Arabeschi
La Festa di rottura del digiuno

أهلاً و سهلاً قارئ

Benvenuti in un nuovo episodio di Arabeschi

Nell’articolo di oggi parleremo della celebrazione religiosa ‘aid al-fitr (عيد الفطر), cioè la Festa di rottura del digiuno. arabeschi-parola-festa

L’‘aid al-fitr è la festa che segna la fine del Ramadan ovvero, come abbiamo visto in precedenza, il mese dedicato al digiuno e alla preghiera, cadendo dopo il ventinovesimo o trentesimo giorno di digiuno compiuto dall’alba al tramonto, in base al calendario lunare seguito dall’Islam. Con l’‘aid al-fitr, comincia invece il mese dello Shawwal, il cui primo giorno, appunto, è l’unico di questo mese in cui è proibito per i musulmani digiunare, pratica che al di là del mese di Ramadan è possibile fare in qualsiasi momento, durante l’anno.

Come dicevamo sopra il giorno varia in base all’osservazione della luna e le autorità religiose che ne decretano l’arrivo o meno possono dichiarare l’‘aid al-fitr in due giorni diversi a seconda delle località; infatti, a decretare la fine del Ramadan è l’avvistamento del primo spicchio di luna crescente che compare dopo il tramonto del sole nell’ultimo giorno di digiuno, che è sempre o il ventinovesimo o il trentesimo a seconda degli anni. Le cause del mancato avvistamento nel ventinovesimo giorno possono dipendere sia dalle condizioni meteorologiche che ne impediscono la chiara visibilità oppure perché in generale a occidente il cielo è sempre più chiaro quando sorge la luna e quindi, in questi casi, si passa a festeggiare la fine del Ramadan nel giorno successivo.

fitr

Durante questa giornata il tipo di preghiera praticata è molto particolare rispetto al solito e generalmente viene eseguita in uno spazio aperto o molto vasto, tale da poter raggruppare un gran numero di persone, ma in base a quale scuola giuridica viene seguita da uno specifico Stato o una specifica comunità, la preghiera dell’‘aid al-fitr viene definita Fard (فرض) ovvero “obbligatoria”, mustahabb (مستحب) ovvero “fortemente consigliata” oppure mandūb (مندوب) ovvero “opportuna”

Le celebrazioni per l’‘aid al-fitr possono andare avanti da un minimo di 1 a un massimo di 3 giorni che, in generale, vengono rigorosamente passati in famiglia, festeggiando e mangiando tutti insieme.

Infine, l’‘aid al-fitr viene anche definita “la piccola festa” in contrapposizione all’‘aid al-kabīr (عيد الكبير) ovvero la “festa grande” cioè la Festa del Sacrificio, celebrata nel mese lunare dell’ Dhū al-Ḥijja (ذو الحجة) in cui generalmente si compie il pellegrinaggio o Ḥajj (حج).

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.