in copertina, foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Pedro Sánchez ha giurato di fronte al re come nuovo primo ministro spagnolo, per la prima volta senza croce e Bibbia. (the Spain Report)

Il presidente separatista catalano Quim Torra ha immediatamente invitato il nuovo primo ministro per discutere delle possibilità di indipendenza della regione. (the Local)

Sánchez è a favore di nuove politiche per l’autonomia della regione, ma è ovviamente contrario all’indipendenza. Se avrà i voti per offrire riforme costituzionali alla Catalogna dipende da quanto durerà l’“effetto Sánchez.” (Politico eu, 23/5/2018)

Mentre in tutta Europa i partiti socialdemocratici navigano in cattive acque, il successo di Sánchez sembra una boccata d’aria fresca. (the Independent)

Ma il nuovo primo ministro la strada per il governo sarà difficile, scrive José Torreblanca: un conto è trovare una maggioranza per un voto di sfiducia, un conto è governarci, per giunta senza un programma condiviso. (El País)

Sarà proprio sulla questione catalana che si misurerà la solidità del governo, e le possibili ambizioni di vittoria di Sánchez a possibili elezioni anticipate. (the Guardian)

* * *

Offrici tre caffè al mese: abbonati alla newsletter di Hello, World!, per ricevere la tua rassegna stampa preferita direttamente via email.

* * *

Mondo

In Macedonia si sono riunite migliaia di persone, in una manifestazione organizzata dal principale partito di centrodestra, per opporsi al cambio di nome del paese. Il nome “Macedonia” è al centro di un’assurda e quasi trentennale disputa con la Grecia. (France24)

Il New York Times ha messo le mani su una lettera degli avvocati di Trump con cui la difesa del presidente insiste che il procuratore Mueller non dovrebbe produrre un mandato di comparizione per costringere il presidente a testimoniare. (the New York Times)

Qui potete leggere il documento, annotato dalla redazione del giornale.

La polizia del Nicaragua ha letteralmente “espugnato” una chiesa in cui si erano asserragliati alcuni manifestanti dell’opposizione, nella città di Masaya. Due persone sono rimaste uccise. Dall’inizio delle proteste in Nicaragua, scatenate dai tagli al welfare, si contano oltre 100 morti. (BBC News)

Si protesta anche in Giordania, dove per il terzo giorno consecutivo centinaia di persone sono scese in piazza per manifestare la propria opposizione a una dura riforma fiscale voluta dal Fondo Monetario Internazionale. (Al Jazeera)

In migliaia hanno preso parte a Gaza ai funerali dell’infermiera ventunenne Razan al Najar, uccisa venerdì dall’esercito israeliano. (Sky News)

Continuano i lavori di distensione tra le due Coree: è stato stanziata ufficialmente l’apertura del primo ufficio per la collaborazione tra i due paesi, e avrà sede in Corea del Nord, a Kaesong. Questo mese si terrà anche il delicatissimo incontro per avviare le operazioni della Croce rossa nel nord della penisola. (the Hankyoreh)

Italia

Proprio mentre Salvini strepitava contro i migranti altre 160 persone sono arrivate in Italia. (Middle East Eye)

Salvini ha dichiarato che per i clandestini sarebbe “finita la pacchia,” e ha definito le Ong “vice scafisti.” È l’inizio di un periodo nero. (adnkronos)

Ieri sera a San Calogero, in provincia di Vibo Valentia, ignoti hanno sparato colpi di fucile contro tre ragazzi stranieri, uccidendo un cittadino maliano di 31 anni, Sacko Soumayla. (Gazzetta del Sud)

La località in cui è avvenuta la sparatoria non è lontana da Rosarno, dove si trova il grande “ghetto” che ospita i braccianti che lavorano nelle piantagioni circostanti, e agguati e intimidazioni contro gli stranieri sono all’ordine del giorno. (la Stampa, 17/03)

Sembra davvero che né Di Maio né Salvini si siano resi conto di essere arrivati al governo e che la campagna elettorale è finita: oggi saranno entrambi, separatamente, in tournée in Sicilia. I due alleati di governo si trovano nella situazione teoricamente imbarazzante di dover sostenere candidati avversari nelle varie elezioni locali, ma sappiamo che sono a proprio agio con la contraddizione. (la Repubblica)

Dei geni hanno lanciato una campagna per donare 10 euro ad Arcigay con donazione a nome del ministro Fontana. (la Repubblica Milano)

Intanto sull’affermazione di Fontana, secondo cui “le famiglie arcobaleno non esistono,” è arrivato un timido stop da parte dello stesso Salvini, che ha definito “normale” la frase, ma ha specificato che unioni e civili e aborto non sono in discussione. (la Repubblica)

Milano

Saranno erogati 52 milioni di euro da comune e regione per la costruzione o la riqualificazione di nuove scuole in città. (Milano Today)

Potete essere pastori per un giorno, fino all’8 giugno, a Porto di Mare, vicino a Rogoredo. (la Repubblica Milano)

Oggi si terrà Strawoman, la marcia non competitiva per dire no alla violenza sulle donne. È partita alle nove del mattino dall’Arena, ma non preoccupatevi se siete in ritardo. (Milano Weekend)

Cult

Se siete ancora bambini dentro e avete un bel 170 mila euro da spendere, domenica prossima sarà messa all’asta la mappa originale del Bosco dei cento acri dal romanzo di Alan Alexander Milne. (BBC News)

I musei sono così poveri che tutti i nuovi esemplari di scheletri di dinosauri finiscono in collezioni private. :( (Quartz)

Una corte di Hong Kong ha condannato a 4 mesi di carcere due professionisti della creazione di oggetti di scena perché hanno prodotto banconote false per un film. (Variety)

A trent’anni dalla sua scomparsa, il prossimo numero di Linus sarà dedicato ad Andrea Pazienza. (Fumettologica)

Scienza

Il virus Zika potrebbe aprire nuovi scenari nella lotta contro il cancro. (Bloomberg)

Giornalismi

Un ventinovenne giapponese sta creando una media company senza nessun giornalista :( (Bloomberg)

Animali

Una balena è morta a sud della Malesia per aver ingoiato 80 sacchetti di plastica. (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —