Grande Cuore, italo disco o che cosa

Ascoltando Carlo Verdone potreste pensare a un improvviso ritorno in pompa magna sulla scena musicale italiana di Alan Sorrenti, giusto in tempo per festeggiare i quarant’anni appena compiuti dalla sua immortale Figli delle stelle, con tanto di risvoltino e occhialetto hipster calato sul naso ad arte, pronto a cavalcare il ritorno in auge dell’italo disco e a rivendicare il suo contribuito a un genere da molti considerato addirittura di culto (vedi il prossimo album dei Phoenix, Ti Amo). E invece no. Loro/lui (chi lo sa?) si chiama Grande Cuore ed è un progetto nuovissimo e top secret di Bomba Dischi, talmente imbevuto di revival che se il suono non pompasse così tanto lo si confonderebbe con uno di quei viniloni usciti a cavallo tra i ’70 e gli ‘80.

Il tributo a Carlo Verdone, se vi è sfuggito il titolo, viene completato con un riferimento a Un sacco bello (il suo fortunato esordio come regista) nella seconda metà della canzone. — Tu sei Marisol io Carlo Verdone — Al volante di Grande Cuore questa volta non trovate però Enzo (uno dei personaggi interpretati da Verdone nel suo film) bensì un insofferente Maltese(?) con l’occhiale sgargiante. E l’internet esplode. O almeno promette di farlo.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.