Tutti i mattoni sono incisi con il nome del “patriota” che l’ha pagato, o con quello della persona a cui è in memoria, e con la scritta in caps lock “Costruiamo il muro.”

Al di fuori di tante analisi del voto che si sono susseguite nelle settimane successive alla vittoria — per lo meno collegiale — di Trump, qui dall’Europa come tutto questo sia possibile è veramente difficile da comprendere. Ma chi l’ha votato questo? è una domanda che è inevitabile farsi, ad ogni gaffe, ad ogni scandalo, ad ogni balla detta davanti a novemila persone.

I suprematisti bianchi. I complottisti che vivono nel proprio RV. Wall Street. Sono tutte risposte corrette, spesso illuminanti, ma parziali. Sono spesso anche figure così aliene allo scenario italiano, europeo, che facciamo fatica perfino a immaginarle: sono tutti come i leghisti? Come i vecchi berlusconiani esaltati?

Non sono tutti così, ma abbiamo trovato i nostri preferiti: sono i Motociclisti per Trump, un gruppo di attivisti di estrema destra che si finanzia nel modo più creativo e orribile e bellissimo del mondo — vendono mattoni, a 60 dollari l’uno.

Gruppazzo di motociclisti razzisti, sessisti e reazionari — il gruppo, tangenzialmente orbitante attorno agli ambienti Tea Party, nasce durante la scorsa campagna elettorale come Breaking Obama.

Inizia organizzato come una specie di club — una cosa inesistente da noi, a proposito, ma abbastanza diffusa negli Stati Uniti: si pagava 10 dollari e ti davano una tesserina di “Odiatore di Obama ufficiale,” numerata e plastificata. Negli anni i Breaking Obama si sono espansi e — dicono, perché la pagina che citano ora risulta cancellata da Facebook, chissà cosa hanno mai fatto 👀 — hanno raggiunto fino a mezzo milione di persone tra Facebook e Twitter, ma senza mai riuscire a trasformare il proprio circolo in qualcosa che non fosse puro attivismo.

È amore, spirito imprenditoriale, o forse truffaldino quello che travolge i nostro motociclisti razzisti quando Trump scende in campo. L’idea è semplice: portiamoci avanti e iniziamo a costruire il muro prima che inizi lo Stato, non per mancanza di fiducia per la bravura di Trump — ma per dargli una mano.

I camerata redneck possono contribuire alla costruzione del muretto della casa del tizio con un mattone per soli 60 dollari — oppure 70 se lo vogliono con l’incisione per loro, ma allora quale sarebbe il senso? No, l’unica alternativa è il pacchetto per due mattoni, così uno finisce sul muro col Messico e uno si più appendere in casa propria.

Tutti i mattoni sono incisi con il nome del patriota che l’ha pagato, o con quello della persona a cui è in memoria, e con la scritta in caps lock “Costruiamo il muro.”

Ovviamente questi mattoni non andranno mai al muro vero di Donald Trump — che non sarà nemmeno un muro di mattoni — ma i tipi di Border Wall Brick non scrivono da nessuna parte che andrà su quel muro, ma solo su “that wall,” e perché no, può essere benissimo un muro nel giardino riarso del loro meccanico nel Texas profondo.

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.