Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Mentre piovono le condanne per l’espressione oscena con cui Trump ha descritto Haiti, El Salvador e alcuni paesi africani — “paesi di merda” — giungono alla stampa storie di sue gaffe che finora erano rimaste fuori dalle pagine dei giornali. Come quella volta in cui durante un briefing di un’agente dell’intelligence americana-coreana ha chiesto perché non si occupasse dei rapporti con Kim Jong–un “questa bella ragazza coreana;” o quella volta che si è vantato degli F-52 che gli Stati Uniti avrebbero venduto alla Norvegia — peccato che gli F-52 esistano solo nel videogioco Call of Duty. (Newsweek / Charlie Intel)

Ma c’è una conseguenza vera: finalmente gli Stati Uniti stanno facendo i conti su cosa vuole dire aver eletto alla Casa bianca un razzista. (the New Yorker)

La giornalista di American Urban Radio April Ryan ha provato a chiedere al presidente se era razzista. Non ha risposto, e secondo Robert Mackey dell’Intercept è una domanda che la stampa deve continuare a fare. (the Intercept)

La dichiarazione ha scandalizzato personalità di tutti e due i lati di Camera e Senato, tra cui anche Lindsey Graham, storico senatore repubblicano della South Carolina, che ha ammonito il presidente, “l’America è un’idea, non una razza.” (the New York Times)

Come ha fatto Trump a cavarsi dall’impaccio della sua dichiarazione esplosiva? Facendo l’unica cosa che sa fare: mentendo. (the New Yorker)

E purtroppo però il presidente è ancora in “salute eccellente.” (Los Angeles Times

Un mese prima delle elezioni uno degli avvocati di Trump ha pagato 130 mila dollari a una star di film per adulti per comprare il suo silenzio circa un supposto rapporto sessuale che avrebbe avuto con l’attuale presidente degli Stati Uniti. (the Wall Street Journal)

Mondo

Siria. 900 famiglie di Ghouta Est sono costrette a spostarsi di paese in paese, dopo aver perso tutti i propri averi, mentre cercano di sfuggire dalla nuova ondata di bombardamenti lanciati dal governo sulla zona. (Middle East Eye)

Come funzionano i meccanismi di accoglienza libici? Ad esempio prevedendo arresti con rimpatrio immediati per tutti i migranti che provengono da paesi con cui lo stato — e l’Italia — hanno accordi già stabiliti. (Arab News)

Il ministro delle telecomunicazioni israeliano Ayoob Kara tranquillizza la stampa: quando ha minacciato chi diffondeva “fake news” con la pena di morte, parlava metaforicamente. (Meno male) (Al–Araby Al–Jadeed)

Alla fine in qualche modo una coalizione l’hanno messa insieme in Germania, “con riluttanza,” scrive Christoph Strack di DW. Se il governo si farà sarà interamente merito del presidente Steinmeier, che sta costringendo i tre partiti ad accettare compromessi che avevano giurato non avrebbero mai accolto. (DW)

Dopo essersi lagnato fino all’ultimo, alla fine Trump ha firmato l’estensione dell’accordo nucleare con l’Iran. (USA Today)

Il presidente degli Stati Uniti, che deve confermare il trattato ogni 120 giorni, ha minacciato di ritirare il paese più volte nel suo anno di presidenza. Questa volta però ha fatto richieste più chiare, sostanzialmente chiedendo più controlli e che l’Unione europea segua al suo posto la situazione in Iran. (the Washington Post)

Alla fine la città di New York terrà la statua di Cristoforo Colombo che aveva causato così tante controversie nei mesi scorsi. Invece di essere rimossa, la statua sarà accompagnata da cartelli e segnali che raccontino dei massacri e dell’invasione di cui fu responsabile. (Bloomberg)

Che cosa si può fare se si è messi al bando dalle prossime olimpiadi — invernali, in Corea del Sud — e si ha un gigantesco braccio armato hacker? Non lo sappiamo, chiedetelo alla Russia: ad esempio, si può cercare di hackare le mail del Comitato Olimpico Internazionale. (BuzzFeed News)

Italia

Alla fine la coalizione di destra guidata da Silvio Berlusconi ha trovato una soluzione per i contenuti del programma di campagna elettorale: non scriverci niente di forte, usare toni più morbidi possibili. Ma torna un classico: meno tasse per tutti. (il manifesto)

Liberi e uguali ha deciso di non sostenere Gori nella sua — quasi certamente vana — corsa al Pirellone. Ma secondo alcuni un appoggio last minute è ancora possibile. (Corriere della Sera)

I sogni di gloria di Berlusconi sono interrotti da un dato di fatto: l’incarico esplorativo sarà per forza dato a Luigi Di Maio. Gli ultimi sondaggi disegnano sostanzialmente una coalizione di centrodestra “al pieno,” dove ormai i voti possono solo spostarsi da Forza Italia a Lega, e viceversa. L’incubo? Il crollo della leadership dell’amichevole Renzi e una cordata Cinque Stelle, Pd post–Renzi, Liberi e Uguali. (l’Huffington Post)

Milano

Nel 2017 la Polizia Locale di Milano ha recuperato 184 biciclette rubate. (Comune di Milano)

Sulla pagina Facebook della “Squadra contrasto bici rubate” potete controllare se c’è anche la vostra.

Il consiglio comunale ha approvato il divieto alla concessione di “spazi, patrocini, contributi” di qualsiasi tipo alle organizzazioni fasciste e neofasciste. (MilanoToday)

Questioni di genere

La Polonia vuole rendere ulteriormente severa la propria legislazione sull’aborto, già molto restrittiva. (il Post)

Cult

Peter Valdes-Dapena recensisce la Model 3 di Tesla. La macchina più economica mai prodotta dall’azienda di Elon Musk è ancora parecchio cara, e non è l’automobile migliore che si può comprare per quel prezzo. (CNN)

Vi presentiamo l’arma di robot guidati da intelligenza artificiale che coltiveranno i campi di tutto il mondo, nel prossimo futuro. (Bloomberg Businessweek)

Google sta distruggendo siti che raccolgono informazioni sensibili per minoranze — come quelli che seguono la letteratura afroamericana, spiega Adrianne Jeffries — inserendo i dati nel proprio “Knowledge Graph,” la funzione che permette di dare risposte alle ricerche degli utenti senza fargli lasciare Google. (the Outline)

Problemi seri con cui dovremo fare i conti: recuperare file da dischi molto vecchi è ogni anno più complesso. L’avventura di Jason Snell, dal 1988 al 2018. (Six Colors)

A un anno di distanza dal varo, come sta andando l’esperimento di reddito universale di base in corso in Finlandia? (the Guardian)

Ambiente

Quest’anno l’IPCC pubblicherà un aggiornamento dello stato della ricerca sul cambiamento climatico, cosa che inevitabilmente scatenerà un’ondata di negazionismo. I nostri media se ne accorgeranno o fungeranno da megafono per le teorie climate skeptic? (DeSmog Blog)

Come la provincia di Pavia è diventata la pattumiera della lombardia. (VICE)

Negli ultimi giorni si sono verificate nevicate eccezionali? Macché. Secondo il professor Bocchiola del Politecnico di Milano è normale che le nevicate invernali siano intense, ma negli anni precedenti si sono affievolite a causa del climate change.

Giornalismi

L’archivio storico dell’Unità, scomparso da internet dopo la chiusura del sito unita.it, è finito nel deep web. (la Repubblica)

Fondo del barile

Quando perdi il controllo del carro armato che hai appena rubato alla scuola guida e ti schianti nella vetrina di un minimarket, tanto vale che già che ci sei rubi una bottiglia di vino, no? (BBC News)

***

Gif di Diana Pietrzyk

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi