Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

in copertina, i pazienti fatti evacuare da un’ospedale di Villahermosa, in Tabasco. Foto EPA

Un terremoto di magnitudo 8,4 con epicentro nelle coste a sud di Tuxtla Gutiérrez ha scosso questa notte il Messico. (the Guardian)

Il terremoto è stato avvertito fino a quasi 1000 km di distanza dall’epicentro. A Mexico City i palazzi hanno tremato così tanto “da toccare quelli di fronte.” (the New York Times)

Subito dopo il terremoto è stato lanciato l’allarme tsunami. Sono in corso evacuazioni in tutta la Costa del Pacifico. Intanto, ospiti e personale di un hotel a Matías Romero, in Oaxaca, sono intrappolati sotto le macerie. (la Jornada)

In questo momento non sono disponibili dirette in inglese, ma la copertura del Sin Embargo è la migliore che possiate trovare su internet.

Mondo

Harvey, Irma, ma non solo: nel golfo del messico e al centro dell’oceano Atlantico settentrionale si sono formati gli uragani Katia e Jose. (ABCnews)

Dopo aver lasciato distruzione totale nelle isole del mare dei Caraibi, i nuovi modelli prevedono che Irma colpirà l’intera Florida e non solo le coste. (the New York Times)

Si tratta di uno scenario particolarmente preoccupante perché il centro-sud della Florida è stato edificato di corsa, con strutture che in nessun modo possono resistere i venti dell’uragano. (the New York Times)

“Mettete i fenicotteri nel bagno degli uomini!” Come zoo e acquari affrontano gli uragani. (NPR)

Il figlio di Rodrigo Duterte è sospettato di aver collaborato al traffico di metanfetamine per il valore di 125 milioni di dollari. Il padre – che ha iniziato una sanguinosa guerra contro narcotrafficanti e spacciatori – non deve essere troppo contento. (Vice News)

Chi è Donald Trump? È il primo presidente bianco, eletto interamente in risposta all’odio di una parte della popolazione di aver avuto un presidente di colore. L’editoriale di Ta-Nehisi Coates. (the Atlantic)

Dalle mantelle rifinite in pelo di tigre ad un pugnale d’argento, con il fodero interamente in madreperla, i regali dell’Arabia Saudita a Trump all’incontro della palla luminosa dello scorso marzo sono uno più folle dell’altro. (the Daily Beast)

In Mongolia parlamentari del partito popolare, al governo, si sono uniti alle opposizioni per togliere la fiducia al governo del Primo ministro Jargaltulga Erdenebat per “corruzione e incompetenza.” (the Washington Post)

Italia

“Stupri e torture.” È la denuncia shock di Medici Senza Frontiere sulle condizioni nei centri di detenzione libici per migranti. Da Bruxelles arriva qualche sommesso cenno di preoccupazione, in Italia si celebra la scoperta dei campi di concentramento. (il manifesto)

Qui potete leggere la lettera aperta firmata da MSF nella versione in italiano, per il presidente del consiglio Gentiloni.

Cult

Ormai i lanci e gli atterraggi di razzi di SpaceX non sono nemmeno più emozionanti, ma questo, con Irma alle calcagne, per lanciare in orbita un satellite top secret, è stato abbastanza emozionante. (the Verge)

È stata un’estate durissima per Hollywood, con incassi ai minimi storici. Ma secondo Hollywood è colpa del sito di raccolta recensioni Rotten Tomatoes, attraverso cui il pubblico può scoprire se un film è brutto senza andarlo a vedere 🤔 (the New York Times)

Ambiente

Negli ultimi giorni, quasi 400 dipendenti dell’EPA hanno dato le dimissioni. Forse perchè per uno scienziato è umiliante lavorarci e definirsi tale. (Wall Street Journal)

Fondo del barile

Questo hotel belga offre ai propri ospiti solitari la possibilità di affittare un pesce rosso per non passare la notte in solitudine. (Mental Floss)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi