Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Medici no, nazisti sì

Alla nave di Medici Senza Frontiere è stato negato l’approdo al porto di Lampedusa: 127 persone soccorse in mare sono state trasferite su una nave della Guardia costiera italiana — ma uno dei punti del Codice di condotta del Viminale non era proprio vietare i trasbordi? 🤔 (Corriere della Sera)

La Guardia costiera di Tripoli ha intercettato e riportato in Libia 826 migranti in fuga. “Recuperati e salvati,” dicono, ma saranno trasferiti probabilmente in un centro di detenzione. (la Stampa)

Nel frattempo la nave dei neonazisti C-Star è liberissima di muoversi come vuole, e ieri ha inseguito per miglia la nave Aquarius di Sos Mediterranée. (Radio Popolare)

E se Defend Europe avesse qualcosa a che fare con l’inchiesta che coinvolge Jugend Rettet? L’agenzia di sicurezza privata da cui sono partite le prime segnalazioni contro la Iuventa è legata a doppio filo ad alcuni membri di Generazione identitaria. (Famiglia Cristiana)

Mondo

Le Nazioni Unite hanno colpito la Corea del Nord con nuove sanzioni come misura punitiva per l’avanzamento del programma missilistico. (the Guardian)

La Corea del Nord in questo momento è messa così bene sul piano internazionale che anche la Cina supporta le sanzioni. La Cina resta l’unica voce a chiedere una soluzione diplomatica alla crisi, con l’obiettivo di arrivare alla “denuclearizzazione” coreana. (SCMP)

Sono stati arrestati alcuni soldati turchi dopo la pubblicazione di un video che mostrava abusi abominevoli nei confronti di rifugiati siriani. (Quelli che gli abbiamo mandato noi, ndr) (the Independent)

Mentre Donald Trump va in vacanza, Putin torna dalle proprie dal suo ultimo servizio fotografico a torso nudo. (the Washington Post)

Una bomba è esplosa in una moschea in Minnesota durante la preghiera del mattino. Per fortuna non ci sono stati feriti. (Al Jazeera)

Milano

Un uomo polacco ha cercato di rapire una modella britannica per venderla sul dark web. Ovviamente succede a Milano. (Corriere della Sera)

Questioni di genere

Due giorni fa un dipendente di Google ha fatto circolare nella mailing list aziendale un documento contro la diversità etnica e di genere, in cui si sostiene che le donne sono “naturalmente” meno qualificate degli uomini. Un caso isolato? No, l’espressione di un pensiero radicato a fondo nella Silicon Valley. (Motherboard)

Gizmodo ha messo le mani sul documento completo.

A proposito: la ricerca per un’amministratrice delegata di Uber si è conclusa. Tra i possibili candidati, tre uomini. E basta. (the Denver Post)

Cult

Antonio Garcia Martinez è un ex dipendente di Facebook che ora ha comprato un lotto di terreno su un’isola al largo di Seattle, per allestire un luogo sicuro in cui sopravvivere all’imminente rivolta generalizzata contro la tecnologia. (BBC)

Intanto, la natura ha riconquistato le zone abbandonate della centrale di Fukushima, abbandonata sette anni fa. (Spoon & Tamago)

Ehi, esiste ancora uno store di Blockbuster, almeno su Twitter. (Bored Panda)

Il caso di Marcus Hutchins pone una questione importante: gli hacker “white hat” — ossia quelli che agiscono “a fin di bene” — meritano protezione. (Wired)

Un’azienda che produce cannabis legale ha comprato una cittadina Californiana, Nipton, per farne un paradiso del turismo della cannabis. (NPR)

Medaglia di bronzo per Usain Bolt, che cede il titolo mondiale dei 100 metri al rivale Justin Gatlin — ma dice comunque di essere il più grande atleta della storia. (the Guardian)

Ambiente

Le ondate di caldo di questi giorni sono probabilmente rese più critiche dal cambiamento climatico, ma è giusto fare del sensazionalismo? Ne parla il meteorologo Paolo Sottocorona. (SPNS)

Trump ha annunciato formalmente il ritiro degli USA dal Paris Agreement. (The Marsican Bear)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via