La cultura dei migranti sui muri di Milano

DIAFRAMMA || Questo mese, un’edizione speciale: tutti i giorni un progetto tratto dal corso di Fotografia per l’Architettura presso la Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano.

a cura di Nicolò Piuzzi

“Immigration graffiti and immigrants” è un progetto di Xiao Sha

Quando sono arrivato per la prima volta a Milano, sono rimasta sconvolta dal numero di graffiti per le strade. Certo, la maggior parte è caos incomprensibile, ma tantissimi sono vere opere d’arte — che a mio parere fanno della città una vera capitale artistica.

I graffiti sono una forma di decorazione architettonica che merita studio come opera d’arte a se stante. Ma quando li si esamina da vicino, i loro meriti sociali sono immediatamente evidenti.

Ho visto per la prima volta il graffito di un dragone cinese cercando panorami in Google Maps. L’ho riconosciuto a prima vista, ed è stata una sorpresa molto piacevole vedere un segno della mia cultura qui a Milano.

È stato in quel momento che mi ho realizzato per la prima volta che nella città dovessero esserci graffiti di molte culture diverse. Così, ho deciso di cercali — e di ritrarli insieme a qualcuno della loro cultura. Questa storia inizia in Via Padova, e racconta di come Milano sia imbevuta indelebilmente della cultura dei migranti.

xiao_sha_01

xiao_sha_02

xiao_sha_03

xiao_sha_04

xiao_sha_05

xiao_sha_06

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.