(Savona, incendio in discarica. 08/01/2017, via Vigili del fuoco)

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter, per 3€ al mese o 20€ all’anno. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Nella scorsa settimana in Italia si è registrata un’anomalia di incendi (più di uno al giorno) in diversi impianti di trattamento rifiuti.

Lazio. Clemente Pistilli su Repubblica segnala come gli incendi di impianti di trattamento rifiuti siano raddoppiati in due anni. E come “in larghissima parte” le indagini si siano concluse con l’archiviazione, se sono state svolte del tutto. (la Repubblica)

La mattina del 18 gennaio ad Ostra (Ancona) è scoppiato un incendio in un impianto di riciclaggio per materie plastiche. (Ancona Today)

Il pomeriggio del 18 gennaio a Termoli sono andati a fuoco materiali di scarto tra cui scatole di latta e buste di plastica ammassate nel capannone dismesso di una vecchia industria. (Primonumero)

Il 19 gennaio a Lamezia Terme (Catanzaro) un incendio ha distrutto un deposito di scarti vegetali. (la Stampa)

Il pomeriggio del 19 gennaio a Baranzate (Milano) è scoppiato un rogo in un impianto che tratta rifiuti speciali, industriali e inerti. (Milano Today)

La sera del 20 gennaio a Montecatini (Pistoia) è andata a fuoco la ruspa di un impianto di smaltimento rifiuti. (Go News)

Il 21 gennaio a Belgioioso (Pavia) le autorità hanno posto sotto sequestro un impianto per gestione illecita di rifiuti di plastica e smaltimento illecito di fanghi di depurazione. (Latina Corriere)

In diversi casi, tra i rifiuti andati a fuoco c’era soprattutto plastica. Appare dunque sempre più probabile che questi episodi siano connessi al recente divieto di importazione di plastiche di scarto in Cina. (the Submarine)

Mondo

Si apre oggi a Davos l’annuale Forum economico mondiale. All’evento ogni anno le grandi potenze economiche del mondo commentano sulle ingiustizie del capitalismo, per prontamente poi non fare assolutamente niente a riguardo una volta conclusa la quattro giorni. Ma mentre le ingiustizie aumentano sempre di più, Davos serve ancora a qualcosa? (Al Jazeera)

Durante il proprio intervento introduttivo Christine Lagarde, direttrice operativa del Fondo monetario internazionale, ha sottolineato come sia in corso un consolidamento dell’economia mondiale — lasciando nessuna scusa alla crescente povertà in tutto il mondo. I leader delle grandi potenze hanno poco di cui essere compiaciuti, ha commentato. (the Washington Post)

Ma quest’anno c’è una bomba a orologeria: cosa diranno i leader economici occidentali della presidenza Trump? L’anno scorso le previsioni del forum sul dollaro si sono rivelate tutte sbagliate, e il focus sul “futuro condiviso in un mondo a pezzi” di questa edizione sono dichiaratamente in contrasto con le politiche statunitensi. Per un approfondimento dettagliato, la newsletter del DealBook del New York Times ha tutti i link che vi servono.


(Intanto alla Casa bianca. Gif di Leroy Patterson)

La Camera statunitense ha approvato un budget super temporaneo — fino all’8 febbraio — che permetterà di superare lo shutdown del governo. Il voto è passato con approvazione bipartisan, malgrado non sia stata fatta nessuna concessione alle richieste dei democratici, grazie a un gruppo di democratici convinti dal leader repubblicano della camera, Mitch McConnell. L’opposizione oltranzista della scorsa settimana, insomma, ha già finito le pile — ed è stata inutile. (the New York Times)

Un dietro le quinte patetico dalla Casa bianca rivela che Trump ha usato un accento forzato indiano per prendere in giro il primo ministro indiano Modi. (the Hill)

Il discorso di Mike Pence alla Knesset, il parlamento israeliano, è stato interrotto dalle proteste dei parlamentari palestinesi, che sono stati espulsi dall’aula. (Al Jazeera)

Gli altri parlamentari invece hanno accolto il discorso del vice di Trump con varie standing ovation, in virtù delle numerose citazioni bibliche. (the Jerusalem Post)

Solo negli ultimi sei mesi ci sono stati 34 raid aerei degli Stati Uniti — condotti con i droni — contro i terroristi di al-Shabaab in Somalia: un’escalation che si lascia dietro una scia di vittime civili dimenticate, e che rischia soltanto di accrescere il consenso per gli islamisti nella regione. (the Guardian)

Un gruppo di almeno tre piloti israeliani si sono rifiutati di guidare gli aerei che avrebbero rimpatriato i migranti eritrei e sudanesi che avevano trovato rifugio nel paese dalla guerra. “Non porterò questi rifugiati a morte certa,” ha dichiarato su Facebook uno dei tre piloti, annunciando la protesta. (Eritrea Hub)

Oggi sembra tutto rose e fiori, ma nel 1987 la Corea del Nord fece saltare in aria un Boeing, causando la morte di 115 persone, nel tentativo di bloccare le Olimpiadi che si sarebbero tenute a Seoul l’anno successivo. L’agente incaricata dell’attentato, graziata nel 1990, racconta com’è andata. (CNN)

Continua il repulisti anticorruzione in Vietnam. Un altro generale è stato condannato a 13 anni di prigione per appropriazione indebita di fondi statali. (Reuters)

Bradley Hardison nel 2014 ha vinto un concorso della polizia della sua cittadina come miglior mangiatore di ciambelle della zona — mangiandone 8 in due minuti. Ora si è scoperto che era un rapinatore seriale della catena Dunkin’ Donuts, dove andava anche a rubare ciambelle. (the Virginian Pilot)

Internet

In occasione del lancio della newsletter di Hello, World — a proposito, vi volete abbonare? Potete farlo qui — abbiamo aperto un thread sul nostro gruppo Facebook per raccogliere le newsletter preferite di lettori e redattori: venite a dirci la vostra!

Continua il giro di vite della Corea del Nord sulle criptomonete: entro la fine del mese non sarà più possibile fare operazioni di trading anonimamente. (Quartz)

Italia

Libération intervista Enrico Letta sulla fine dell’operazione Mare Nostrum e su come è stata gestita la crisi migratoria dal 2013 a oggi. “L’Unione Europea dovrebbe usare il dossier dei migranti per far avanzare la propria costruzione, non per creare divisione.” (Libération)

Oh, il candidato della Lega Nord alla Regione Lombardia, Attilio Fontana, ci tiene proprio a far capire di essere un razzista. (Radio Popolare)

Ma secondo Salvini, che risponde così alle critiche recenti della CEI, ”la Lega è l’unico antidoto al razzismo.” Sì, l’ha detto davvero. (la Repubblica, paywall)

A Bellona, nel Casertano, un quarantacinquenne sostenitore di Forza Nuova ha ucciso la moglie e sparato a caso sui passanti con un fucile da caccia, prima di suicidarsi. Cinque i feriti. (la Repubblica)

Molto meritoriamente, Virginia Raggi ha annunciato che le vie di Roma intitolate a chi aderì al Manifesto della razza nel 1938 saranno rinominate. (la Stampa)

Tra le 12 destinazione turistiche da evitare nel 2018 secondo la CNN ci sono anche Venezia e le Cinque Terre. (CNN)

Questioni di genere

Un’altra donna è stata uccisa dal marito a Beirut, riportando sulle pagine dei giornali la gravissima crisi femminicida in corso in Libano. Lo stesso giorno un’altra donna è sopravvissuta alle coltellate del marito. Malgrado il governo abbia approvato leggi contro la violenza domestica nel 2014, la situazione resta gravissima, segnalano le organizzazioni attive nel paese. (Al–Araby Al–Jadeed)

Cult

Censori del governo cinese hanno criticato pesantemente la scena rap indigena. Per l’hip-hop, “uno strumento per sfogare rabbia, disagio, lamentele,” non c’è spazio in Cina. L’annuncio è parte di una campagna da parte del paese per tornare “ai valori centrali del socialismo.” (Reuters)

La solitudine ha conseguenze gravi sulla salute: tra le altre cose, aumento della pressione e dell’incidenza di malattie cardiovascolari. Un’inchiesta di Ashley Fetters per the Cut

Peter Jackson dirigerà un film sulla Prima guerra mondiale interamente basato su materiale video d’archivio restaurato. (the Guardian)

La notizia delle grandi capacità di riconoscimento vocale dell’NSA non può che mettere in guardia sulla sempre maggiore diffusione di assistenti virtuali sempre accesi nelle case dei cittadini statunitensi. Russell Brandom investiga se Amazon e Google, i due leader del settore, stanno facendo abbastanza per proteggere i propri clienti. (the Verge)

Ambiente

Una cisterna al porto di Astoria (Oregon) ha rilasciato circa 16mila litri di petrolio nel fiume Columbia. (Oregon Live)

Giornalismi

Rupert Murdoch ha risolto il problema dell’informazione su internet 😮. Basta che Facebook si metta a pagare i giornali come i distributori di tv via cavo fanno con le reti di notizie. Gli auguriamo sinceramente buona fortuna. (Business Wire)

Sneak Peak: Bonus per gli iscritti alla newsletter

La letteratura fantasy, fantastica e fantascientifica per ragazzi, da Peter Pan a Lo Hobbit passando per Asimov, è sempre stata poverissima di personaggi femminili di spessore. Per fortuna, negli ultimi anni qualcosa è cambiato. (the Paris Review)

Ehi, è riduttivo dipingere Adam Smith soltanto come un campione del libero mercato. (Aeon)

WeCroak è un’app che vi manda 5 notifiche al giorno per ricordarvi che sì, anche voi morirete, così meglio darsi da fare. Alla faccia del metodo Getting things done. (Quartzy)

Singolo del giorno: è la prima volta che sul Sub vi linkiamo a un pezzo cantato da un vocaloid, ovvero da un software di sintesi vocale. “Funny Dancer,” inizia come il 90% delle tracce del genere, come un pezzo turbopop spensierato, ma la roboticità della voce del LUMI usato da Pedestrian non è nascosta, è esaltata — in un pastiche tanto ascoltabile quanto assolutamente alienante. (Su Soundcloud | via Make Believe Melodies)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —