Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Sedici stati dell’Unione europea, Stati Uniti e Australia hanno deciso l’espulsione in massa di diplomatici russi in seguito all’affare Skripal. La prima ad unirsi all’esempio della Gran Bretagna è stata la Germania. (DW)

In totale, i diplomatici che dovranno fare i bagagli e tornare in Russia sono circa un centinaio. Qui c’è l’elenco completo dei paesi e del numero di espulsi per ciascuno: il numero maggiore spetta agli Stati Uniti, con 60 diplomatici, mentre l’Italia ne espellerà due. (la Stampa)

Salvini e Meloni hanno prontamente contestato la decisione, vista come il “colpo di coda di un governo asservito alla volontà di Stati esteri.” (il Fatto Quotidiano)

Anche la Nuova Zelanda ha fatto sapere che vorrebbe espellere le spie russe dal paese, ma ehi, non ce ne sono. (the Guardian)

L’obiettivo è innanzitutto lanciare un messaggio forte alla Russia, che serva anche da deterrente per impedire altre azioni come quella (sospettata) di Salisbury. (BBC News)

Nel frattempo, Mosca ha promesso misure di rappresaglia. Ma come? L’ambasciata russa negli Stati Uniti ha pensato bene di chiederlo ai propri follower su Twitter. (CNBC)

Quella degli Stati Uniti è una presa di posizione che non si vedeva dai tempi della Guerra fredda. Ma non arriva dal nulla: mentre le dichiarazioni concilianti di Trump nei confronti del Cremlino dominano la stampa, dietro le quinte i rapporti tra le due potenze si stanno deteriorando da mesi. (Reuters)

Mondo

È morta a 76 anni Linda Brown, la ragazza afroamericana il cui caso, portato davanti alla Corte suprema, nel 1954 pose fine alla segregazione razziale nelle scuole statunitensi. (the Guardian)

Mireille Knoll, 85 anni, sopravvissuta alle deportazioni nella Francia collaborazionista, è stata assassinata nel proprio appartamento a Parigi, in quello che gli inquirenti ritengono essere un omicidio motivato da antisemitismo. (TIME)

Continuano i bombardamenti israeliani su territori di Gaza che l’esercito del paese collega ad attività armate di Hamas. Ma gli attacchi sembrano avere soprattutto scopo intimidatorio, per limitare la partecipazione alle proteste di venerdì, in occasione del Land Day, giornata di commemorazione della morte di sei attivisti, uccisi disarmati nel 1976. (Middle East Eye)

Secondo Putin, l’incendio che ieri ha devastato un centro commerciale a Kemerovo, Siberia occidentale, causando 64 morti, è stato dovuto a una “negligenza criminale.” (BBC News)

Le condizioni delle persone che vivono nel campo di Abuja, Nigeria, dopo essere sfuggiti da Boko Haram, sono emergenziali. Malgrado la presenza di agenzie governative e Ong non c’è cibo e acqua a sufficienza, e non ci sono strutture sanitarie e scuole. (Al Jazeera)

Un video ottenuto dalla TV giapponese NTV mostra un misterioso blocco di auto verdi e gialle arrivare a Pechino. Si tratterebbe del convoglio di Kim Jong-un, alla propria prima visita internazionale da quando ha preso il potere nel paese. (the New York Times)

Corriere delle buone notizie: Remington, uno dei marchi storici di armi da fuoco, ha annunciato di essere in bancarotta. Un fucile Remington era stato usato per commettere la strage di Sandy Hook. (Quartz)

Internet

Pochi giorni fa scrivevamo di aziende che rivendevano dati privati acquisiti da Facebook a forze di polizia. Un’inchiesta di Lee Fang per l’Intercept rivela che tra le agenzie ad usare dati raccolti via Facebook per tracciare sospetti c’è anche l’ICE, la polizia anti-immigrazione diventata il braccio armato dell’amministrazione Trump. (the Intercept)

È ufficiale, l’FTC statunitense ha aperto un’indagine su Facebook, che dalle rivelazioni dello scandalo Cambridge Analytica ha perso circa 90 miliardi di dollari di valore di mercato. (Quartz)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter, fidati che ne vale la pena.

* * *

Italia

Tania Careddu intervista Luigi Manconi sulle accuse alla Ong Proactiva Open Arms. Manconi solleva il dubbio che la stretta sul “reato di soccorso in mare” sia causato direttamente dal risultato delle elezioni. (Left)

Continuano le trattative e le aperture tra Movimento 5 Stelle e Lega per la formazione del governo: mentre Salvini apre al reddito di cittadinanza e Di Maio promette alla Lega “ministeri importanti,” il nodo principale da sciogliere sarà quello della premiership, a cui il leader 5 Stelle non sarebbe intenzionato a rinunciare. (la Stampa)

Ma come funzionerebbe un governo Lega / 5S? Susanna Turco prova a disegnare alcuni possibili scenari futuri. (l’Espresso)

Oggi intanto si vota in Parlamento per l’elezione dei nuovi capigruppo. (il Sole 24 Ore)

Questioni di genere

Shamir Sanni, il whistleblower che ha svelato i dettagli su come è stata condotta la campagna per il Leave nel referendum sulla Brexit, è scoppiato a piangere durante un’intervista, commentando l’outing forzato da un consigliere di Theresa May. Sanni è stato costretto a rivelare il proprio orientamento sessuale alla propria famiglia in Pakistan, dove l’omosessualità è tabù. (PinkNews)

Cult

Dal 31 maggio al 3 giugno ad Amsterdam, nel contesto del Forum sulla Cultura Europea si terrà un laboratorio su come fare un “rebrand” dell’Unione Europea. (Culture Forum, via It’s Nice That)

Un po’ di aggiornamenti sulla caduta della stazione spaziale cinese Tiangong-1, i cui frammenti dovrebbero arrivare sulla Terra il primo aprile (ma non è così sicuro che cadano in Italia, come si era detto in precedenza.) (the Guardian)

Shadia Bseiso ha 31 anni, viene dalla Giordania ed è la prima wrestler araba a firmare con la WWE. (Al Jazeera)

Ambiente

L’oleodotto della Marathon Petroleum Corporation a Big Creek, nell’Indiana, ha riversato nell’ambiente 160mila litri di petrolio prima che venisse scoperta la perdita la scorsa settimana. (Lifegate)

La notte del 24 marzo qualcuno ha scaricato circa un centinaio di litri di olio esausto sull’altopiano di Cariadeghe. (Corriere della Sera)

Animali

Grazie a Stormy Daniels sappiamo che Donald Trump è ossessionato dagli squali e vorrebbe spazzarli via dall’ecosistema, ma sarebbe una pessima idea. (Quartz)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —