Carl Brave x Franco 126, Polaroid

L’album d’esordio di Carl Brave x Franco 126, Polaroid, è una raccolta di cartoline romantico-malinconiche tenuta assieme da una narrazione fittissima di nomi e dettagli e condita con una buona dose di auto-tune.

È rap? È pop? È entrambe le cose. Le dieci tracce ammiccano allo studente universitario fuorisede, a quei ventenni che nell’ultimo anno si sono appassionati ai testi nostrani di autori improvvisamente sbocciati e baciati dalla popolarità come Calcutta. Polaroid è un disco fascinoso che strizza l’occhio alla gioventù un po’ scazzata e un po’ giramondo, quella sognante del venerdì sera da Boiler Room e Spotify. Tanto storytelling da portarsi nelle cuffie a spasso per la città, da ascoltare in sella a una bici (ok, non si dovrebbe fare ma ci siamo capiti) magari dopo il tramonto, soprattutto se si hanno meno di venticinque anni. Loro, Carl Brave X Franco 126, ci erano stati segnalati da Gazzelle (anche lui romano) durante la nostra chiacchierata prima del concerto di Milano e oggi, finalmente, credo di aver capito il perché.

Iniziare da: Sempre in due, Noccioline, Pellaria.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.