamo notizie per la ripresa del negoziato e la valutazione di legittimità da parte del ministero della gara per l’aggiudicazione del gruppo Ilva.” Dopo la proclamazione della mobilitazione, la convocazione è arrivata. (Rai News)

Autostrade S.p.a. rivendica di aver “rispettato tutti gli obblighi previsti dalla concessione.” Una dichiarazione che ha fatto andare su tutte le furie Toninelli e Di Maio. (Corriere della Sera)

Cult

L’app di messaggistica giapponese Line lancerà la propria criptomoneta. Invece di aprire una Offerta monetaria iniziale per la valutazione della moneta, l’app inizialmente la regalerà per permettere agli utenti di comprare… sticker. (the Verge)

Tra performance musicali (Ariana Grande, Chaka Khan), dichiarazioni di politici (Bill Clinton) e uomini di spettacolo, si sono tenuti ieri a Detroit con rito battista i solenni funerali di Aretha Franklin. Qui trovate una galleria fotografica. (NPR)

Se invece volete rivedere la diretta dell’evento, la trovate qui. (YouTube / TIME)

“In un funerale battista c’è una dualità,” ha spiegato il reverendo Kenneth E. Flowers. “È un momento di tristezza e lacrime, ma anche una celebrazione della vita. La chiamiamo una festa di ritorno a casa, perché vuol dire che stai tornando a casa con Dio.” (USA Today)

Una nave fantasma al largo del Myanmar. (BBC News)

Scienza

Ma quanto è bella l’aurora di Saturno? È la prima volta che la vediamo così bene. (Gizmodo)

Ambiente

Fa più caldo → gli insetti hanno più fame → in frutta e verdura servono più pesticidi. (the New York Times)

Giornalismi

A un anno dalla fine delle pubblicazioni cartacee, lo storico settimanale newyorkese Village Voice chiuderà del tutto i battenti, per problemi finanziari. (the Guardian)

Fondo del barile

L’investigatore del paranormale Christian J. Devaux ha chiamato la polizia per denunciare la presenza di un intruso nella propria casa. Quando la polizia è arrivata, Devaux aveva sparato due colpi di pistola, ma era solo in casa: perché l’intruso, secondo l’investigatore era… un fantasma. (Boing Boing)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via