in coperina, foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

È scontro fra Di Maio e il governatore della Liguria Toti (che è anche commissario all’emergenza per il crollo del ponte Morandi): secondo quest’ultimo, a ricostruire il ponte dev’essere Società Autostrade, mentre il vicepremier insiste che il compito sia dato a un’azienda di stato. (ANSA)

Il ministro Toninelli, riferendo in Parlamento, ha concordato con il compagno di partito e ha confermato l’intenzione del governo di “rivedere integralmente il sistema delle concessioni.” (Adnkronos)

Qui trovate il video completo dell’audizione del ministro:

Intanto Autostrade ha deciso inaspettatamente di anticipare il governo pubblicando integralmente la convenzione per la gestione delle proprie tratte autostradali, inclusi gli allegati finanziari finora secretati. Toninelli ha attribuito il merito della pubblicazione alle pressioni del governo, ma nonostante gli annunci dai documenti non sembra emergere nulla di clamoroso. (il Post)

Toninelli aveva promesso la pubblicazione delle carte della gestione di Autostrade già dal 15 agosto, ma per scrivere le sei righe di lettera in cui chiede che si lavori per la pubblicazione ci ha messo nove giorni. La trasparenza, insomma, era urgente, ma non quanto le vacanze. (Next Quotidiano)

Autostrade ha motivato la decisione con la volontà di “rispondere alle polemiche e alle strumentalizzazioni che dominano il dibattito pubblico sul tema.” Se siete appassionati della materia, trovate tutti i documenti qui (sono più di 600 pagine in totale). (Autostrade)

Anche i tempi per le nuove regole sulle concessioni si preannunciano piuttosto lunghi. (il Sole 24 Ore)

A proposito di tempi: Di Maio ha promesso che il ponte sarà ricostruito in 12 mesi. Diteci solo quando iniziare a contare. (il manifesto)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

I neonazisti sono tornati a manifestare contro la presenza di stranieri nella città tedesca di Chemnitz, in Sassonia, ma questa volta hanno trovato ad accoglierli una contromanifestazione antifascista. Le proteste sono scoppiate domenica in seguito alla morte per accoltellamento di un cittadino tedesco (ma di origini cubane) in una rissa. Alcuni manifestanti sono rimasti feriti negli scontri. (DW)

I nazisti erano alcune migliaia, e nel corso delle proteste (sia domenica che lunedì) hanno messo in scena una vera e propria “caccia allo straniero.” (Politico.eu)

Dopo un anno di indagini le Nazioni Unite hanno presentato formalmente le proprie accuse contro il comandante dell’esercito del Myanmar e i suoi generali. Saranno processati presso una corte internazionale per il genocidio dei musulmani Rohingya. (the New York Times)

Nel frattempo in Myanmar il verdetto per i due giornalisti Reuters che hanno rivelato al mondo le fosse comuni dove l’esercito gettava le proprie vittime è rimandato fino alla settimana prossima, perché “il giudice è malato.” (Reuters)

In Pakistan le attiviste per i diritti delle donne hanno criticato il governo per le nomine dei gabinetti del centro del paese e delle province di Punjab e Khyber Pakhtunkhwa. Su 62 nomine, la coalizione di governo ha espresso solo 4 donne. Nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa non è stata nominata nemmeno una donna. Le attiviste chiedono che il governo ritiri e riformuli le nomine. (Arab News)

L’Iran ha presentato un caso presso la Corte internazionale di giustizia dell’ONU per chiedere la sospensione delle nuove sanzioni imposte dagli Stati Uniti sul paese. Nel documento presentato dal paese le sanzioni pretese da Trump sono dichiarate come “un assedio.” (Middle East Eye)

Il presidente sudcoreano Moon Jae–in sta valutando una rottura con gli Stati Uniti pur di procedere con il processo di pace con il nord della penisola. Moon ha fatto della pace con il paese uno dei pilastri della propria presidenza, e il mancato successo della sua apertura verso la Corea del Nord potrebbe essere letale per la propria amministrazione. (Toyokeizai Online)

Il giullare trumpiano Roger Stone ha messo le mani avanti negando l’accusa di un reportage che non è nemmeno ancora stato pubblicato. Presto il New Yorker pubblicherà un’indagine di Ronan Farrow in cui si legge che Stone avrebbe informato l’allora candidato Trump dell’imminente leak delle mail di John Podesta. Ma tranquilli, non è vero niente. (Boing Boing)

La Cina ha criticato aspramente la sospensione degli incontri tra Stati Uniti e Corea del Nord, definendo l’amministrazione Trump “irresponsabile.” (the Hankyoreh)

Trump ha passato una parte importante della propria campagna elettorale promettendo la cancellazione del Nafta, l’accordo commerciale tra Messico e Stati Uniti. Ieri invece ha semplicemente annunciato un aggiornamento all’accordo — con un nome diverso, però, perché Nafta ha assunto “una cattiva connotazione” nel paese. Trump ha anche minacciato di tagliare fuori il Canada se non si adegua al testo accordato dagli Stati Uniti. (the New York Times)

Dopo 40 anni di restrizioni, la Cina potrebbe lasciarsi alle spalle anche il limite di due figli per coppia. Nella bozza del nuovo codice civile non si parla di nessuna limitazione alle nascite. (the Guardian)

Belle, le politiche migratorie australiane che piacciono a Matteo Salvini: nuove rivelazioni di ex lavoratori nel centro di detenzione di Nauru rivelano l’entità agghiacciante dei casi di autolesionismo tra i bambini migranti. (the Daily Sabah)

Che fine fanno i migranti che la guardia costiera libica per conto dell’Italia riporta indietro? Questi 500 per esempio sono rimasti bloccati per due giorni senza acqua e cibo in un centro di detenzione a Tripoli mentre fuori le milizie libiche si sparavano a vicenda. Un thread su Twitter della giornalista Sally Hayden.

Italia

Mentre il governo combatte la pericolosa minaccia dei migranti eritrei, l’OCSE ci fa sapere che il nostro è l’unico paese del G7 in cui la crescita economica ha rallentato nel secondo trimestre del 2018. (la Repubblica)

Milano

Per protestare contro la presenza di Salvini e Orban a Milano oggi l’appuntamento è alle 17 in piazza San Babila. (Evento Facebook)

Cult

Ovviamente a New York c’è una macelleria con un distributore automatico di bistecche. (Quartz)

Da ieri all’8 settembre sarà possibile a Tokyo prenotare un viaggio su un taxi senza autista. È la prima prova di due aziende locali che sperano di avere un’intera flotta operativa in tempo per le prossime olimpiadi. (the Japan Times)

Azealia Banks ha scritto una lettera a Elon Musk per chiedergli scusa per le rivelazioni scritte su Instagram Stories mentre era intrappolata nella casa del fondatore di Tesla. Banks ha proposto a Musk di incontrarsi per presentarsi di nuovo, “dato che ormai siamo le co–star dell’ultima fan fiction della cultura pop.” (via Twitter)

“The Wind Cave” è un nuovo racconto di Haruki Murakami sul numero di settembre del New Yorker.

Ambiente

Sentite che le vostre capacità intellettive stanno peggiorando? Potrebbe essere colpa dell’inquinamento dell’aria: uno studio condotto monitorando le capacità verbali e matematiche di 20 mila persone per 4 anni ha rivelato che l’esposizione ad alti livelli di inquinamento atmosferico danneggia gravemente le abilità cognitive. (BBC News)

La fonte principale di inquinamento negli oceani non è la plastica ma i mozziconi di sigaretta. (NBC News)

Animali

Il sindaco della città portuale della Bretagna Brest ha dovuto vietare di andare a nuotare al mare perché vicino alla costa c’è un delfino “troppo amichevole” che gira sempre insieme agli umani, ma che potrebbe inavvertitamente essere pericoloso :( (BBC News)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —