Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

L’audizione di Federico Ghizzoni, ex amministratore delegato di Unicredit ora presidente di Rothschild Italia, ha dato l’occasione a tutte le parti di dichiararsi nel giusto.

Davanti alla commissione parlamentare sulle banche Ghizzoni ha confermato l’incontro con Boschi che era stato rivelato per la prima volta da Ferruccio de Bortoli nel suo libro Poteri forti (o quasi). (Corriere della Sera)

Ma ha esplicitamente e ripetutamente confermato che la ministra non fece nessuna pressione per convincere l’allora ad. “Fu un colloquio cordiale e non avvertii pressioni da parte del ministro.” (il podcast di Radio 24)

Non sono tutte buone notizie per il Giglio magico. Dall’audizione emerge un secondo contatto del gotha renziano con Unicredit, sotto forma di una strana mail di “sollecito” da parte di Marco Carrai, amico e persona vicina a Matteo Renzi. (il manifesto)

Boschi esce così sostanzialmente intatta da ogni responsabilità materiale: il dossier Etruria arriva sui tavoli dei dirigenti Unicredit prima del suo colloquio con Ghizzoni — ed è qui che la rivelazione di de Bortoli cade a pezzi. Ma la ministra, insieme a tutto il Pd, ne esce gravemente compromessa politicamente. La mail di Carrai, “Ciao federico, solo per dirti che su etruria mi è stato chiesto di sollecitarti se possibile e nel rispetto dei ruoli per una risposta” testimonia che nel Pd qualcuno stava facendo pressioni. (la Repubblica)

In un’intervista a Francesco Bei di oggi Boschi traccia quella che dovrebbe essere la versione “definitiva” dei fatti, secondo il Giglio magico e secondo il Pd. Nel frattempo, il danno al partito, e alla politica italiana, è fatto. (la Stampa)

Mondo

Il Myanmar continua a comportarsi come un paese che non ha niente da nascondere, ad esempio rifiutando l’accesso alla relatrice speciale ONU Yanghee Lee, che avrebbe dovuto valutare la situazione circa il rispetto di diritti umani nel paese. (UN News Centre)

Secondo un report di Associated Press la lista delle vittime a Mosul è molto superiore quanto quantificato dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti: i morti sono almeno 11 mila, di cui circa un terzo uccisi in operazioni statunitensi. (Middle East Eye)

Un report esclusivo di Ben Riley–Smith disegna un 2018 da incubo: il Pentagono e la Casa bianca starebbero davvero preparando un attacco alla Corea del Nord. I piani attuali prevederebbero un blitz ultraviolento che dovrebbe neutralizzare le possibilità di risposta del paese in un colpo solo. (the Telegraph)

Nel frattempo, il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha chiesto agli Stati Uniti di sospendere tutti i test militari congiunti fino alla fine delle Olimpiadi della neve dell’anno prossimo. Moon spera che anche la Corea del Nord sospenda le attività militari. “Sarebbe un segno molto positivo per aprire un dialogo sia tra Coree che tra Corea del Nord e Stati Uniti.” (Korea JoongAng Daily)

Dopo una maratona di correzioni formali al terzo tentativo il testo del taglio delle tasse è stato approvato in definitiva dalla Camera statunitense. Si tratta del più grande “sconto” a miliardari e grandi aziende della Storia del paese. (the New York Times)

Canada. Piccola crisi di conflitto di interessi per Justin Trudeau, che l’anno scorso aveva accettato una vacanza di lusso nell’isola privata di Aga Khan mentre erano in corso discussioni tra governo e la Aga Khan Foundation canadese. (Reuters)

Crescono le tensioni tra l’Australia e la Cina. Il primo ministro australiano Malcolm Turnbull accusa il paese di tentativi di influenza estera, e sta preparando una serie di leggi per limitare fortemente le possibilità da parte di governi stranieri di supportare economicamente politici australiani. (the Washington Post)

Caso eclatante è stato quello del senatore Sam Dastyari, laburista, che aveva pubblicamente supportato la posizione aggressiva della Cina sul controllo del Mar Cinese Meridionale contro la linea del partito — in cambio del sostegno economico di un imprenditore cinese, tale Huang Xiangmo, che si era offerto di coprire spese legali che il senatore doveva affrontare. (the Guardian)

Arrivano messaggi di solidarietà sui social network in tutto il mondo per Ahd al–Tamimi, la bambina palestinese che ha affrontato un soldato israeliano che aveva appena sparato al proprio fratello di quindici anni. Il fratello, Mohammed Tamimi, è in terapia intensiva. La sorella è stata arrestata dall’esercito israeliano. (Al-Araby Al-Jadeed)

Secondo George Revel dell’Università di Leicester nemmeno una vittoria schiacciante dei partiti separatisti potrebbe sbloccare la situazione della Catalogna, che oggi va al voto dopo gli eventi dello scorso ottobre. (the Local Es)

Questioni di genere

T.J. Miller, che già non aveva una fama particolarmente buona, è stato accusato di molestie da una vittima anonima. (Attenzione, il resoconto è particolarmente violento.) (the Daily Beast)

Cult

Questo bar londinese si è specializzato in “selfieccino,” cappuccini con la schiuma decorata con la vostra bellissima faccia. (Reuters)

In India si stanno diffondendo sempre più casi di obesità, e secondo questa catena di palestre è l’occasione perfetta per diffondere la mania per il fitness all’Occidentale. (Bloomberg)

È tutto vero: Apple rallenta il vostro iPhone dopo un paio d’anni. Ma lo fa per il vostro bene: le batterie degradano naturalmente nel tempo, e solo così il telefono riesce a durare un po’ di piú durante la giornata. In altre parole, se avete un iPhone 6 che vi sembra stia rallentando troppo, cambiate batteria, e sarà come nuovo. (the Verge)

Giornalismi

In quella che forse è la nostra lista preferita di fine anno finora, Lisa Ryan ha raccolto le espressioni più stressate di giornalisti che hanno avuto a che fare con Trump e la sua gang quest’anno. (the Cut)

Sottomarini

104 anni dopo la sua scomparsa, è stato ritrovato un sottomarino australiano scomparso durante la Prima guerra mondiale. Nel corso degli anni 12 missioni avevano cercato il sottomarino senza successo. (Associated Press)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —