in copertina, foto di Riders Union Bologna, via Facebook

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Un fattorino di 51 anni è morto sul lavoro, travolto da una volante della polizia a Bologna la sera del 10 giugno. Le condizioni lavorative di rider e fattorini restano tra quelle più critiche, malgrado le promesse altisonanti del governo lo scorso anno. La Riders Union di Bologna ha organizzato ieri sera un presidio in memoria della vittima e per rinnovare le proprie richieste a datori di lavoro e governo. (Zero in condotta)

La vittima, Mario Ferrara, lavorava come postino durante la settimana, ma era costretto ad arrotondare lo stipendio facendo le consegne per una pizzeria nel weekend. (il Fatto Quotidiano)

Soltanto pochi giorni fa, a Milano ci sono stati quattro incidenti in un solo giorno, per fortuna senza conseguenze letali. (il Giorno)

A fine maggio, la morte di un rider 22enne a Barcellona aveva scatenato dure proteste davanti al quartier generale di Glovo nella città catalana, poi sconfinate anche fuori dalla Spagna: a Milano gli attivisti di Deliverance avevano scritto “Glovo mata” (Glovo uccide) e “Non si muore per un panino” davanti alla sede dell’azienda in viale Monza. (Rai News / MilanoToday)

Era il 28 aprile quando il ministro Di Maio diceva che la legge per garantire maggiori tutele ai ciclo-fattorini — già promessa e poi sparita dai radar lo scorso autunno — era “pronta,” e sarebbe stata inserita nel decreto “crescita” o nella legge sul salario minimo. Poi? Non se n’è saputo più nulla. (Linkiesta 24/10/2018, la Repubblica 28/04/2019)

Negli ultimi emendamenti presentati al decreto “crescita,” che è attualmente in fase di conversione, c’è di tutto, ma nessuna norma sui rider. (la Repubblica)

Nel frattempo le condizioni dei lavoratori delle consegne a domicilio continuano a peggiorare. Non ci sono solo gli incidenti, ma anche l’applicazione sempre più generalizzata del cottimo, soprattutto da parte di Glovo. A maggio i fattorini hanno scioperato quando hanno scoperto di non avere nemmeno il Cud per la dichiarazione dei redditi. (Bologna Today / Corriere della Sera Torino)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Brasile. Glenn Greenwald e Victor Pougy hanno messo le mani su documenti e messaggi segreti che dimostrano l’esistenza di una cospirazione tra giudici e politica per condannare Lula e impedire al suo partito di vincere le elezioni del 2018. La lunga inchiesta dell’Intercept dimostra la politicizzazione a lungo sospettata dell’inchiesta. (the Intercept)

Almeno tre figure di riferimento del Sudan People’s Liberation Movement–North, il ramo politico del movimento ribelle che ha combattuto contro le forze di sicurezza del regime nell’ultimo decennio, sono state prelevate a forza dalla capitale Khartoum per essere deportate in Sudan del Sud. (Al–Araby Al–Jadeed)

Per cercare di incoraggiare la ripresa del dialogo tra le parti si recherà in Sudan Tibor Nagy, assistente segretario di Stato degli Stati Uniti per gli affari africani. Nagy chiederà innanzitutto la cessazione degli attacchi contro i civili. (BBC News)

Un elicottero si è schiantato a Manhattan. L’incidente è costato la vita al pilota del velivolo, che era l’unica persona a bordo in quel momento. In uno spazio aereo complesso come quello newyorkese, semplicemente, ci sono troppi elicotteri: questo è il secondo incidente di questo tipo in meno di un mese. (the New York Times)

Trump ha preannunciato, senza dare dettagli, un secondo accordo ancora segreto sulle politiche migratorie con il Messico, sostenendo che se anche questo non dovesse andare in porto si tornerebbe a parlare di dazi. Ma secondo il ministro degli Esteri messicano Ebrard, questo secondo accordo non esiste. (CNN)

Il governatore dell’Alabama Ivey ha firmato una legge che prevede l’obbligo di castrazione chimica, per gli uomini che hanno stuprato una bambina o un bambino più giovane di 13 anni, in caso di libertà per buona condotta. Secondo il senatore che ha spinto per la legge, Cam Ward, l’opzione sarà presentata per pochissime persone — perché è raro che uno stupratore sia rilasciato per buona condotta — ma costituirà un buon deterrente. Al contrario, però, la codificazione della castrazione chimica, oltre a essere di difficile attuabilità, è estremamente problematica, perché implicitamente nega le cause sociali dello stupro, affrontando il problema caso per caso, e non alla radice. (Al.com)

Kim Jong-nam, il fratello del leader nordcoreano assassinato nel 2017, sarebbe stato un informatore per la CIA, secondo un report del Wall Street Journal. L’accusa era già stata avanzata dalla caporedattrice del Washington Post a Pechino Anna Fifield. Ma secondo il Wall Street Journal Kim non aveva più potere e contatti in Corea del Nord, e non era in grado di fornire informazioni dettagliate sul funzionamneto dello stato. (the Wall Street Journal, dietro firewall. Qui trovate un buon riassunto sul Guardian)

Il numero di richiedenti asilo in Unione europea è tornato a salire: nei primi quattro mesi dell’anno sono state presentate 206.500 domande d’asilo, contro le 179,000 presentate nello stesso periodo dell’anno scorso. Al primo posto per paese di provenienza c’è ancora la Siria; seguono Venezuela e Afghanistan. (DW)

Italia

Giuseppe Conte ha incontrato i suoi due vicepremier per fare l’ennesimo punto sulla situazione e sancire ufficialmente la tregua post-elettorale nel governo: tutti parlano di clima positivo e della volontà di andare avanti senza rimpasti e senza manovre correttive. (la Repubblica)

Ma Salvini non aspetta a presentare il conto: già oggi al Consiglio dei ministri sarà dato il via libera al “decreto sicurezza bis.” (Comunicato stampa ufficiale di Palazzo Chigi)

Inizia questa mattina il processo all’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano e ad altre 26 persone indagate con lui, per accuse che vanno dall’associazione a delinquere al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In occasione della prima udienza si svolgerà a Locri un presidio di solidarietà davanti al tribunale e un corteo. (Stretto Web)

La Rai ha annunciato un’inchiesta interna sul caso delle minacce al consigliere della regione Campania Borrelli e dell’oltraggio a Falcone e Borsellino da parte di due cantanti neomelodici ospiti del programma Realiti di Enrico Lucci, debuttato la settimana scorsa su Rai 2. (la Repubblica)

Milano

Sui muri e sulla strada antistante il liceo classico Parini sono apparse due giorni fa svastiche e scritte inneggianti al nazismo. (Adnkronos)

L’assessore all’urbanistica Maran e il presidente del Municipio 1 hanno presentato ieri il progetto di restyling che trasformerà piazza Cordusio in un’isola pedonale. (il Giorno)

Cult

Yingzhi Yang Li Tao ha un report in esclusiva sul “piano Z” di Huawei, un sistema operativo proprietario compatibile con le app di Android per liberarsi della propria dipendenza dal codice di Google. Il progetto è iniziato nei laboratori di Huawei ben prima dell’inserimento nella lista nera dell’azienda da parte degli Stati Uniti — ma è ambizioso e di difficilissima riuscita. (South China Morning Post)

Kylie Jenner ha avuto l’idea di fare una festa a tema Handmaid’s Tale, ma forse non è stata una buona idea. (BBC News)

Le autorità egiziane sono determinate a fermare la vendita di questa statua del faraone Tutankhamon, finita all’asta a Londra ma probabilmente rubata. (the Guardian)

Gif di unimpressionism

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.