Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Un mese dopo il crollo del ponte Morandi, tra chiacchiere di nazionalizzazione e demonizzazione dei Benetton il risultato è il nulla totale. La ricostruzione non parte: mancano il commissario per la ricostruzione, l’azienda che il ponte dovrebbe ricostruirlo, una qualsiasi cifra che indichi i fondi stanziati. (la Stampa)

Il testo del decreto “Disposizioni urgenti in materia emergenziale,” approvato tra mille difficoltà nella maggioranza di coalizione, non contiene infatti nessuna indicazione su come procedere alla ricostruzione. Indicazioni future dovranno arrivare necessariamente con un decreto del presidente del Consiglio. (il Secolo XIX)

Il presidente della Repubblica Mattarella è tornato a soffiare sul fuoco del governo, chiedendo che per il ponte si prendano “decisioni concrete.” (Il Secolo XIX)

Nel decreto si legge invece un pot-pourri di indicazioni e obblighi “per la sicurezza,” che saranno verificati da una nuova agenzia di stato, e controlli per il costo dei pedaggi, che con le urgenze non hanno niente a che fare ma era un annuncio con cui prendere facili applausi. (Rai News)

E ovviamente c’è una norma per sveltire il condono edilizio a Ischia, in risposta ai danni del terremoto. (il Manifesto)

“Le polemiche e il dibattito politico di questi giorni non ci interessano, vorremmo sapere quando possiamo rientrare a casa a prendere le nostre cose, gli album di famiglia, le foto dei nostri figli,” ha dichiarato Franco Ravera, presidente del Comitato degli sfollati. Nel decreto “Disposizioni urgenti in materia emergenziale” si parla di “aiuti alle famiglie e alle imprese” di Genova, ma questi sono tutti i dettagli in cui si è speso il governo. (HuffPost)

Il ponte Morandi non è l’unica promessa infranta del governo del cambiamento. Nessuna delle promesse elettorali del Movimento 5 Stelle è stata realizzata in questi primi cento giorni di governo. (la Repubblica)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Il conflitto in Yemen si sta ulteriormente deteriorando, dopo il fallimento del summit di Ginevra. La coordinatrice del supporto umanitario delle Nazioni Unite Lise Grande descrive la vita a Hodeida, città portuale del paese contesa in queste settimane. “Le famiglie sono assolutamente terrificate.” (the Guardian)

L’emergenza siccità è così grave in Afghanistan che almeno duecentocinquantamila persone hanno dovuto lasciare la propria casa, alla ricerca di acqua e cibo. (Al Jazeera)

L’esercito israeliano ha distrutto la barricata costruita dai palestinesi attorno al villaggio beduino di Khan al Ahmar, la cui demolizione è prevista nei prossimi giorni, malgrado fortissime critiche internazionali. (Middle East Eye)

I due uomini sospettati di aver avvelenato con l’agente nervino novichock Sergej e Yulia Skripal sono stati intervistati dall’emittente di stato russa RT, e hanno detto di essersi recati a Salisbury solo per visitare la sua splendida cattedrale. (the Guardian)

Mentre l’uragano Florence minaccia la costa est degli Stati Uniti, il presidente Trump ha scritto su Twitter che il bilancio ufficiale dell’uragano Maria a Porto Rico (recentemente aggiornato attorno alle 3000 vittime) è stato falsificato dai democratici per rovinargli l’immagine. OK. (the New York Times)

Non solo Florence: migliaia di persone sono state evacuate dalle aree costali delle Filippine settentrionali, dove per sabato è previsto l’arrivo del “super tifone” Mangkhut, attualmente un uragano di categoria 4. (the Straits Times)

In totale sono ben sei le tempeste che in tutto il mondo stanno destando allarme in questi giorni. (South China Morning Post)

La seconda giornata campale di primarie a New York è finita male, con la sconfitta di Cynthia Nixon nella corsa a candidata governatrice dello stato. Gli elettori democratici hanno confermato come candidato Andrew Cuomo, già due volte governatore, simbolo del vecchio establishment del partito. (the Atlantic)

A una settimana dal voto per la nomina di Brett Kavanaugh la senatrice Dianne Feinstein ha annunciato di aver presentato alle autorità federali una denuncia — da parte di una donna di cui ha difeso l’anonimato — per molestie sessuali contro il giudice. (the New York Times)

Con 60 anni di ritardo, lo stato francese — per bocca del presidente Macron — ha ammesso la propria responsabilità nella tortura e nell’uccisione di Maurice Audin, militante comunista e fervente sostenitore dell’indipendenza algerina. Macron farà visita alla vedova di Audin e ha annunciato che renderà pubblici i documenti d’archivio su civili e soldati scomparsi durante la guerra d’Algeria. (BBC News)

Ieri mattina la polizia tedesca ha iniziato a sgomberare gli attivisti ambientalisti che da sei anni vivono tra gli alberi della foresta di Hambach, che la compagnia dell’energia RWE vorrebbe abbattere per estrarre lignite. (DW)

Internet

Jack Poulson, ricercatore di Google nell’ambito dell’intelligenza artificiale, si è dimesso per protestare contro le politiche dell’azienda in Cina. Il piano dell’azienda di Mountain View di rientrare nel mercato cinese con un’app di ricerca censurata già da qualche mese suscita le proteste di molti dipendenti. (the Intercept)

In un post che non è assolutamente una ammissione di colpa 👀 Mark Zuckerberg ha voluto tranquillizzare i cittadini statunitensi: ora l’azienda è “meglio preparata” ad affrontare le elezioni, usando una “combinazione di tecnologia e esseri umani” (the New York Times)

Italia

La proposta di riforma delle pensioni basata sulla “quota 100” è l’ennesima prova di un governo completamente cieco di fronte alle nuove generazioni. (Linkiesta)

Che idea di politiche giovanili ha, per esempio, Salvini? Ospite da Bruno Vespa, il ministro dell’Interno ha detto — non si sa a che titolo — che bisognerebbe togliere il numero chiuso a Medicina e metterlo a Lettere. Ricordiamo che Salvini è stato fuori corso per 16 anni nella facoltà di Storia. (Corriere della Sera)

Il ministro dell’Interno è ovunque, anche sulla copertina del nuovo numero di TIME. (Ma solo nell’edizione distribuita in Europa) (ANSA)

Cult

Grazie Jeff Bezos per questo fondo di beneficenza da due miliardi di dollari, ma non basterà a salvarti quando faremo la rivoluzione. (TechCrunch)

A proposito di miliardari annoiati, Elon Musk ha rivelato la data di lancio e il prezzo del nuovo prodotto della sua Boring Company: i mattoni ecologici (con cui sta costruendo il quartier generale dell’azienda, a forma di “torre medievale.”) (Inverse)

Netflix ha presentato il primo trailer della propria interpretazione gotica di Sabrina, vita da strega, con protagonista Kiernan Shipka (di Mad Men). (the Verge)

Questa teoria del complotto che comprende il Sunspot National Solar Observatory in New Mexico e il film Annientamento è la nostra nuova teoria del complotto preferita. (the Outline)

Animali

Photobombing level: orso al matrimonio. (Bored Panda)

Fondo del barile

Sali da bagno all’aroma di roast beef? Noi diciamo sì. (the Kitchn)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —