fbpx
 

Le leggi salvinissime

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/08/EBOT3GmXUAACBiT.jpeg
in copertina, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Come previsto, il decreto “sicurezza bis” è passato al Senato — con la fiducia — e con la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale sarà legge. Alla fine i disertori grillini sono stati cinque, ma la loro protesta si riduce sostanzialmente a una formalità. Grazie all’astensione di Fratelli d’Italia e alla non partecipazione al voto di Forza Italia il decreto è passato con agilità. Era entrato in vigore lo scorso giugno. (la Repubblica)

Matteo Salvini ha celebrato la vittoria ringraziando gli italiani e ovviamente la “Beata Vergine Maria,” che si è spesa particolarmente per la legge.

Incomprensibilmente la legge è passata malgrado l’opposizione durissima del Partito democratico, che si è presentato in Senato addirittura indossando delle magliette coordinate. Sulle t-shirt, la riproduzione di un’opera del pittore Roberto Barni che rappresenta un uomo gettato in un cestino della spazzatura, e la scritta “Non sprechiamo l’umanità.” (HuffPost)

I cinque franchi tiratori non sono bastati a fermare il decreto e sicuramente non bastano per salvare la coscienza del Movimento 5 Stelle. Lo ha sottolineato anche il segretario del Pd Zingaretti, che ha ringraziato “gli schiavi 5 Stelle,” dichiarando: “Avevamo chiesto il contratto per i lavoratori delle forze dell’ordine, presidi nei quartieri a rischio, rilancio e risorse dei patti della sicurezza con i sindaci, investimenti per il recupero delle periferie. Ma niente. Di tutto questo non c’è nulla, così come non c’è nulla sulla lotta alle mafie, nemmeno l’ombra. Il crimine ringrazia, le persone sono sempre sole e le paure aumentano. Salvini ci campa.” (Fanpage)

Essendo stata posta la fiducia, tutti gli emendamenti al decreto sono decaduti. Pietro Grasso denuncia il completo esautoramento del Parlamento: “Un passo alla volta state trasformando il tempio della democrazia in quell’aula sorda e grigia, in quel bivacco di manipoli evocato in un periodo di cui alcuni, anche qui dentro, provano nostalgia.” (il Fatto Quotidiano)

Sergio Moccia sottolinea come il decreto sia in piena contrapposizione con la prerogativa del soccorso di necessità, previsto fin dal codice Rocco. In particolare, sottolinea Moccia, secondo tutta la normativa internazionale i comandanti non hanno solo l’obbligo morale ma anche quello giuridico di soccorrere naufraghi e individuare un luogo sicuro di sbarco — condizione che scriminerebbe l’azione dei comandanti di fronte a qualsiasi ordine di Salvini. (il manifesto)

Il testo approvato al Senato si compone di 18 articoli (qui il testo completo, se volete farvi male) e tratta di soccorso in mare e di gestione dell’ordine pubblico durante le manifestazioni, proprio le prime cose che vengono in mente parlando di sicurezza in un paese scosso da incessanti episodi di violenza razzista e famoso in tutto il mondo per la propria criminalità organizzata. Il decreto, spiegato da Annalisa Camilli. (Internazionale, 24/07/2019)

(L’ultimo caso è quello dell’aggressione di Sadio Camara, un ventisettenne di origine senegalese accoltellato alla gola da due uomini a Sulmona, sopravvissuto solo per miracolo. Nel giugno del 2018 nella stessa città ci fu un’irruzione in un centro di accoglienza, con l’accoltellamento di un richiedente asilo.) (il Pescara)

(Camara è arrivato in Valle Peligna a inizio 2018 dal Sud del Senegal, dove era un attivista politico, impegnato nella lotta per far arrivare acqua ed elettricità nelle aree più remote del paese.) (Contropiano)

Promemoria: secondo l’Onu e il Consiglio d’Europa il decreto viola i diritti umani. (Il Sole 24Ore / Fanpage, 18/05/19)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Come anticipato da diversi attivisti e dall’opposizione politica, il governo indiano ha deciso di abolire lo statuto speciale del Kashmir, che concedeva grandi livelli di indipendenza allo stato, permettendogli di emettere leggi anche su cittadinanza e diritti fondamentali. Modi aveva promesso l’abolizione dello statuto speciale in campagna elettorale. (Al Jazeera)

Per il governo si tratta di un buon diversivo per soddisfare promesse elettorali e distrarre dal rallentamento dell’economia indiana — ma eliminare l’autonomia del Kashmir potrebbe destabilizzare profondamente la regione, dove le ferite della guerra tra India e Pakistan sono ancora aperte. (BBC News)

Un documento degli Emirati visionato da David Hearst e Ragip Soylu rivela il “piano strategico” di Mohammed bin Salman per confrontarsi con Erdogan e la Turchia. Il documento dell’intelligence dell’alleato vicino all’Arabia Saudita descrive una strategia per “indebolire Erdogan e tenerlo occupato in affari domestici, nella speranza che sia sconfitto dall’opposizione.” Lo scopo di Riad è di limitare quanto più possibile l’influenza regionale della Turchia. (Middle East Eye)

L’Iran ha fermato una nuova petroliera, questa volta irachena, che secondo le autorità locali stava “trafugando carburante per i paesi arabi del Golfo persico.” 🤔 È la terza petroliera fermata, insieme al proprio equipaggio, da quando la tensione con gli Stati Uniti è tornata a salire. La nave stava trasportando 700 mila litri di “carburante di contrabbando.” (Al–Araby Al–Jadeed)

Passato il week–end, Trump ha finalmente commentato le stragi di El Paso e Dayton. Il presidente degli Stati Uniti ha brevemente riconosciuto la responsabilità del razzismo e del suprematismo bianco, ma solo perché non si potesse dire che non l’ha fatto. Le sue proposte per impedire future stragi non hanno niente a che fare con le cause del problema: Trump ha proposto di “far in modo che i gestori dei social network riconoscano gli stragisti prima che uccidano,” regolamentazione sui “videogiochi violenti,” possibilità di incarcerare o comunque “trattenere forzosamente persone con disturbi mentali che potrebbero commettere atti di violenza,” e un’espansione della pena di morte. Ha invece sfacciatamente difeso le armi, sostenendo che “sono la malattia mentale e l’odio che premono il grilletto, non le pistole.” (Vox)

È stato un discorso faticoso per il presidente, che a un certo punto si è anche confuso e ha sbagliato il nome di una delle due città colpite dalla violenza. Trump ha chiesto a dio di “benedire la memoria di chi è morto a Toledo,” un bel pensiero, peccato la strage sia stata a Dayton. (the Guardian)

La scioccante difesa delle armi da parte di Trump sarà certamente portata avanti nelle istituzioni: negli ultimi mesi il Senato statunitense è diventato un “fabbrica di approvazioni” per le nomine giudiziarie del presidente. Negli ultimi due anni sono stati confermati due giudici alla Corte suprema, 99 giudici distrettuali, e 43 giudici federali.Il risultato è che dopo soli due anni un giudice su quattro è vicino alle politiche di estrema destra di Trump. (Slate)

La Cina ha risposto ai nuovi dazi di Trump sospendendo tutti gli acquisti dall’agricoltura statunitense. La Cina è il quarto mercato mondiale per i prodotti dell’agricoltura degli Stati Uniti, e una messa al bando totale costituirebbe un danno rilevante all’economia statunitense. Trump ha accusato la Cina di aver violato gli accordi presi in precedenza, ma quegli accordi non prevedevano nemmeno i nuovi dazi imposti qualche giorno fa. (CNBC)

La Corea del Nord ha lanciato altri due missili ancora non identificati nel Mar del Giappone. L’operazione arriva nel pieno dei preparativi per gli addestramenti comuni annuali tra esercito sudcoreano e forze statunitensi, da sempre considerati dalla Corea del Nord come un’aggressione della propria sicurezza. (the Korea Times)

Italia

Nell’Italia sicurissima di Matteo Salvini c’è anche chi minaccia di investire le persone — nel caso specifico, uno studente ventiduenne del torinese — perché indossano una maglietta con scritto “antifascismo militante.” (la Repubblica Torino)

La mozione no Tav, che il Movimento 5 Stelle ha presentato per salvare la faccia con la propria base, si è trasformata, prevedibilmente, in una trappola. Se le opposizioni si astenessero, infatti, i voti del M5S sarebbero sufficienti per fermare la Tav, facendo saltare la tregua armata strappata da Conte. Così il partito di Casaleggio deve capire come disinnescare la bomba, sperando che Forza Italia e Partito democratico votino con la Lega. (HuffPost)

Tra il soffiare sulla crisi di governo e mettere il cappello sulla Tav il Partito democratico ha deciso: voterà a favore della Tav, “compatto.” Chissà se il partito ha pronta una maglietta anche per mercoledì, quando voterà perfettamente allineato a Salvini. (la Repubblica)

Cult

Da Dykes to Watch Out For e Hothead Paisan ai meme di oggi, Megan Wallace cerca di ricostruire il ruolo dei gatti nell’umorismo lesbico, con l’aiuto della ricercatrice Rachel Corbman, che sul ruolo dei gatti nell’umorismo lesbico ha organizzato una mostra, the Wide World of Lesbian Cats. (Dazed)

Tradimento: se siete in un posto dove fa caldo secco, invece che caldo umido, i ventilatori vi scaldano invece di raffreddarvi. Lo dice la scienza. (Gizmodo)

Toilets With Threatening Auras è una pagina Facebook che raccoglie e pubblica foto di toilette che fanno paura. (via Boing Boing, qui trovate una raccolta di foto dalla pagina su Imgur)

Extra per gli abbonati

Questo utente di Twitter ha difeso il proprio “diritto” di possedere armi semiautomatiche dicendo che ne ha bisogno per proteggere il proprio cortile da gruppi di “trenta o cinquanta” cinghiali. Twitter l’ha subito fatto diventare un meme. (Uproxx)

Alti, bassi, nuovi e vecchi, in attività o spenti — i porti del mondo sono pieni di fari, e alcuni sono semplicemente bellissimi. La comunità di Atlas Obscura ha raccolto i loro 31 preferiti.

Vandana torna con una nuova traccia estratta dal proprio EP Contra, in cui reinterpreta canzoni pop indiane e pakistane anni Settanta e Ottanta: il singolo del giorno è “Ahsila,” versione aggiornata e sovvertita del classico “Zooby Zooby” di Alisha Chinai, che da canzone d’amore diventa un inno alla forza delle donne, che combattono tra le difficoltà della società indiana. (su Spotify e Apple Music)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.