Evitare l’aumento dell’Iva si mangia quasi tutta la manovra

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/10/Screenshot-2019-10-01-at-09.35.43-1280x684.jpg
in copertina, grab via YouTube

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

“Abbiamo sterilizzato l’aumento dell’Iva.” Con queste prime parole Conte ha presentato la nota di aggiornamento al DEF (per gli amici NADEF) licenziata ieri dal Consiglio dei ministri. Nel documento il governo prevede una crescita del PIL nel 2019 dello 0,1%, e interventi da circa 29 miliardi per la manovra del 2020, di cui 14,4 miliardi che comprendono nuove entrate e riduzioni di spesa, e 7 miliardi di euro provenienti dalla lotta all’evasione. (il Post)

Guarda la conferenza stampa di Conte e Gualtieri su YouTube:

Qui invece puoi leggere il testo completo del documento, la cui premessa inizia con un bellissimo understatement: “Negli ultimi quindici mesi l’Italia ha attraversato una fase complessa.” (pdf / via Il Sole 24 Ore)

L’intesa è stata raggiunta al termine di una giornata piuttosto tesa, specialmente per l’opposizione netta di Renzi e Di Maio a qualsiasi aumento selettivo dell’Iva. Alla fine, non risultano sostanziali novità rispetto alle anticipazioni circolate nei giorni scorsi: lotta all’evasione, riduzione del cuneo fiscale e flessibilità — il rapporto deficit/PIL è previsto al 2,2% — sono i pilastri su cui il governo intende impostare la prossima manovra. (la Repubblica)

I 7 miliardi di evasione dovrebbero essere recuperati attraverso l’incentivazione all’utilizzo dei pagamenti elettronici, “ma senza penalizzare nessuno” — ha specificato Conte in conferenza stampa. Questi soldi, senza dubbio, da qualche parte ci sono: secondo le stime, la differenza tra le tasse pagate e le tasse dovute in Italia è pari a 109 miliardi, il 6,4% del Pil. (Next Quotidiano)

Tra gli ambiti di intervento per trovare le risorse necessarie c’è anche la “Riduzione delle spese fiscali e dei sussidi dannosi per l’ambiente e nuove imposte ambientali, che nel complesso aumenterebbero il gettito di circa lo 0,1 per cento del PIL,” cioè 1,7-1,8 miliardi. “Il Green New Deal è uno degli assi della manovra,” ha detto Gualtieri, annunciando l’istituzione di un fondo da 50 miliardi e l’impegno a chiedere di escludere gli investimenti in questo settore dal patto di stabilità. (AGI)

Il nostro provvedimento preferito, ad ogni modo, è il “superbonus Befana”: l’ipotesi di restituire un bonus di massimo 475 euro a chi abbia speso, nell’anno precedente, almeno 2500 euro in pagamenti elettronici. (Adnkronos)

Certo, se su una manovra da 29 miliardi circa 23 vengono mangiati dalla sterilizzazione dell’aumento dell’Iva, si capisce come per il resto avanzino solo pochi spiccioli — per la riduzione del cuneo fiscale, per esempio, ci sono solo 2,7 miliardi. È la scelta di pagare l’eredità del governo gialloverde, mantenendo allo stesso tempo intatte gran parte delle misure della manovra precedente (in primis Quota 100 e Reddito di cittadinanza.) (HuffPost)

Per dirla con Francesco Cancellato, “l’abbuffata è finita”: la manovra del governo Conte Bis sarà “un grande conto da pagare,” e l’anno prossimo rischia di essere pure peggio. (Fanpage)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

L’uragano Lorenzo ha perso di intensità ed è ora di categoria 2, ma continua il proprio percorso verso le isole Azzorre, dove vivono 250 mila persone, a 1500 km dal Portogallo. Si tratta di una tempesta senza precedenti: siamo molto avanti nella “stagione degli uragani,” e non se n’è mai registrato uno di questa intensità così a nord-est dell’Atlantico. L’uragano agita venti fortissimi in un’area larga 800 km. (the New York Times)

Continuano gli arresti in Egitto — si parla di più di 2200 persone in questo momento. Nella pioggia degli arresti, gli avvocati specializzati in diritti umani stanno cercando di assistere più persone possibile, ma le autorità stanno inseguendo anche loro. Intervistato da un corrispondente di Middle East Eye, costretto all’anonimato nel regime di al–Sisi, un avvocato ha dichiarato: “So che è solo questione di tempo prima che venga arrestato.” (Middle East Eye)

Intervistato da 60 Minutes di CBS, il principe saudita bin Salman ha negato di nuovo di essere il mandante dell’omicidio Khashoggi, ma ha dichiarato che “se ne assume tutte le responsabilità,” perché “è stato commesso da individui che lavoravano per il governo saudita.” Ma non preoccupatevi, il principe “sta facendo tutto quello che può per evitare casi simili succedano di nuovo in futuro,” e ammette che assalire un giornalista, ucciderlo e farlo a pezzi “è stato un errore.” (CBS News / Al Jazeera)

Un retroscena di Mark Mazzetti e Katie Benner rivela un altro episodio in cui Trump ha fatto uso della diplomazia per i propri interessi personali. Poche settimane fa Trump ha chiesto al Primo ministro australiano Morrison se il suo governo poteva aiutarlo a ottenere informazioni nel contesto di un’indagine del dipartimento di Giustizia che Trump spera riuscirà a screditare Mueller. La notizia è arrivata al New York Times attraverso due fonti, che hanno anche confermato che la trascrizione della conversazione, avvenuta al telefono, è stata archiviata con circolazione limitata, come la telefonata di Trump a Zelensky. (the New York Times)

A giudicare dal suo uso di Twitter, Trump non sta reggendo per niente bene la pressione dell’impeachment. Negli ultimi giorni ha fatto di tutto: ha mentito sulle attività del Congresso, mentito sul caso ucraino, retwittato una ventina di tweet su una trasmissione di Fox News in cui non l’hanno proprio completamente scagionato, invocato l’arresto di avversari politici, e rievocato il fantasma di una “Guerra civile,” se i democratici procederanno con l’impeachment. (Vox)

La proposta del governo Johnson per evitare il backstop con l’Irlanda è così controversa da far ridere: per realizzare la propria promessa di non porre controlli sul confine tra le Irlande, il governo sta pensando di mettere avamposti di controllo… qualche miglio prima del confine, su entrambi i lati, creando una sorta di “zona cuscinetto.” Nei documenti, che i funzionari britannici stanno chiamando orwellianamente “non–papers,” si propone di tracciare via GPS il trasporto delle merci dalla zona commerciale da un lato del confine, fino alla zona commerciale dall’altro lato. La proposta formale da parte del governo dovrebbe arrivare tra mercoledì e giovedì, durante il congresso dei Tories, ma si tratta di una proposta praticamente impresentabile per il governo irlandese. (RTÉ)

Il comitato agli affari legali del Parlamento europeo ha bocciato le nomine dei commissari eletti di Romania e Ungheria, citando problemi di conflitto di interessi. L’Ungheria ha immediatamente nominato un candidato alternativo, mentre la Romania invece non ha ancora provveduto. Entrambi i candidati dovranno poi essere rapidamente confermati da von der Leyen e dal Parlamento europeo. Secondo Orban, ovviamente, il proprio candidato commissario è stato bocciato per il proprio lavoro per “fermare l’immigrazione.” Più banalmente, invece, il comitato ha sottolineato come l’ex ministro della Giustizia ha affidato al proprio studio legale contratti pubblici mentre era in carica 👌 (DW)

15 mila soldati, e più di 160 velivoli e 580 sistemi armati: è quello che la Cina ha fatto sfilare in piazza Tienanmen in occasione del settantesimo anniversario dalla fondazione della Repubblica popolare cinese. Anche il South China Morning Post non scherza, con questo liveblog a cura di sedici giornalisti, che ha seguito l’intera giornata. (South China Morning Post)

Ci sono anche stati momenti meno… militareschi, o almeno più divertenti, come una parata di imbarcazioni chiaramente vinta dalla barca della provincia di Liaoing:

(Immagine dalla diretta di SCMP)

A Hong Kong, invece, sono previste proteste per tutta la giornata di oggi. Le autorità non hanno autorizzato nessuna manifestazione, una decisione che nelle scorse settimane ha sempre anticipato giornate di repressione particolarmente aspre. Durante le celebrazioni, svolte senza pubblico e trasmesse in tv, il capo segretario all’amministrazione Matthew Cheung ha dichiarato che Hong Kong “vuole disperatamente uscire dallo stallo,” e ha rivendicato l’impegno del governo nel costruire un dialogo con la popolazione. (Hong Kong Free Press)

Italia

Il rilancio, da parte di Enrico Letta, di concedere il voto ai sedicenni, è stato raccolto positivamente sia da Zingaretti che da Di Maio, che è entusiasta. Il ministro agli Affari Esteri ha scritto su Facebook: “Il voto ai sedicenni è una proposta che portiamo avanti da sempre e che sosteniamo con forza.” (Rai News)

La Lega ha depositato in Cassazione il quesito per il referendum sulla legge elettorale, che chiede il taglio della quota proporzionale dell’attuale Rosatellum, trasformandola così in una legge maggioritaria. Secondo molti esperti costituzionali la proposta del partito di estrema destra è incostituzionale, ma Calderoli ha tranquillizzato la stampa, dicendo una cosa che non c’entra assolutamente niente: “Non temo rifiuti dalla Corte Costituzionale otto Regioni, molto al di sopra delle cinque richieste, e soprattutto in rappresentanza di tutto il Nord, del Centro, del Sud e delle Isole del Paese, hanno deliberato la proposta di un referendum abrogativo della legge elettorale.” A posto allora! (la Repubblica)

Secondo la “Guardia costiera” libica le 71 persone rimaste in balia del mare per due giorni dopo che loro imbarcazione si era capovolta, sono state tutte riportate in Libia, dove hanno ricevuto “assistenza medica e umanitaria” nella città di Khoms. È di solo dieci giorni fa la notizia dell’omicidio di un migrante che aveva cercato di sfuggire dalle “assistenze mediche” fornite in Libia. (the Libyan Address / Euronews, 20 settembre 2019)

Milano

Trenord, dopo aver cercato di sfruttare l’aumento del prezzo ATM per alzare gli abbonamenti anche ai pendolari che non prendono la metro, ha fatto una parziale marcia indietro: questi ultimi dovranno comunque pagare di più, ma potranno chiedere un rimborso — secondo modalità non chiare e piuttosto nebulose, ovviamente. (Radio Lombardia)

Gif di BARC the dog

Cult

Non capire assolutamente niente: le persone che, scosse dalla stupidità di tanti politici contemporanei, e alla ricerca di presunta “stabilità,” sognano la monarchia, magari pure assoluta. Eve Peyser ha incontrato i monarchici della subreddit r/monarchism, una community di diecimila monarchici internazionali. Tra gli intervistati c’è anche un tizio tedesco che è arrivato all’assolutismo “superando” il nazismo che gli avevano insegnato in casa. (the Guardian)

Gif di Lunarpapacy

La catena di palestre britanniche Gymbox ha lanciato un nuovo programma che si chiama “Extinction Training,” e promette di prepararvi a come sarà allenarsi dopo la catastrofe climatica, simulando bassissima qualità dell’aria, venti forti, estremo caldo, e persino allagamenti. Hussein Kesvani c’è andato così non dobbiamo andarci noi. (MEL Magazine)

Questo enigma potrebbe essere troppo complesso anche per gli investigatori della polizia spagnola: più di 2000 bottiglie di liquori sequestrati sono scomparse dal deposito prove della centrale di polizia di Saragozza. (the Local Es)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Related

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017)

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via