Il 2018 sarà l’anno delle webserie su Facebook

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/01/JD_169.0.jpg

Il mirino di Facebook è puntato contro il suo rivale YouTube e la sfida è appena cominciata.

Non è un buon momento per Youtube. Prima gli eccessi razzisti e politicamente scorretti della sua star numero uno PewDiePie – lo youtuber che conta quasi sessanta milioni di iscritti sul suo canale – costati la conclusione del contratto con la Disney e con la piattaforma premium YouTube Red. Poi l’alienante e macabra scelta di Logan Paul – goldenboy di seconda generazione – di pubblicare le immagini di un ragazzo morto suicida all’interno della “foresta dei suicidi” (Aokigahara), situata alla base del Monte Fuji in Giappone. A questo si è aggiunta, a Novembre, l’inquietante scoperta che ignoti hanno sfruttato l’algoritmo di YouTube per diffondere disturbanti video destinati ad un pubblico di bambini e collezionare milioni di visualizzazioni.

Insomma un anno non facile per la creatura di Jawed Karim, Chad Hurley, Steve Chen – i suoi fondatori – che, una ad una, hanno visto sgretolarsi contemporaneamente le colonne creative e tecniche della propria piattaforma. Questo, bisogna specificare, non ha comunque fermato il dominio quasi monopolistico che YouTube mantiene nel campo dei video online: a Giugno, con un annuncio sul blog ufficiale, erano stati confermati 1,5 miliardi di utenti attivi ogni mese, equivalente a una persona su cinque in tutto il mondo.

Dall’altra parte della barricata il golia accudito da Zuckerberg: Facebook che con i suoi 2 miliardi di utenti attivi al mese rimane il social network per eccellenza, con uno slancio sempre più definito verso i contenuti video e i formati live. Già nel 2016 il suo fondatore avanzava dichiarazioni dal tono profetico:

“La maggior parte dei contenuti 10 anni fa era testuale, poi fotografici e adesso stanno diventando rapidamente video. Penso che tra un paio d’anni avremo un mondo in cui le persone consumeranno principalmente contenuti online in formato video.”

Profezie a parte, il mirino di Facebook è puntato contro il suo rivale YouTube e la sfida è appena cominciata.

Se YouTube ha visto mutare i suoi linguaggi narrativi – almeno quelli nati dalla spinta individuale degli utenti e non da stimoli collaborativi come YouTube Red – in contenuti più gonzi come il vlogging, Facebook invece, ultimo arrivato alla festa, ha sentito il bisogno di allontanare i propri utenti (quasi il doppio del rivale) da video virali e amatoriali verso prodotti più studiati. Per questo motivo ad Agosto l’azienda di Zuckerberg ha presentato Facebook Watch, una nuova piattaforma interna al social network e dedicata alla visione e alla condivisione in tempo reale di contenuti video.

Fonte: Facebook
Fonte: Facebook

All’interno di Facebook Watch – per ora disponibile solo negli Stati Uniti – si troveranno tutti gli show autorizzati da Facebook, divisi per episodi e commentabili in tempo reale come qualsiasi post che appare sulle vostre timeline. Fino a qua la stangata al tubo non sembra troppo evidente, senonché a Dicembre Facebook si è aperto alla possibilità di inserire pre-roll video ads (gli spot che partono prima dei video) nei propri contenuti video.

L’operazione di Facebook è stata costruita su più fronti: la necessità di avere pubblicità in video per aumentare i ricavi dalle inserzioni (che solo negli ultimi mesi hanno generato quasi 10 miliardi di dollari) e la creazione di contenuti in grado di ospitare tali inserzioni. In una parola: le webseries.

Per Facebook infatti i video virali non sono materiale monetizzabile perché sottomesso a variabili casuali, mentre la produzione di show da la possibilità al colosso di creare un sistema sostenibile per inserzionisti e creativi — proprio come YouTube.

Dopo l’annuncio della creazione di Facebook Watch, l’azienda ha avviato collaborazioni con le più grandi digital media company come BuzzFeed e Vox Media per la creazione di contenuti ad hoccon budget dai 10,000 mila dollari fino ai 350,000 mila. Dopo una fase di sperimentazione però il risultato rimane ancora incerto: la maggior parte degli show non sono altro che format televisivi adattata per il mondo dei social. Ball in The Family, Bae or Bail, Gettin’ Wild With Snoop Dog e Returning The Favor sono tutte produzioni che, purtroppo, non hanno nulla al loro interno che rappresenti il cambiamento prodotto dai linguaggi del web e in sostanza sono lo specchio dell’approccio fallimentare di Facebook e delle aziende coinvolte. 

Dall’altra parte però, all’interno di Facebook Watch, si possono trovare vere e proprie perle, capaci di dare nuovo respiro ai contenuti video nati sul social network.

Tra questi l’esempio migliore è Just Doug, webserie creata da Doug Kim. Just Doug è la storia di Doug, un giocatore professionista di poker che, dopo aver vinto 2 milioni in un torneo mondiale, decide di inseguire il proprio sogno e diventare un attore di successo a Hollywood. La serie riprende i temi di serie acclamate come Bojack Horseman e Master of Sex: le contraddizioni di un’America difficilmente multietnica, lo spietato mondo dello showbusiness e in sostanza lo scendere a compromessi con le proprie aspirazioni. Doug Kim però riesce a farlo con leggerezza e a costruire una storia credibile in grado di parlare al pubblico per cui è pensata (quello del web).

Just Doug è l’esempio migliore di che cosa Facebook e un suo eventuale contenitore di video potrebbe ospitare se desse i giusti mezzi e strumenti ai creativi disposti a scommettere sull’azienda di Zuckerberg. Azienda che proprio in questi giorni non se la passa troppo bene dopo i goffi tentativi di escludere testate ed editori dai feed degli utenti, dando sostanzialmente più spazio ai contenuti dei singoli — il tutto con una drammatica ripercussione finanziaria.

Non si sa se Facebook Watch prenderà una forma concreta o esploderà come una bolla di sapone, l’importante è aver dimostrato che non solo buoni prodotti sono realizzabili e presentabili in un mondo affollato come quello di Facebook, ma anzi che se il social network vorrà allinearsi (come ha dimostrato) ai grandi del video dovrà iniziare a migliorare le sue infrastrutture e smettere di creare ostacoli per chi crea.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.