Bloccare le navi delle Ong con il pretesto del coronavirus non ha senso

La psicosi da Coronavirus ha messo in evidenza come le regioni siano pronte a esprimere i sentimenti politici più razzisti nel paese — e come il sistema basato sulla loro semi-autonomia non funzioni.

in copertina, foto via Twitter

La psicosi da Coronavirus ha messo in evidenza come le regioni siano pronte a esprimere i sentimenti politici più razzisti nel paese – e come il sistema basato sulla loro semi-autonomia non funzioni.

Bentornat* a TRAPPIST, l’unico podcast live dalla zona rossa

Tutti hanno trovato almeno un nuovo aspetto positivo nella quarantena da COVID-19. Ad esempio il governatore friulano Fedriga, che ha deciso di cogliere la palla al balzo per provare a internare più stranieri possibile; o il governatore siciliano Musumeci, che ha chiesto senza alcuna ragione valida di quarantenare equipaggio e soccorsi delle navi di soccorso umanitario nel Mediterraneo.

L’irrequietezza dei governatori è dovuta a un problema dell’orientamento italiano, sospeso tra centralismo e una progressiva apertura federalista che ha avuto luogo negli ultimi vent’anni. Ma cos’hanno fatto le regioni per meritarsi così tanti poteri in ambiti come quello della sanità? (Spoiler: niente)

Show Notes

In questa puntata sono con voi: Stefano Colombo @stefthesub e Sebastian Bendinelli @sebendinelli
Per non perderti nemmeno un episodio di TRAPPIST, abbonati su Spotify e Apple Podcasts.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017)

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via