Com’è fare il vino nel cantiere della TAV

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/11/linearetta-2-cover-video-1280x720.jpg

Con Davide e Alessandro di Linearetta siamo stati a Granja Farm, un’azienda agricola di lotta che produce vino all’interno del cantiere TAV di Chiomonte.

Il prodotto principale di Granja Farm è il Black Rebel, prodotto con uve barbera, avanà e biquet.

Il presupposto da cui nasce Granja Farm è che questi sono terreni abbandonati: in parte per il cantiere TAV, ma non solo. La montagna, infatti, si sta spopolando da generazioni, e spesso per raggiungere le vigne bisogna inerpicarsi per centinaia di metri sui versanti alpini. Gli anziani smettono progressivamente di curarle e non ci sono più giovani a garantire un ricambio generazionale.

Granja Farm sta provando a portare avanti un modello biologico e sostenibile che riesca ad ottenere frutti da un terreno che, di fatto, è ancora ottimo. “Facciamo pochi trattamenti,” ci spiega Matteo “Quest’anno non abbiamo superato i 5-6 trattamenti a vigna. Anche perché qua contiamo su freddo, vento, fattori che tengono a bada molti parassiti.” L’età dei vigneti è mista — la vite è una delle piante domestiche potenzialmente più longeve, che raggiunge la massima qualità dei propri frutti dopo i 30 anni di vita. “Ci sono piante sopra i 60 anni e altre sui 20,” continua a spiegarci Matteo.

contenuto sponsorizzato da Linearetta

undermedia

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.