La manovra fantasma

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/12/camera-concerto.jpg

La manovra in discussione alla Camera, foto su Flickr

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Oggi dovrebbe finalmente arrivare il testo della manovra in Senato, e sarebbe la prima occasione per il Parlamento di conoscere i contenuti della legge dopo le modifiche al testo già approvato dalla Camera. Ma già ieri i senatori aspettavano che succedesse qualcosa, in un’atmosfera “surreale,” racconta Pietro Salvadori sull’HuffPost.

La ragione dell’ennesimo rinvio è che manca ancora un accordo con la Commissione europea, con cui il dialogo continua ma che non è detto si faccia andar bene le concessioni del governo sul deficit. (la Repubblica)

I tempi strettissimi per l’approvazione della manovra rendono il ruolo del Parlamento più che accessorio, scatenando le proteste delle opposizioni. È difficile che il voto finale, in terza lettura alla Camera, arrivi prima del 27 o 28 dicembre. (il Fatto Quotidiano)

Secondo il governatore del Lazio e candidato alla segreteria del Pd Luca Zingaretti, “è un pasticcio incredibile.” (Askanews)

Intanto, tra ecotasse, bonus, liberalizzazioni e pensioni d’oro, si inseguono le indiscrezioni sui nodi cruciali della trattativa interna al governo, e tra il governo e Bruxelles. (il Sole 24 Ore)

E un emendamento proposto dal M5S prevede il taglio dei contributi pubblici all’editoria, in vista del loro progressivo azzeramento nel 2022. Contro questo provvedimento oggi alle 10 il sindacato dei giornalisti protesterà a Montecitorio. “Un colpo mortale al pluralismo dell’informazione, alla funzione critica della stampa, al ruolo dei corpi intermedi.” (il manifesto)

* * *

The Submarine ovviamente i contributi pubblici non li prende (purtroppo): se ti piace il nostro lavoro, sostienici abbonandoti alla newsletter di Hello, World!.

* * *

Mondo

È entrato in vigore il cessate il fuoco nella città portuale di Hodeidah, in Yemen, ma si tratta di una tregua molto fragile, che non ha interrotto del tutto i combattimenti. (Al Jazeera)

A 100 giorni dalla Brexit, il governo di Theresa May sta prendendo seriamente in considerazione l’ipotesi di un’uscita dall’Unione europea senza accordo. (BBC News)

Nel 2020, insieme alle elezioni politiche, i cittadini neozelandesi voteranno un referendum per la legalizzazione della cannabis a scopo ricreativo. (the Guardian)

Intanto, definendo i propri piani per il 2019, il governatore di New York Cuomo ha annunciato che lo stato legalizzerà l’uso ricreativo di marijuana nei prossimi mesi. (HuffPost)

Il governo polacco ha fatto marcia indietro nella propria guerra contro il sistema giudiziario, firmando una legge che rimette al proprio posto i giudici della Corte suprema che erano stati forzati ad abbandonare il posto. In seguito a questo provvedimento, l’estate scorsa, l’Unione europea aveva avviato le procedure per privare la Polonia del diritto di voto nel Consiglio. (the New York Times)

Molti dei rifugiati siriani in Germania non godono dello status di rifugiato, ma solo della “protezione sussidiaria”: di conseguenza, dipendono formalmente e legalmente dalle ambasciate siriane, che però sono fedeli al regime di Assad. (DW)

È stato arrestato un uomo sospettato di aver fornito l’arma a Cherif Chekatt, l’attentatore di Strasburgo. (France24)

Internet

Due nuovi report preparati per la Commissione Intelligence del Senato statunitense spiegano come la Russia abbia cercato di sfruttare e amplificare le tensioni razziali attraverso i social network durante la campagna elettorale del 2016. (Vox)

Lo scorso maggio, in piena modalità crisi per lo scandalo Cambridge Analytica, Facebook ha annunciato che avrebbe offerto uno strumento per cancellare la Cronologia collegata al proprio profilo. Poi, ha scoperto che sarebbe tecnicamente difficilissimo, e la funzionalità non è ancora pronta per essere lanciata, sette mesi dopo. (Recode)

Il ministro dell’economia francese Bruno Le Maire aveva dichiarato che l’Unione Europea avrebbe dovuto provvedere a codificare una tassa per le grandi multinazionali del web la Francia entro marzo 2019. Poi, ha annunciato che la Francia inizierà a tassare Google, Facebook, Amazon e Apple a partire dal primo gennaio. (DW)

Italia

Indagato per abuso d’ufficio, con la grave accusa di aver favorito una ditta vicina ai clan ’ndranghetisti, per il governatore della regione Calabria Mario Oliverio (Pd) è scattato l’obbligo di dimora nel Comune di residenza. Ma lui parla di “accuse infamanti” e annuncia uno sciopero della fame. (la Repubblica)

Attorno all’aggressione subita dalla deputata pentastellata Lapia è nato un piccolo caso politico, dato che a quanto pare si tratta di una storia inventata, o perlomento molto esagerata. (Next Quotidiano)

Nell’ultima puntata di “Se fossimo in un paese normale”: il ministro dell’Interno che va alla festa degli ultras di una squadra di calcio, stringe la mano a un pregiudicato e si vanta di essere “indagato tra gli indagati.” (il Post)

A Torino tutto bene: gli scuolabus e i pullman per disabili del Comune sono bloccati perché qualcuno non ha rinnovato le assicurazioni dei veicoli. 🙄 (la Repubblica Torino)

È ufficiale: sarà la cordata Fincantieri–Salini Impregilo–Italferr a ricostruire il viadotto sul Polcevera. Ma la gestione della negoziazione con l’altro possibile progetto, della cordata Cimolai–Calatrava, è stata caotica, e potrebbe aprire a futuri ricorsi. (il Secolo XIX)

L’associazione Laboratorio 53 ha prodotto una serie di audioguide che raccontano Roma attraverso l’esperienza dei migranti, che raccontano la vita in un quartiere a loro scelta. La Repubblica si è fatta raccontare Trastevere da Mamadou Cellou Djallo.

Milano

Un reportage dalla zona di via Paolo Sarpi, dove le poche persone che ancora abitano nelle case ad affitto agevolato cercano di opporsi alla gentrificazione. (Internazionale)

L’assessore regionale leghista Martina Cambiaghi si è calata domenica dal palazzo della Regione, nell’ambito di un’iniziativa dedicata agli sport alpini. Tutto bene, se non fosse che gli organizzatori erano “Lupi delle Vette,” una branca dei neofascisti Lealtà Azione. (Corriere della Sera Milano)

Cult

Queste streghe sono molto stufe che Trump continui a chiamare le indagini di Mueller “caccia alle streghe.” (the Daily Beast)

Gli archeologi hanno ricostruito questo tempio precolombiano in Colombia con dei blocchi stampati in 3D. (Ars Technica)

Natale

Charles Dickens continuava a ritoccare Canto di Natale da una lettura pubblica all’altra. Alla New York Public Library, se siete in zona, è in mostra la copia del libro con le sue annotazioni. (Atlas Obscura)

Scienza / Ansia

Il 2018 è stato un anno tosto, ma consoliamoci, poteva andare peggio, come nel 536, quando per ragioni ancora sconosciute una nebbia spessissima avvolse l’Europa e parte dell’Asia, oscurando il sole e la luna per 18 mesi. (Science)

Lavoro

Per combattere lo stress e l’affaticamento dei lavoratori, sono sempre di più le aziende che stanno sperimentando la settimana lavorativa di quattro giorni. In tutti i casi sono stati registrati aumenti drastici del morale e della produttività della forza lavoro. (Reuters)

Animali

Solidarietà per questa zebra scappata da uno zoo di Dresda e morta dopo un inseguimento con la polizia. (DW)

Questo bracconiere condannato per aver ucciso centinaia di cerbiatti è stato condannato a guardare Bambi almeno una volta al mese. (BBC News)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.