Diwan

أهلاً وسهلاً قارئ عيد ميلاد مجيد

Benvenuti in un nuovo episodio di Arabeschi


“Diwan” è un vocabolo di origine persiana, il cui significato in varie lingue indoeuropee si riferisce a “divano” o “dogana” e che è traducibile con il termine “registro” o “lista”.
Andiamo insieme a rintracciarne le radici storiche.

arabeschi-parola-diwan

La parola fu introdotta nel mondo arabo sotto il califfato di ‘Omar I con il significato “registro dei soldi delle milizie arabe e delle pensioni di stato.” Con l’ampliarsi dell’organismo amministrativo dell’Impero musulmano il vocabolo, già nel secolo IX d.C., fu applicato alla direzione generale dell’amministrazione finanziaria e della proprietà fondiaria, come pure ai singoli uffici da essa dipendenti; poco più tardi servì anche a designare qualsiasi ufficio pubblico amministrativo, e, in seguito, consigli di alti funzionari e persino tribunali speciali.

Derivante dal persiano dibir, significante “scrittore,” essa è fortemente legata al concetto di poetica araba.
Per l’appunto, le poesie, chiamate Mu’allaqat (letteralmente “le appese,” termine di origine e significato incerti), vennero composte in un’epoca nuova di forti cambiamenti e rivoluzioni, tant’è che coloro che le componevano vengono oggi ricordati come sommi maestri nonché capostipiti dell’arte, tra cui Labid, Zuhayr e Imru’l-Qays.

Il diwan nell’antico impero ottomano stava a indicare il consiglio dei ministri; in seguito, per estensione, indicò anche il libro o registro dove venivano trascritte le loro importanti decisioni. Con il trascorrere del tempo, e come accade sempre per le questioni di lingua, si pensò di chiamare — sempre per estensione — diwan anche la sedia sulla quale sedevano i ministri durante le loro riunioni.
Giunti a questo punto, poiché il diwan indicava (come abbiamo visto) un libro di una certa importanza — racchiudeva, appunto, le decisioni dei ministri — si decise di chiamare diwan il libro nel quale erano raccolte tutte le poesie, in ordine alfabetico o cronologico, di un importante poeta (o scrittore) orientale.
La poetica e lo stile Diwan sono riconosciuti al mondo come un’arte di straordinario impegno manuale, al pari dei manoscritti medioevali curati dai monaci amanuensi nel pieno dello sviluppo del Cristianesimo.

amjed-diwani

Foto e opera di Amjed Rifaie, calligrafo arabo e fotografo

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.