in copertina, foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Ieri è stato approvato al Senato il “decreto sicurezza” che porta il nome del ministro Salvini, e il Pd è riuscito ancora una volta a fare opposizione al governo da destra, utilizzando lo stesso vocabolario della Lega. (VICE)

“Incapace di prendere una posizione netta e chiara, senza riferimenti ideologici e senza una strategia di ampio respiro,” il Pd in questo momento è il miglior alleato di Matteo Salvini, commenta Adriano Biondi su Fanpage.

Commentando il successo dei giovani candidati del Partito democratico statunitense che hanno trionfato nelle elezioni di midterm, Ida Dominijanni commenta: “C’è vita sull’altra sponda dell’Atlantico. E su questa?” Per il momento, sembra di no. (Internazionale)

Sono cinque, alla fine, i dissidenti del Movimento 5 Stelle che sono usciti dall’aula al momento del voto di fiducia. Gli infedeli sono stati segnalati ai probiviri 🙄 del partito, per valutare che provvedimenti prendere, che potrebbero arrivare fino all’espulsione dal partito — e quindi dal gruppo parlamentare. (Next Quotidiano)

Incassata la fiducia sul decreto sicurezza, questa mattina Conte e i due vicepremier, insieme al ministro della Giustizia Bonafede, si riuniranno a Palazzo Chigi per risolvere il nodo della prescrizione. (ANSA)

L’intera macchina mediatica del Movimento 5 Stelle si è mobilitata ieri per coprire il più possibile la fiducia al dl sicurezza, con una vera campagna di distrazione su Twitter e Facebook raccolta sotto l’hashtag #BastaImpuniti. Quanto intensa? Il vicepremier Di Maio ha twittato e retwittato 63 volte in un giorno, quando normalmente raramente twitta più di un paio di volte al giorno. (Twitter)

Intanto, il Viminale continua a smantellare poco a poco il sistema italiano dell’accoglienza, con tagli che — dai famosi “35 euro” alle lezioni di italiano e di aggiornamento professionale — incideranno pesantemente sui già magri sforzi per l’integrazione di migranti e richiedenti asilo. (la Repubblica)

Ma secondo voi ci sarebbero le coperture per il decreto? Ovviamente no: il Servizio di Bilancio del Senato sottolinea che alla legge manca “l’allegato che evidenzia gli effetti sia in termini di competenza, che in termini di impatto sui saldi di finanza pubblica.” Ma secondo il ministro dell’Interno è tutto normale, sono solo “rilievi.” (Corriere della Sera)

Virginio Merola, sindaco di Bologna, preannuncia la rivolta dei Comuni contro il decreto: “Se il testo del decreto sicurezza non cambia chiamerò a raccolta Comuni, associazioni e volontariato: un altro modo è già possibile.” Tutte le misure del decreto, strutturate ad arte per creare ulteriore tensione razzista nel Paese si scaricheranno inevitabilmente sulle spalle delle amministrazioni locali, che ovviamente non hanno avuto nessuna voce in capitolo. (il manifesto)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Non credete a Trump e ai suoi fanboy: le elezioni di metà mandato sono chiaramente state vinte dai democratici. Quanto è stata alta l’onda blu? Una grafica riassuntiva del New York Times.

Beto O’Rourke non è riuscito a battere Ted Cruz in Texas, ma c’è già chi non ci pensa due volte a lanciarlo per le presidenziali del 2020. (Slate)

Dopo non aver detto niente durante una conferenza stampa lunga un’ora e mezza, Trump ha licenziato il procuratore generale Jeff Sessions, colpevole di non aver politicizzato abbastanza l’FBI da impedire le indagini sul presidente. (CNN)

Il licenziamento di Sessions era nell’aria da mesi, e si sapeva Trump stesse aspettando le elezioni per per sbarazzarsi del procuratore generale. Ma nessuno si poteva aspettare che succedesse il giorno dopo il voto.

Memo: Jeff Sessions è davvero una persona orribile, di quelle che piacciono a Trump. Ma nemmeno lui è bastato. (Rolling Stone, 4/8/2017)

Trump ha nominato un procuratore generale temporaneo, Matthew Whitaker, la cui prima azione dietro la scrivania della giustizia è stata, letteralmente, di rimuovere il viceprocuratore generale Rosenstein dalla supervisione dell’indagine di Mueller sull’ingerenza russa, e di assumerne direttamente il controllo. (New York Post)

(Chi è Whitaker? Un ex avvocato dello Iowa, fedele a Trump, e in amministrazione di un’azienda che truffava inventori promettendo loro di promuovere i loro brevetti.) (Miami New Times)

Sempre meno di 24 ore dopo il voto, il Pentagono ha tirato un sospiro di sollievo e ha soppresso il nome in codice dell’operazione al confine con il Messico, che per giorni è rimbalzata sui media conservatori. (Si chiamava, siccome la realtà è diventata un fumetto, “Operazione Leale Patriota.”) (CNN)

Il cessate il fuoco in Yemen non sta funzionando: attorno alla città costiera di Hodeidah, cruciale per gli approvvigionamenti, continuano a infuriare gli scontri. (the Guardian)

Asia Bibi è libera: la donna, prosciolta da un’accusa di blasfemia dopo otto anni nel braccio della morte, è in viaggio verso una destinazione segreta — in Pakistan la sua vita resta gravemente a rischio. (the Independent)

Durante le commemorazioni per il centenario della fine della Prima guerra mondiale, Emmanuel Macron ha definito “un grande soldato” il maresciallo Pétain, leader del governo filo-nazista di Vichy durante la Seconda guerra mondiale. (BBC News)

Annegret Kramp-Karrenbauer, la favorita alla successione alla leadership della CDU in Germania, ha spiegato in una conferenza stampa le ragioni per cui il partito dovrebbe scegliere lei dopo il ritiro di Angela Merkel. (DW)

Il sindaco di Varsavia ha vietato la manifestazione nazionalista prevista per l’11 novembre, l’anniversario dell’indipendenza polacca. All’evento sono attesi migliaia di attivisti di estrema destra da tutta Europa, e gli organizzatori hanno intenzione di aggirare il divieto. (Reuters)

Nuovi progressi nella distopia iper-tecnologica della sorveglianza cinese: a quanto pare la polizia di Shanghai e Pechino è in grado di identificare le persone anche solo in base a come camminano. (AP News)

Gif di Elenor Kopka

Italia

È la fine di un’epoca: dagli stabilimenti di Taranto sono stati rimossi i vecchi loghi dell’Ilva, che saranno sostituiti da quelli della nuova azienda nata pochi giorni fa sotto il controllo di Arcelor Mittal. (AGI)

Dopo 150 anni, la proprietà ha annunciato la chiusura dello stabilimento Pernigotti di Novi Ligure, mettendo a rischio un centinaio di posti di lavoro. (il Sole 24 Ore)

I lavoratori hanno annunciato uno sciopero a oltranza e assemblea permanente. (Alessandria News)

Appuntamenti

Non prendete impegni per questa sera, e se li avete già presi disditeli: a Mare culturale urbano c’è una serata speciale dedicata a Diaframma, la nostra rubrica settimanale di fotografia. Ospiti: Zine-Tonic e Camerae magazine. Ci vediamo lì a partire dalle 18. A seguire, i Ber-ber e gli I AM A FISH per un crossover incredibile tra Raster, the Submarine e JAZZMI.

Cult

Dalle biografie di George Washington vengono solitamente rimossi gli indiani d’America. È possibile rileggere gli esordi della storia degli Stati Uniti senza occultare le popolazioni native? (Longreads)

Nello stesso giorno delle elezioni di midterm, i cittadini di tre stati hanno votato a favore della legalizzazione della cannabis, per uso medico (Utah e Missouri) o anche ricreativo (Michigan). Negli Stati Uniti ora sono 31 gli stati in cui la cannabis è legale per scopi medici, 9 in cui lo è anche per scopo ricreativo. (Wired)

Gif di Javi Carrasco

Benvenuti nel futuro: Samsung ha presentato il suo primo smartphone pieghevole. (the Verge)

Ok, ma se volessimo spedire delle zanzare per posta? Come facciamo? (Atlas Obscura)

Musica

Il Free Music Archive, l’archivio digitale di musica digitale legale da scaricare gratuitamente, chiuderà tra pochi giorni. (the Verge)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —