In altri stati europei è già attiva una legge contro chi condivide foto private altrui senza il loro consenso, in Italia l’iter invece sembra essere ancora lungo e complesso.

Si definisce Revenge Porn la condivisione non consensuale di materiale erotico/pornografico — rubato o meno.

Il caso Giulia Sarti — deputata del Movimento 5 Stelle ed ex presidente della Commissione di Giustizia, vittima di revenge porn nel 2013 e le cui foto sono recentemente riapparse online — ha reso nuovamente attuale il problema del revenge porn. Se in altri stati europei è già attiva una legge contro chi condivide foto private altrui senza il consenso, in Italia l’iter sembra essere ancora lungo e complesso — anche se qualcosa, finalmente, sembra muoversi.

Nella nuova puntata di Chiamando Eva si tenta di fare il punto della situazione su un fenomeno che sta diventando sempre più inquietante.

Show notes

Il caso Giulia Sarti
L’opinione non richiesta di Beppe Severgnini
I gruppi telegram del male
Contro il revenge porn: associazioni e proposte di legge
La proposta del M5S
Cosa ne pensa Facebook

* * *

Chiamando Eva è una conversazione quindicinale su femminismo, donne, e la vita. Recupera le puntate direttamente su Spotify o Apple Podcasts, e abbonati per non perderne nemmeno una.

Nelle settimane in cui Chiamando Eva non è nelle vostre orecchie c’è una newsletter che vi tiene compagnia, clicca qui per abbonarti.

Ai microfoni Elena D’Ali, Francesca Motta
Produzione: Francesca Motta
Redazione a cura di Giulia Pacchiarini

Segui Chiamando Eva su Facebook

 

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.