Circa 5 milioni di palestinesi non hanno  la possibilità di usufruire del servizio di PayPal, che pure è attivo in 202 Paesi del mondo.

A fine agosto, una quarantina di aziende, associazioni e gruppi di pressione hanno indirizzato una lettera aperta a Daniel Schulman, presidente e CEO di PayPal, per chiedere che l’operatività della compagnia — leader nel settore dei pagamenti online — sia estesa anche ai territori palestinesi della striscia di Gaza e della Cisgiordania.

Per accompagnare la campagna, è stato lanciato su Twitter l’hashtag #PayPal4Palestine.

Circa 5 milioni di palestinesi (poco meno di 3 in Cisgiordania, quasi 2 nella Striscia) non hanno infatti la possibilità di usufruire del servizio, che pure è attivo in 202 Paesi del mondo, molti dei quali altrettanto instabili politicamente — come lo Yemen e la Somalia — o decisamente deprecabili dal punto di vista del rispetto dei diritti umani e delle libertà individuali, come l’Eritrea.

Ma il vero paradosso è che possono utilizzare PayPal perfino i coloni israeliani che vivono negli insediamenti in Cisgiordania — considerati illegali dalla comunità internazionale — mentre i palestinesi, magari a poche centinaia di metri di distanza, non possono.

La ragione è che non ci sono accordi tra PayPal e le banche che sottostanno all’Autorità Monetaria Palestinese — anche se la moneta più usata è comunque lo shekel israeliano. Ma la guerra si gioca spesso anche sul piano bancario, dato che gran parte delle entrate fiscali dell’Autorità Palestinese dipendono comunque dalle banche israeliane.

Tra i firmatari della lettera a Schulman figurano aziende attive nel settore tecnologico o turistico palestinese, incubatori di startup come Gaza Sky Geeks e gruppi di pressione esteri come Americans for a Vibrant Palestine Economy, da cui sembra partita l’iniziativa.

“L’assenza di PayPal è un grosso ostacolo per la crescita del settore tecnologico e in generale dell’economia palestinese,” scrivono. “Quello tecnologico è uno dei soli settori con qualche potenzialità di crescita nello status quo delle condizioni dell’occupazione israeliana, che pone severe restrizioni ai movimenti interni ed esterni di beni e persone.”

In effetti, con circa duemila laureati in informatica ogni anno, i territori palestinesi hanno dato vita a un piccolo miracolo tecnologico, attirando anche un buon numero di investimenti stranieri — come i 10 milioni stanziati da Cisco Systems tra il 2008 e il 2012.

Contattata da TechCrunch in merito alla questione, PayPal ha dato una risposta piuttosto vaga: “L’ambizione di PayPal è che alla fine tutti abbiano accesso ai nostri servizi per il pagamento e il commercio digitale, in accordo con i requisiti di regolamento applicabili. Apprezziamo l’interesse che la comunità palestinese ha mostrato per PayPal. Non abbiamo nulla da annunciare per il futuro immediato, ma lavoriamo continuamente per sviluppare partnership strategiche […] e acquisire le autorizzazioni locali necessarie per entrare in nuovi mercati.”

Insomma, per gli imprenditori e i privati palestinesi ci sarà ancora da aspettare.

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.