Cinque poliziotti sono stati uccisi a Dallas in una sparatoria nella notte (20.45 circa ora locale), altri sei poliziotti e un civile sono stati feriti. Uno dei sospettati è morto, dopo uno scontro con la polizia durato oltre un’ora.

La sparatoria è avvenuta durante una manifestazione di protesta contro le violenze della polizia ai danni degli afroamericani, pochi giorni dopo gli omicidi di Alton Sterling a Baton Rouge e Philando Castile a Minneapolis.

I poliziotti sono stati presi di mira da alcuni cecchini che, secondo le prime ricostruzioni, avrebbero esploso i colpi da una posizione elevata. Immediatamente tra la folla si è scatenato il panico.

Il momento esatto della sparatoria è stato filmato da alcuni testimoni su Twitter.

Alle 5.52 del mattino (ora italiana) il dipartimento di polizia di Dallas ha diffuso la foto di un sospetto — poi risultato estraneo ai fatti. Si trattava del fratello di uno degli organizzatori della manifestazione, e nella foto aveva in mano un fucile — che in Texas è del tutto legale.

Poco dopo, i poliziotti hanno iniziato a negoziare con uno dei possibili responsabili dell’attacco, barricatosi all’interno di un garage sopra-elevato.

Secondo le dichiarazioni del capo della polizia di Dallas David Brown: “Il sospettato ha detto ai nostri negoziatori che la fine sta arrivando e che ferirĂ  e ucciderĂ  altri di noi, e che ci sono bombe ovunque, qui e nel centro cittĂ .” Nel frattempo, altre tre persone, di cui una donna, sono state fermate. Secondo il capo della polizia, sarebbero questi quattro gli esecutori dell’attacco.

Il garage dello stand-off si trova vicino al College di El Centro, dove studenti e personale sono rimasti bloccati.

Verso le 10.15 (ora italiana) è stata diffusa la notizia della morte del sospettato, forse per suicidio.

L’unica civile ferita è una donna afroamericana, Shetamia Taylor, che stava partecipando alla manifestazione insieme ai suoi quattro figli minorenni. Non è in pericolo di vita.

Il Next Generation Action Network, che ha organizzato la protesta, ha dichiarato l’attacco di questa notte come un “atto di codardia.”

La NGAN ha organizzato una protesta pacifica per mobilitare l’opinione pubblica rispetto a due recenti sparatorie della polizia. NĂŠ la NGAN nĂŠ il suo presidente Dominique Alexander giustificano la violenza, in nessuna sua forma. […] Questi atti di codardia sono stati commessi da individui che non hanno nessuna relazione con la NGAN.

Ricerche sono in corso per verificare se sono fondate le affermazioni del sospettato sulla presenza di bombe in altri luoghi della cittĂ . Siamo in attesa di ulteriori aggiornamenti.

 

No more articles

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi