in copertina, grab di Non è l’Arena, su La7

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il pm di Agrigento Luigi Patronaggio è intervenuto per sbloccare la situazione della Sea Watch. La nave è stata posta sotto sequestro probatorio, e i migranti sono stati fatti sbarcare a Lampedusa. L’operazione è avvenuta tenendo all’oscuro il ministro Salvini, che l’ha scoperto in diretta tv a Non è l’Arena e diciamo non l’ha presa proprio benissimo. (HuffPost)

Guarda Salvini triste come non lo era almeno da quando gli hanno rubato il pupazzetto di Zorro. (Twitter)

Guarda invece i cittadini di Lampedusa che si sono radunati al porto per salutare l’arrivo dei migranti con applausi, thermos e striscioni di benvenuto. (la Repubblica / video)

In seguito allo sbarco il ministro se l’è presa un po’ con tutti, dalla procura di Agrigento agli alleati di governo, sospettati di essere stati informati dell’operazione. (la Repubblica)

Per evitare nuovi casi del genere, Salvini vorrebbe accelerare sull’iter di approvazione del “decreto sicurezza bis,” ignorando grassamente le accuse dell’Onu. Oggi il testo dovrebbe arrivare sul tavolo del Consiglio dei ministri, e bisognerà vedere quanto il premier Conte sarà disposto a piegarsi ai capricci del ministro. (il Messaggero)

Non deve essere stata una giornata facile per Salvini, che ormai fa fatica a riempire anche le piazza delle città di piccole dimensioni, come è successo a Sassuolo. (Twitter)

A Firenze, invece, il ministro ha trovato una piazza piena, ma di contestatori. La contromanifestazione, che in larga parte è stata pacifica e ospitava cartelli buffi, è stata comunque caricata dalla polizia, per sicurezza. (ANSA)

Salvini ha incassato ieri anche gli attacchi da parte del mondo cattolico, dopo lo show misticheggiante dal palco di piazza del Duomo. “A Milano è andato in scena l’ennesimo esempio di strumentalizzazione religiosa per giustificare la violazione sistematica del nostro Paese dei diritti umani,” ha scritto Famiglia Cristiana, parlando di “sovranismo feticista.”

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Secondo i primi exit poll delle elezioni indiane, il partito del primo ministro uscente Narendra Modi otterrà una sicura maggioranza, con cui potrà governare senza problemi nei prossimi cinque anni. Migliorano leggermente i risultati del principale partito di opposizione, l’Indian National Congress guidato da Rahul Gandhi, ma il consenso di Modi sembra ancora inscalfibile. (the New York Times)

In seguito alla black list di Trump sulle aziende di telecomunicazioni cinesi, Google ha sospeso la licenza Android di Huawei, escludendo tutti i telefoni del colosso cinese dalle app ufficiali e dagli aggiornamenti di sicurezza. Gli smartphone già in circolazione non dovrebbero essere immediatamente interessati dal provvedimento, ma il futuro resta incerto. (the Verge)

Gli effetti della rottura tra Google e Huawei non si limiteranno alla rimozione delle app di Google dai telefoni futuri prodotti dell’azienda cinese. Anche con metodi di distribuzione alternativi, senza accesso al servizio Google Play Services è difficile calcolare quante app di terze parti — comprese Facebook, WhatsApp, eccetera — potranno funzionare senza sostanziali modifiche. (Ars Technica)

Con un’ampia maggioranza, i cittadini svizzeri hanno approvato il referendum che chiede leggi più restrittive sul possesso di armi, per adeguarsi alle normative europee. (euronews)

Gif di Barbara Pozzi

Siccome la diplomazia per tweet in questi due anni ha funzionato così bene, Trump sta continuando a minacciare l’Iran via Twitter. Il presidente degli Stati Uniti ha tuonato, dal proprio telefono, che se l’Iran davvero vuole lo scontro con gli Stati Uniti “sarà la fine ufficiale dell’Iran.” Dopo essersi sfogato, Trump è andato a rilasciare un’intervista dai toni “pacati” su Fox News. (CNN)

Secondo fonti di David Enrich gli specialisti anti-riciclaggio di Deutsche Bank hanno segnalato più di una volta, nel corso del 2016 e del 2017, movimenti sospetti nei conti di proprietà di Donald Trump e Jared Kushner. Ma i manager della banca hanno rifiutato i consigli dei propri dipendenti, e Deutsche Bank non ha mai prodotto i report per le autorità. (the New York Times)

Undici persone sono state uccise in un attacco in un bar nella città di Belém, nel nord del Brasile. Finora non è stato individuato nessun mandante, ma non possiamo che ricordare come Bolsonaro abbia solo quattro mesi fa approvato una ulteriore liberalizzazione del mercato delle armi. (Al Jazeera)

Almeno 14 persone sono rimaste ferite in un attentato contro un bus turistico nei pressi delle piramidi di Giza, in Egitto. L’attacco non è stato ancora rivendicato, ma si inserisce in una lunga serie di attentati terroristici contro i siti archeologici e turistici del paese. (Ahram Online)

Secondo il sottosegretario al Commercio Noaman la coalizione saudita ha trasformato lo Yemen in una “economia prigioniera.” Naseh Shaker racconta come al mercato e nei supermercati le persone si trovino di fronte sempre più spesso solo prodotti confezionati negli stati che li stanno bombardando. (Middle East Eye)

Italia

Nel Pd continua lo psicodramma sulle dimissioni non-dimissioni della presidente della regione Umbria Catiuscia Marini. Il segretario Zingaretti ha parlato di un “grave errore politico,” parole poco apprezzate da Marini, che comunque conferma l’intenzione di dimettersi. (Rai News)

Sulla Repubblica di oggi, Roberto Petrini torna a puntare il dito sulle dieci sanatorie fiscali varate dal governo, di cui stanno beneficiando oltre 14 milioni di italiani. Un “condono perpetuo” che pagherà bene alle urne. (la Repubblica, dietro paywall)

Parlando a un evento elettorale a Napoli, Giorgia Meloni ha fatto appello a Salvini, invitandolo a mollare “la sinistra” del M5S (lol) per tornare nell’alveo del centrodestra. Ma senza Berlusconi, reo di aver lanciato, due giorni fa, l’ipotesi di un governo guidato da Mario Draghi. (la Stampa)

Milano

La madre di un tredicenne adottato dall’Etiopia ha denunciato su Facebook gli insulti razzisti subiti dal figlio durante una partita di basket under 13. (Corriere della Sera Milano)

Cult

Gli organizzatori dell’Eurovision Song Contest hanno detto che ci saranno “conseguenze” per l’Islanda, la cui band Hatari ha esposto davanti alle telecamere una bandiera della Palestina durante la finale del festival. (the New Arab)

Date il benvenuto al nuovo chilogrammo. Entra in vigore oggi la riforma decisa a novembre dalla Conferenza Generale dei Pesi e delle Misure: la definizione di che cos’è un chilogrammo non si baserà più sul prototipo di platino-iridio conservato a Sèvres, ma sulla costante di Planck. (Vox)

Lanciare milkshake ai politici di estrema destra è diventato ufficialmente uno strumento di dissenso politico nel Regno Unito. (Quartz)

Gif di renderfruit

Culto

I seguaci del Tempio Satanico, la chiesa satanista probabilmente più famosa degli Stati Uniti, vogliono essere presi sul serio. Lo spiega, nell’ultima puntata del podcast Geek’s Guide to the Galaxy, l’autrice di un documentario su di loro, intitolato significativamente Hail Satan? (Wired)

Giornalismi

Al Jazeera ha licenziato due giornalisti per un video sulla Shoah in cui, soltanto nella versione in lingua araba, si diceva che le comunità ebraiche sarebbero riuscite a porre un’attenzione particolare sullo sterminio nazista “grazie all’accesso a risorse finanziarie e mediatiche.” (DW)

In questo popolare gioco sparatutto disponibile per Android e iOS c’è una missione il cui scopo è uccidere un giornalista. (the Washington Post, via Outline.com)

* * *

Gif di doña batata

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.