Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Potrebbero essere fino a cento le vittime dell’ennesimo naufragio avvenuto ieri al largo della Libia, secondo notizie della stessa guardia costiera libica. Altri tre gommoni sono stati soccorsi portando “in salvo” (cioè riportando in Libia) circa 300 persone. (la Repubblica)

Tra le persone riportate nei campi di concentramento libici ci sono anche, almeno, dieci donne incinte. (the Libya Observer)

Soltanto quattro giorni fa, un altro naufragio aveva fatto parlare di 8 morti, ma le stime sono state riviste dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, che ha calcolato 64 vittime. (il Post)

Proprio ieri è uscita un’intervista di Vanessa Tomassini all’ambasciatore italiano in Libia Giuseppe Perrone, secondo cui il 2017 “è stato un anno di progresso.” L’ambasciatore ha aggiunto: “È importante sottolinearlo, perché troppa copertura mediatica fa intendere le cose stiano peggiorando, quando non è affatto così. Anzi, è il contrario.” (Libya Herald)

Al contrario, i media italiani sembrano generalmente innamorati della narrativa che l’Italia stia garantendo la stabilizzazione della Libia, un paese letteralmente a pezzi. Ieri, Khalifa Haftar ha dichiarato che “La Libia non è ancora pronta per la democrazia,” aggiungendo che se le prossime elezioni “dovessero fallire, le nostre forze dovranno prendere il controllo di tutto il paese.” (Cosa vuol dire che un’elezione fallisca? Non chiedetelo a noi) (the Libya Observer)

Mondo

Almeno 13 persone sono morte in seguito a violenti allagamenti e frane di fango in California, nella contea di Santa Barbara. Dopo settimane di siccità, la regione è stata colpita da forti piogge. (ABC News)

Un terremoto di magnitudo 7.6 nel Mar dei Caraibi ha fatto scattare un allarme tsunami per Honduras, Puerto Rico e Isole Vergini, poi fortunatamente rientrato. (the Guardian)

L’Australia è scossa dal caso di una quattordicenne che si è tolta la vita dopo essere stata oggetto di cyberbullismo: aveva posato come modella per una famosa marca di cappelli. (BBC)

I due reporter di Reuters detenuti in Myanmar potrebbero essere incriminati in base all’Official Secrets Act, una legge di età coloniale per cui rischiano fino a 14 anni di carcere. (Reuters)

Gli Stati Uniti hanno visto in diretta come Trump fa il presidente: dicendo sì a tutto, anche a tutte le richieste dell’opposizione, lasciando i parlamentari completamente disarmati su come proseguire nello stendere le leggi. (the Atlantic)

Tra le proposte che Trump ha distrattamente sostenuto, anche l’espansione della legge per dare un percorso verso la cittadinanza ai figli di migranti sans papier. Contemporaneamente Trump ha ricordato però la necessità di un muro per fermare i migranti. 🤔 (the New York Times)

A sorpresa, il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha attribuito a Trump un “grande contributo” al disgelo diplomatico tra le due coree. (CNN)

Il primo ministro thailandese Prayuth Chan-ocha ha portato con sé un cartonato di se stesso in conferenza stampa, dicendo ai giornalisti di rivolgere le domande alla figura e non a lui. Prayuth è salito al potere nel contesto del colpo di stato militare del 2014. (BBC)

Italia

Ospite da Bruno Vespa, Di Maio ha proseguito sulla linea “morbida” riguardo al referendum per l’uscita dall’euro. “Non è più il momento.” (la Repubblica)

Sono aperte le trattative per presentare il centrosinistra unito alle elezioni regionali in Lombardia, approfittando della mancata ricandidatura di Maroni. (la Stampa)

Nel frattempo, il centrodestra ha ufficializzato la candidatura dell’ex sindaco di Varese Attilio Fontana. (Corriere della Sera)

Questioni di genere

L’attivista femminista Xiao Meili scrive a SupChina della necessità di confrontarsi con i troppi casi di molestie sessuali nelle università del paese. (SupChina)

Cult

Jeff Bezos è la persona più ricca della storia. (CNN)

La Corte suprema indiana ha votato di sospendere l’obbligo per i cinema di suonare l’inno nazionale prima di tutti i film. (Al Jazeera)

Kodak ha presentato “una criptomoneta per fotografi” e un gadget per minare bitcoin a casa, forse il lancio più stupido del CES di quest’anno (e ci vuole un bell’impegno.) (Reuters)

La perizia della procura conferma: i 21 quadri esposti alla mostra di Modigliani a palazzo Ducale sono tutti falsi. (Corriere della Sera)

L’anno scorso tutti gli analisti davano Nintendo per spacciata, e volevano che si ritirasse dal mercato delle console per produrre solo giochi per telefoni. Un anno dopo, il Nintendo Switch è la console più venduta del mondo. Secondo Ryan Cooper di the Week è la prova che la critica marxista della dialettica capitalista è fondata. (the Week)

Ambiente

Il 2017 in Australia è stato il terzo anno più caldo di sempre, battuto soltanto dal 2005 e dal 2013. (BBC)

 

L’Autorità federale per l’energia statunitense (Ferc) ha bocciato all’unanimità il piano di Donald Trump per il salvataggio dell’industria del carbone e del nucleare. (Qualenergia)

Un accordo che vieta la pesca commerciale nelle acque dell’artico per i prossimi 16 anni è stato raggiunto dall’Unione europea, dagli Stati Uniti e da altre sette nazioni. (Lifegate)

Sul prezzo del petrolio avevano ragione i pensionati: è destinato ad aumentare. Dario Faccini su ASPO.

Diverse Ong si stanno muovendo contro il decreto europeo preparato per favorire lo sviluppo dei biocarburanti. Perché? Perché la mancanza di vincoli rischia di favorire lo spreco alimentare per ottenere biocarburanti. (Transport & Environment / archivio)

Il cambiamento climatico provoca la de-ossigenazione degli oceani. (National Geographics)

Giornalismi

Nella cascata di eventi che hanno fatto seguito alla pubblicazione del libro scandalistico di Wolff, Breitbart News ha licenziato Steve Bannon. (the New York Times)

Gli avvocati di Trump hanno fatto causa per diffamazione a BuzzFeed e Fusion GPS. (CNN)

Secondo i nuovi dati Istat, la televisione pesa ancora per circa il 90% sull’informazione politica degli italiani. (la Stampa)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —