Com’è fare il vino nel cantiere della TAV

https://i2.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/11/linearetta-2-cover-video.jpg?fit=1200%2C675&ssl=1

Con Davide e Alessandro di Linearetta siamo stati a Granja Farm, un’azienda agricola di lotta che produce vino all’interno del cantiere TAV di Chiomonte.

Il prodotto principale di Granja Farm è il Black Rebel, prodotto con uve barbera, avanà e biquet.

Il presupposto da cui nasce Granja Farm è che questi sono terreni abbandonati: in parte per il cantiere TAV, ma non solo. La montagna, infatti, si sta spopolando da generazioni, e spesso per raggiungere le vigne bisogna inerpicarsi per centinaia di metri sui versanti alpini. Gli anziani smettono progressivamente di curarle e non ci sono più giovani a garantire un ricambio generazionale.

Granja Farm sta provando a portare avanti un modello biologico e sostenibile che riesca ad ottenere frutti da un terreno che, di fatto, è ancora ottimo. “Facciamo pochi trattamenti,” ci spiega Matteo “Quest’anno non abbiamo superato i 5-6 trattamenti a vigna. Anche perché qua contiamo su freddo, vento, fattori che tengono a bada molti parassiti.” L’età dei vigneti è mista — la vite è una delle piante domestiche potenzialmente più longeve, che raggiunge la massima qualità dei propri frutti dopo i 30 anni di vita. “Ci sono piante sopra i 60 anni e altre sui 20,” continua a spiegarci Matteo.

contenuto sponsorizzato da Linearetta

undermedia

Com’è fare il vino nel cantiere della TAV

Related

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.
Com’è fare il vino nel cantiere della TAV

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link