Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Nella giornata di ieri la presidenza del consiglio aveva inviato una lettera a Telt — la società italo-francese che dovrebbe costruire la Tav — chiedendo di non procedere con bandi, ad eccezione di “attività preliminari.” Conte ha ripetuto che il governo vuole “ridiscutere integralmente” il progetto della Tav con Francia e Unione europea, e ha annunciato che “i capitolati di gara non partiranno senza l’avallo del mio governo e del governo francese.” (ANSA)

Ma Telt avrebbe risposto a Conte con un’altra lettera, annunciando che domani partiranno gli inviti per i lotti in Francia: “In assenza di atti giuridicamente rilevanti che comportino istruzioni di segno contrario abbiamo previsto che il Cda fissato per l’11 marzo 2019 autorizzi la direzione a pubblicare gli ‘avis de marchés’ relativamente agli interventi dei lotti francesi del tunnel di base, in modo da rispettare il termine del 31 marzo.” (la Repubblica Torino)

La pezza per risolvere la crisi di governo, insomma, sarebbe questa: Conte scrive a Telt rivendicando che il governo vuole avere l’ultima parola, ma senza produrre nessun documento che blocchi i bandi. Così i fondi europei vengono messi al sicuro, ma viene introdotta una “clausola di dissolvenza” che permetterebbe al governo, in un secondo tempo, di dichiarare “senza seguito” la procedura di gara anche se già avviata, come previsto dal nuovo codice unico degli appalti francesi. Insomma, sì: l’accordo trovato è sul decidere un’altra volta, anche questa volta. (il Sole 24Ore)

Quello trovato da Conte è solo l’ennesimo cavillo di un governo che ha fatto del rimandare e della manipolazione i propri strumenti principali. Così, dopo lo “spazzacorrotti,” ma solo dal 2020, dopo il deficit al 2,04%, adesso i bandi diventano solo “manifestazioni di interesse,” e se ne riparlerà tra sei mesi. Phew. (HuffPost)

Il risultato, nell’immediato, è che Salvini può dire ai suoi elettori che i bandi partono, Di Maio può dire ai suoi che “partiranno tra sei mesi solo se ci sarà l’OK italiano a un’opera in toto ridiscussa,” e così siamo tutti contenti. (Lettera43)

Ma quanto è davvero una battaglia identitaria per il M5S il contrasto alla Tav? In realtà neanche molto, o così sembra capirsi dalla kermesse di Davide Casaleggio a Milano, Villaggio Rousseau. Da interviste con i militanti presenti agli incontri al palazzo delle Stelline, traspare anche soddisfazione per l’alleanza con Salvini: “Ci fa fare tutte le cose che dobbiamo fare contenute nel contratto di governo. Cosa che non sarebbe stata possibile con il Pd, figuriamoci con Berlusconi.” (la Stampa)

Ma all’evento non si parla solo di cose vere per fortuna: ci sarà anche il primo test di “voto basato su blockchain” della piattaforma Rousseau. Ma il voto anonimo sulla blockchain è per definizione impossibile senza compromettere il senso stesso di usare la blockchain. (the Cryptonomis)

* * *

Continuare a leggere Hello, World! senza abbonarsi alla newsletter è per definizione impossibile (non è vero, ma se lo fate ci sostenete e ve ne siamo grati.)

* * *

Mondo

Un aereo civile si è schiantato in Colombia, in volo da San Jose del Guaviare a Villavicencio, uccidendo 14 persone. Al momento la causa dell’incidente non è chiara, sia il velivolo che il personale a bordo avevano passato tutti i test di sicurezza. (NBC News)

Maduro ha ringraziato l’esercito per aver sconfitto il “colpo di stato” di Guaidó e degli Stati Uniti. Il presidente del Venezuela sta organizzando una serie di manifestazioni in supporto del governo, per cercare di dimostrare l’isolamento dell’opposizione. (BBC News)

Contemporaneamente, a Caracas, Guaidó ha guidato un altra manifestazione contro il governo, mentre il blackout che interessa tutto il paese continua per il terzo giorno consecutivo. (Al Jazeera)

Una soluzione della crisi venezuelana sembra in ogni caso molto lontana — e in ogni caso, come potrebbe concludersi senza violenze? George Ciccariello-Maher prova a immaginare vie d’uscita pacifiche per il paese dalla crisi tra Maduro e Guaidó. (Al Jazeera)

La Russia ha infranto il cessate il fuoco nell’area di Idlib, in Siria, malgrado fosse stato confermato con un accordo con la Turchia solo poche ore prima. L’esercito russo ha bombardato un ospedale, uccidendo almeno due persone, secondo fonti dei Caschi bianchi. (Al–Araby Al–Jadeed)

Un sondaggio Des Moines Register/CNN/Mediacom in Iowa ha indicato Joe Biden come candidato favorito, con il 27%, alle primarie democratiche — ma Biden non ha ancora nemmeno annunciato la propria candidatura. Al secondo posto — vicinissimo, con il 25% — c’è Bernie Sanders, che consolida il proprio vantaggio tra gli attuali candidati alle primarie del partito. (Reuters)

Intanto, la politica statunitense trema ancora di fronte alla possibilità di un nuovo shutdown: la Casa bianca vuole vedere veri tagli al budget federale per garantire i fondi per il muro e la “Space Force” trumpiana, ma trovare un accordo con i democratici sarà impossibile in questi termini. (Politico)

(Se non avete ancora capito bene quanto male sta la democrazia statunitense, guardate Trump che autografa cappellini e Bibbie nel corso della sua visita alle zone distrutte dalla tempesta in Alabama la settimana scorsa.) (Newsweek)

Il governo progressista sudcoreano di Moon Jae–in ha nominato un nuovo ministro per l’Unificazione, che promette di trovare “soluzioni creative” per riportare gli Stati Uniti al tavolo delle trattative, mentre continuano puntuali i lavori di distensione con il Nord della penisola. (the Hankyoreh)

Anche in Nuova Zelanda è in corso una grave epidemia di morbillo, con 22 casi confermati. A Christchurch, la terza città più grande del paese, sono finiti i vaccini. (the Guardian)

Nonostante le polemiche in seguito alla morte del figlio di Shamima Begum, secondo il Sunday Times (dietro paywall) il Regno Unito ha privato della cittadinanza altre due donne che si erano unite all’Isis, e che attualmente si trovano in un campo rifugiati siriano. (BBC News)

Italia

Ormai Beppe Grillo ovunque vada incontra qualche contestatore ad attenderlo: ieri è stata la volta di Lecce, dove il comico è stato contestato da alcuni ex attivisti del M5S, che gli hanno gridato “traditore” e “infame” per i voltafaccia su Tav e Ilva. (la Repubblica)

L’accordo raggiunto sul prezzo del latte a 74 centesimi (nonostante i rappresentanti dei pastori inizialmente fossero decisi a non accettare meno di un euro) non ha evidentemente soddisfatto tutti: ieri mattina c’è stato un nuovo assalto armato a un’autocisterna (è il quarto di questo genere). Il problema principale, spiega Tore Piana del Centro Studi Agricoli di Sassari, è che il prezzo della materia prima venga determinato in base al prezzo del prodotto finito (il pecorino), e non viceversa. (ANSA / Casteddu Online)

Ieri anche in Sicilia circa 200 persone hanno partecipato a una protesta al porto di Catania per i prezzi del latte e dell’ortofrutta. I manifestanti hanno buttato in mare un fantoccio simbolicamente rappresentante “i politici attuali e quelli precedenti.” (la Sicilia)

Il tribunale di Treviso ha deciso per l’interruzione dell’assegno di mantenimento a una donna, perché sarebbe una “scansafatiche” che non ha ancora trovato, “colpevole,” un lavoro dopo il divorzio. (Rai News)

A proposito di belle sentenze, la Cassazione ha annullato per vizi di legittimità una sentenza d’appello che assolveva due giovani condannati in primo grado per violenza sessuale: tra le motivazioni dell’assoluzione, anche l’aspetto “poco avvenente” della donna. (la Repubblica)

Milano

Ieri c’è stato un allarme bomba all’Esselunga di via Novara, ma era un falso allarme. (Milano Today)

Per la prima volta, i pm hanno ordinato il sequestro di un treno della metropolitana M1 dopo l’ennesimo incidente (una brusca frenata che ha causato 11 feriti ieri), dovuto probabilmente a un problema nel software di controllo remoto dei treni. (Corriere della Sera Milano)

Cult

L’occidente ignora completamente il contributo delle donne arabe alla cinematografia: Middle East Eye ha stilato una lista di 11 film di registe arabe da vedere subito. (Middle East Eye)

The Door Opened: 1980s China raccoglie tante belle foto dagli anni Ottanta in Cina, scattate dal fotografo Adrian Bradshaw. Il libro, secondo il fotografo, racconta la dignità, l’ottimismo, e il calore umano che ha incontrato nel paese. (South China Morning Post)

Questi neuroscienziati australiani sono stati capaci di leggere il cervello dei partecipanti allo studio, prevedendo di 11 secondi la decisione che avrebbero preso. (Quartz)

Non soltanto Amazon, Google e Facebook: Elizabeth Warren vuole smembrare anche Apple. (the Verge)

Nonostante siano illegali, in Pakistan sono ancora molto popolari le tradizionali battaglie tra cammelli. (Radio Free Europe / video)

Ambiente

La qualità dell’aria a Pechino è migliorata drasticamente negli ultimi anni, e questo può servire da modello alle altre città del mondo, dice l’Onu. (UN Environment)

* * *

Gif di Blue Man Group

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.