in copertina, illustrazione di Arabab, via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

A Kabul il terzo attacco terroristico in pochi giorni ha colpito un’accademia militare della città uccidendo cinque soldati. L’attacco è stato rivendicato dallo Stato Islamico. (BBC)

Shereena Qazi racconta di come sia ormai la norma per i cittadini afghani portare nel proprio portafoglio una sorta di passaporto sanitario improvvisato, con tutte le informazioni mediche che servano e i contatti di emergenza. Dopo l’attacco dell’altro ieri a Kabul per ore è stato impossibile capire chi nella zona fosse ferito, morto, o disperso, e in caso, in che ospedale si trovasse. (Al Jazeera)

L’escalation di violenza, che colpisce soprattutto i civili, risponde a una precisa strategia dei taliban: creare le condizioni per un conflitto davvero interminabile. Un conflitto che gli Stati Uniti, così potenti nella zona ma assolutamente inadatti a governarla, semplicemente non sono in grado di affrontare. (the New York Times)

Nel frattempo, mentre i paesi europei denunciano la drammaticità degli attacchi, sia dall’Europa che dai paesi confinanti, come Iran e Pakistan, continuano i rimpatri nel paese, in guerra da ormai sedici anni e guidato da un governo di coalizione completamente congelato, imposto quasi forzosamente dagli Stati Uniti. (il manifesto global)

Per una visione d’insieme aggiornata sulla situazione in Afghanistan, qui potete leggere il report settimanale — della settimana scorsa — dell’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari. (via ReliefWeb)

Mondo

Dopo la condanna a morte in Iraq di una cittadina tedesca di origini marocchine unitasi allo Stato Islamico, la ministra della giustizia francese ha detto che la Francia interverrebbe se dovesse accadere a un proprio cittadino. (Middle East Eye)

Sei ore di trattative notturne non sono bastate per raggiungere un accordo tra SPD e CDU sulla Grande coalizione. Il nodo da sciogliere, ancora una volta, è la questione rifugiati, con i socialisti determinati a pretendere garanzie per il ricongiungimento parentale. (DW)

Immagini di tenerezza domestica: nella sua prima intervista televisiva internazionale, per l’emittente britannica ITV, Trump ha detto che di tanto in tanto twitta mentre è a letto. (Reuters)

Tra le cose più serie, ha detto che gli Stati Uniti sarebbero disposti a rientrare nell’accordo di Parigi se fosse negoziato diversamente e che Theresa May dovrebbe essere più “dura” nelle trattative sulla Brexit. (the Guardian)

Secondo un’analisi di Suraj Sharma la Turchia sta giocando col fuoco con la propria operazione contro i curdi. Tensioni con gli Stati Uniti non erano così alte dal 1975, e se anche solo un soldato statunitense dovesse essere colpito dai bombardamenti nella provincia di Afrin tutto cambierebbe per Ankara. (Middle East Eye)

* * *

Sai cos’è una figata? Ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email. Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter, per 3€ al mese o 20€ all’anno. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Internet

Meglio tardi che mai: Facebook ha pubblicato per la prima volta i propri princìpi sulla privacy degli utenti. Seguiranno anche dei video tutorial per assistere gli utenti a modificare le impostazioni. (the Guardian)

I princìpi comprendono sette punti, da “Ciascuno ha il controllo sulla propria privacy” a ”Ci assumiamo le nostre responsabilità.” (Facebook)

La mossa non deriva da un afflato di bontà dell’azienda di Mark Zuckerberg, ma dalla volontà di essere in regola prima dell’entrata in vigore del nuovo Regolamento generale per la protezione dei dati personali dell’Unione europea, prevista per il 25 maggio. (Agenda Digitale, 11/01)

Italia

Tre donne sono morte e almeno venti persone sono disperse in seguito all’affondamento di un gommone con 120 persone a bordo al largo della Libia. In diverse operazioni di soccorso, sono state salvate circa 800 persone nelle ultime 24 ore. (la Repubblica)

Sulla questione delle liste del Pd è arrivato il duro affondo di Enrico Letta: ”Un’incredibile corsa verso l’abisso. (la Stampa)

Renzi, sordo a qualsiasi critica come al solito, ha difeso le candidature — durante un’ospitata televisiva da Barbara D’Urso. (Corriere della Sera)

“Non si vota col naso turato, o per responsabilità, per dovere, ma per noia, per moto inerziale, per non avere nemmeno la forza di manifestare il dissenso del non votare.” È la peggior campagna elettorale di sempre, argomenta Christian Raimo. (minima et moralia)

Milano

Ci risiamo.

image1

(Dati Arpa Lombardia)

A proposito, ma a Milano quanto si parla di inquinamento in campagna elettorale? Pochissimo. (Corriere della Sera / archivio)

Mafia

Omicidi, rapine, droga. A Siracusa le canzoni neomelodiche inneggiano alla mafia . (La Spia)

Cult

Momenti d’oro ai Grammy: Cher, Snoop Dogg, John Legend e Hillary Clinton partecipano alle finte audizioni per l’audiolibro di “Fire and Fury.” (via Slate)

Nikki Haley, l’ambasciatrice statunitense all’Onu, non l’ha presa bene:

Dietro la facciata progressista — comunque meritevole tutto considerato —, dietro i Grammy l’industria dello spettacolo statunitense è sempre la stessa, ed è quella che per la serata aveva previsto esibizioni per tutti gli artisti candidati all’ambito premio per Miglior album, tranne che per Lorde, che siamo certi sia una pura coincidenza, era anche l’unica donna candidata per il premio. (the Cut)

Accessori 👌

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi