cover via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Sia Conte sia Salvini, in visita a Foggia dopo la doppia strage di braccianti (16 morti in due incidenti stradali nel giro di tre giorni) hanno ribadito l’impegno del governo nella lotta allo sfruttamento nelle campagne e la necessità di “svuotare i ghetti,” ma senza molte proposte concrete. (ANSA)

Anche il presidente della Camera Roberto Fico, in un post su Facebook, ha scritto che “non ci possiamo permettere che ci siano lavoratori ridotti in condizioni di schiavitù. (AGI)

Il segretario del Pd Martina ha fatto notare che contro il caporalato una legge esiste già — porta il suo nome, è stata approvata nel 2016 senza voti contrari e prevede sanzioni sia per i caporali sia per gli imprenditori che si avvalgono della loro intermediazione. Secondo Martina, della legge bisogna rafforzare la parte preventiva. (Sky Tg24)

A proposito di caporalato, un breve thread di Wolf Bukowski per inquadrare la questione a livello sistemico:

Nelle redazioni dei giornali qualcuno dovrebbe chiedersi se il razzismo strisciante non si stia insinuando anche lì, scrive Norma Rangeri sul manifesto. Ieri praticamente tutti i media hanno dato maggior risalto all’incidente sulla tangenziale di Bologna, relegando a notizia minore la strage dei braccianti. (il manifesto)

Oggi si terrà la “marcia dei berretti rossi” (dal colore dei cappellini usati dai braccianti nei campi) organizzata dalla rete sindacale di base USB. I braccianti in sciopero marceranno dall’ex “Gran Ghetto” di Rignano fino alla prefettura di Foggia, per ricordare i 16 morti e chiedere maggiori tutele. Nel pomeriggio, sempre a Foggia, ci sarà un’altra manifestazione, organizzata dai sindacati maggiori. (HuffPost)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Anche Theresa May ha esortato Boris Johnson a chiedere scusa per le proprie dichiarazioni sulle donne che indossano il burqa (che secondo l’ex ministro somigliano a “cassette delle lettere” o “rapinatori di banche”). (the Guardian)

L’islamofobia nel Regno Unito è un problema serio: l’organizzazione di monitoraggio Tell Mama, nel suo rapporto annuale pubblicato a fine luglio, ha riscontrato un aumento del 30% dei casi di incidenti anti-musulmani nel 2017 rispetto all’anno precedente. Aggressioni, intimidazioni o semplici insulti urlati per strada, che trovano legittimazione nelle dichiarazioni di esponenti di spicco del partito di governo come Johnson. (HuffPost, 23/07)

Le indagini sull’esplosione a Hodeidah dello scorso 2 agosto sembrano smentire le ipotesi di un nuovo attacco aereo della coalizione saudita. Grazie alle pressioni delle Nazioni Unite si è finora riuscita a evitare una vera e propria battaglia per la città portuale — controllata dai ribelli Houthi ma ambita dalla coalizione per il suo enorme valore strategico. L’attacco del 2 agosto aveva ucciso 60 persone e ferite un centinaio. (Middle East Eye)

Federica Mogherini ha scelto la linea dura contro le sempre più frequenti minacce di Trump sugli accordi commerciali tra Iran e Unione Europea. Secondo Mogherini la collaborazione commerciale con l’Iran è una “priorità di sicurezza.” Poche ore prima Trump aveva sbraitato su Twitter che le sue norme rigide sarebbero servite per garantire nientemeno che la pace nel mondo. (the Guardian)

Era inevitabile: chi viene dopo la persecuzione dei migranti senza permesso di soggiorno? La persecuzione dei migranti in regola con il governo. L’amministrazione Trump vuole limitare il diritto alla cittadinanza dei migranti che hanno avuto accesso a programmi di welfare, tra cui anche l’assicurazione sanitaria dell’Obamacare. (NBC News)

È in corso lo spoglio del voto delle primarie per le elezioni di metà mandato in Kansas, Ohio, Missouri, Michigan, e Washington. Mentre scriviamo nelle primarie per la candidatura repubblicana a governatorato del Kansas non c’è ancora un vincitore chiaro: Trump si era fortemente speso in supporto di Kris Kobach, malgrado (?) la sua vicinanza agli ambienti del suprematismo bianco. Se Kobach vincesse le primarie le elezioni in Kansas potrebbero diventare il vero termometro della possibile “Onda blu,” cercata dai democratici alle prossime elezioni. (Vox)

Un anno dopo Charlottesville la lotta ai monumenti in memoria della Confederazione è appena iniziata. Malgrado gli sforzi di sostituire i monumenti ce ne sono così tanti che il Southern Poverty Law Center, che ne sta tenendo una lista, ne deve aggiungere regolarmente di più di quanti vengano abbattuti. (USA Today)

Gif di Fabiola Lara

Nel contesto dei sempre più tesi rapporti tra Arabia Saudita e Canada il ministro dei media saudita è dovuto intervenire per chiedere al gruppo giovanile Infographic KSA di cancellare una grafica da Twitter in cui il Canada era minacciato con un attentato simile all’11 settembre. In un altro tweet che poi è stato cancellato il gruppo ha cercato di scusarsi dicendo che l’aereo che si dirigeva verso lo skyline di Toronto “simboleggiava il ritorno dell’ambasciatore.” (Bloomberg)

Internet

Alex Jones sta passando le giornate su Twitter e Google Plus (lol) a lamentarsi della censura dei social network mainstream, ma i termini di servizio del suo sito riguardo i commenti giustificano esattamente il modo in cui le sue pagine sono state chiuse. (the Verge)

Com’è crescere senza Google? Per i giovani cinesi abituati a Baidu, non c’è nessun problema. Ma la normalizzazione della censura sistematica su internet, negli anni, ha creato una generazione non interessata alla ricerca di informazioni politicamente controverse. (the New York Times)

Italia

Nemmeno le foto dei bambini morti muovono più la coscienza del pubblico europeo, scrive Annalisa Camilli in una “lettera dal mare” per Politico.

Un nuovo rapporto di Amnesty International accusa l’Italia, l’Europa e Malta di essere collusi con i libici e usare come “moneta di scambio” le vite dei migranti. Soltanto tra giugno e luglio i morti in mare sono più di 720, mentre sono raddoppiati gli internati nei centri di detenzione libici. (la Repubblica)

Con 155 voti favorevoli al Senato, il “decreto dignità” è legge. L’approvazione è avvenuta tra le proteste delle opposizioni, concentrate sugli effetti deleteri che potrebbe avere sull’occupazione (Pd e Forza Italia) e sul mancato ripristino dell’articolo 18 (Leu). (la Repubblica)

Se vi siete persi le varie modifiche introdotte nel passaggio parlamentare, qui trovate tutti i riassunti che vi servono. (il Post)

È stato arrestato l’aggressore di Davide Mangiapane, il 23enne di origini mauriziane pestato due settimane fa a Lercara Friddi (Palermo). Il responsabile è un 29enne italiano, a cui verrà contestata l’aggravante per odio razziale. (la Repubblica Palermo)

Questioni di genere

Cecilia D’Anastasio firma una lunghissima inchiesta sul sessismo istituzionale di Riot Games, la casa di sviluppo di League of Legends, dove la cultura si riassume sostanzialmente in “bros before hoes.” (Kotaku)

L’università medica di Tokyo ha chiesto scusa per aver manipolato per anni i voti dei test d’ingresso in modo da avere meno iscritti di sesso femminile. (BBC News)

Cult

Breve storia del Che Guevara fascista. (VICE)

Finalmente, il meritato riposo: secondo Bloomberg non sono più i millennial a rovinare le cose, ma i giovani della Gen Z. (Bloomberg)

Il governo giapponese sta valutando l’introduzione di una temporanea ora legale straordinaria di due ore per le olimpiadi di Tokyo del 2020, per risparmiare agli atleti un po’ del caldo estremo che colpisce il paese in estate. Ma non è ancora stato ragionato l’impatto sui lavoratori. Il Giappone è uno dei pochi paesi dove non c’è alternanza tra ora solare e ora legale. (the Japan Times)

Iraq. Dopo quindici anni a zero turismo la cultura della lavorazione del rame rischia di scomparire. Sono sempre meno i ramai che riescono a tenere aperta la propria bottega, mettendo in pericolo una tradizione letteralmente millenaria. (Al Jazeera)

La giornata di Elon

Elon Musk ha gettato la propria azienda automobilistica nel panico quando con un tweet ha rivelato di stare valutando di ritirare Tesla dalla borsa, offrendosi di acquistare le azioni degli investitori che non volessero seguirlo a (ovviamente) 420 dollari:

Dopo quattro ore di caos sul blog dell’azienda è stata pubblicata un mail interna in cui Musk spiega ai dipendenti il proprio ragionamento.

Ambiente

Quanto caldo fa in Corea del Sud? Così caldo che il governo sta valutando misure per calmierare le bollette dell’elettricità, per permettere alle famiglie in difficoltà di tenere accesi ventilatori e condizionatori. (the Hankyoreh)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —