La nuova canzone popolare francese è il rap di Orelsan

Prendete la sfrontatezza di Salmo, la coscienza del presente di Willie Peyote e la particolare presa a male verso la famiglia e il mondo in generale di Fibra, frullateli ed aggiungeteci un accento della Normandia: ecco Orelsan. Oltre a comporre la metà dei Casseurs Flowters è anche da anni in testa alle classifiche francesi coi suoi album da solista, l’ultimo dei quali “La fête est finie” è uscito tre giorni fa ed ha tutti i 14 brani nella top20 di Spotify. L’album continua a ricalcare i suoi leit motiv: la vita di provincia, quella tutta particolare del nord della Francia, le cene di famiglia e le aspettative non rispettate, le donne (anzi, le “meuf”, le tipe), l’amore e il sesso, l’apatia, il senso di non appartenere a niente ma dover inserirsi per forza da qualche parte. Un album che non risparmia i feat tra i più inaspettati, visto che oltre alla scena rap francese (Nekfeu, Maitre Gims) Orelsan chiama a rapport Stromae e le Ibeyi. 4 feat per 4 brani molto diversi, con risultati pazzeschi e inaspettati come il coro delle sorelle Diaz nel ritornello di “Notes pour trop tard”.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.