in copertina: foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Almeno tre persone sono morte negli scontri tra esercito e manifestanti nel corso delle proteste per il mancato annuncio del risultato delle elezioni in Zimbabwe. La commissione elettorale ha annunciato che i risultati saranno pubblicati “sometime” domani. (ABC News)

La risposta dell’esercito alle proteste è stata di una violenza incomprensibile. Un video mostra i soldati aprire il fuoco contro i manifestanti con munizioni vere. (Eyewitness News)

Le autorità del paese hanno fatto sapere che i militari resteranno schierati per le strade della capitale Harare “finché la situazione non sarà finita.” (News24)

Le truppe sarebbero state schierate per garantire la “pace e la tranquillità” della capitale. Ma il ministro della giustizia Ziyambi in un’intervista a eNCA ha dichiarato che non “non aveva sentito” di casi di feriti in scontri con l’esercito. (Reuters)

Le opposizioni accusano il partito di governo Zanu-PF di ritardare volontariamente la diffusione dei risultati del voto per manipolarli: ieri, mentre il conteggio proseguiva e la situazione sembrava ancora tranquilla, Nelson Chamisa — il principale sfidante dell’attuale presidente Mnangagwa — aveva annunciato di aver “vinto clamorosamente”. Chamisa insiste nel rivendicare la maggioranza del voto popolare. (the Telegraph)

Le accuse delle opposizioni sono sostenute da diverse denunce presentate da osservatori statunitensi e europei che avevano lanciato l’allarme sugli abusi sul territorio e la parzialità dei media in supporto del partito di Mnangagwa. (Bloomberg)

Il voto, che doveva segnare un momento trasformativo per il paese dopo gli anni di Mugabe, non è stato abbastanza per dimostrare una vera spinta democratica. Il governo di Mnangagwa dovrà riflettere su come garantire che l’opinione pubblica sia minimamente rispettata. L’editoriale del Guardian.

NPR ha pubblicato una conversazione registrata un mese fa con la attivista politica Savanna Madamombe. Allora il paese sembrava ancora avvolto da “una nuova sensazione di apertura e libertà.” (NPR)

Mondo

Il senato francese ha approvato una legge che riduce i tempi entro cui un rifugiato può fare richiesta di asilo, e il numero di giorni entro cui può fare appello al rifiuto. Cosa viene esteso? La durata del periodo in cui i migranti possono essere incarcerati in attesa di rimpatrio. (Al Jazeera)

Israele è già tornato a imporre limiti sulle importazioni di Gaza. Il ministro della difesa ha annunciato la sospensione dell’import di benzina a Gaza perché veniva usata per “dar fuoco a palloncini” un’arma contro cui l’esercito israeliano, evidentemente, non può nulla. (Middle East Eye)

Com’è andato il secondo giorno del processo a Paul Manafort? Così:

Non è chiaro se questi tweet possano essere considerati ostruzione alla giustizia, e in ogni caso Trump non è implicato in questo processo. (the Washington Post)

Secondo gli avvocati di Trump non è assolutamente ostruzione alla giustizia, quella del presidente: sta semplicemente “esprimendo la propria opinione.” 🙄 (the New York Times)

La difesa della “libertà d’espressione” — con cui è familiare chiunque si sia fatto una litigata con un troll su Twitter — è il cavallo di battaglia anche di Alex Jones, che sta cercando di far decadere le denunce delle famiglie delle vittime di Sandy Hook. L’“opinione” di Jones sarebbe che le vittime di Sandy Hook non esistano, perché la strage sarebbe stata un’operazione false flag. (Reuters)

Al contrario delle “opinioni” della destra, e non solo quella statunitense, il terrorismo è un pericolo in calo negli ultimi due anni. Si tratta sempre di un numero di vittime storicamente alto per il fenomeno, ma i numeri semplicemente non riflettono il panico securitario — tutti i dati in questa ricerca dell’Università del Maryland.

Senza nessuna apparente ragione il governo siriano di Assad ha iniziato a comunicare alle famiglie di tantissimi degli 80 mila desaparecido del paese che i loro cari, quasi tutti attivisti, sono morti, molti da anni. Il governo non indica se erano imprigionati, la causa della morte, e a volte nemmeno una data precisa oltre l’anno. (Al–Araby Al–Jadeed)

Un migliaio di attivisti hanno manifestato a Copenhagen e ad Aarhus contro il divieto del burqa recentemente approvato dal parlamento danese. (DW)

Due ladri sono riusciti a rubare i gioielli della corona svedese e sono scappati con la refurtiva in motoscafo. (Sì) (the Independent)

Internet

Documenti riservati di Google ottenuti da Ryan Gallagher, rivelano che l’azienda sta lavornado a una versione del proprio motore di ricerca per il mercato cinese, capace di censurare automaticamente dai propri risultati i siti bloccati dal governo cinese. (the Intercept)

Il progetto, nome in codice “dragonfly,” non prevede la creazione nemmeno di un sito web: la ricerca sarebbe effettuata all’interno di un’app per Android. Google offre molti servizi sul mercato cinese, e una versione censurata di Google Search era stata resa disponibile dal 2006 al 2010, prima di essere ritirata in seguito a pressioni politiche negli Stati Uniti. (the Verge)

Il capo della sicurezza di Facebook Alex Stamos si è dimesso. (BBC News)

Italia

I Cinque Stelle rinunciano al proprio programma elettorale in nome della fedeltà alla Lega: il partito della Casaleggio ha votato compatto contro l’emendamento al “decreto dignità” di Liberi e Uguali che reintroduceva l’articolo 18 contro i licenziamenti ingiustificati. (il Sole 24Ore)

Tre donne che avevano partecipato alla contestazione contro CasaPound a Roma hanno ricevuto un avviso dalla questura perché “socialmente pericolose,” secondo il Codice Antimafia. Avevano cantato “Bella Ciao” davanti ai fascisti. (la Repubblica Roma)

I parlamentari di Forza Italia alla fine sono stati di parola: la nomina di Marcello Foa a presidente della Rai è stata respinta in Commissione di Vigilanza. Salvini fino a ieri sembrava intenzionato a forzare la mano e bypassare il voto della Commissione, mentre Di Maio frena. (il Post / la Repubblica, dietro paywall)

Le Lega non vuole i divieti alla vendita delle armi online — ma non c’è nessun legame con il documento firmato da Salvini con i lobbisti delle armi, sponsorizzati da Brownells, sito della filiale italiana del più grande rivenditore di armi statunitense. (Next)

Tra gli aggressori di Davide Mangiapane, l’italiano di colore aggredito a Palermo lo scorso 21 luglio, c’è anche un minorenne. (Giornalettismo)

Milano

Dopo Area C, arriva Area B: la nuova zona a basse emissioni coprirà il 72% del territorio cittadini e sarà interdetta ai mezzi più inquinanti a partire dal prossimo gennaio. (la Repubblica Milano)

Questioni di genere

La senatrice australiana Sarah Hanson-Young ha denunciato per diffamazione un collega che aveva risposto “piantatela di scopare uomini” alle sue richieste di ridurre le restrizioni per l’importazione di spray al peperoncino. (the New York Times)

Cult

Questi genitori stanno pagando dei coach per insegnare ai propri figli a giocare meglio a Fortnite. (Bleacher Report)

Rihanna è la prima donna di colore a comparire sulla copertina del numero di British Vogue di settembre. (HuffPost Canada)

L’eroe della settimana è questo ciclista tedesco fotografato da un autovelox mentre infrangeva i limiti di velocità di una zona 30 completamente nudo, nella città di Kiel. (DW)

Spotify ha rimosso alcuni episodi del podcast di Infowars — la trasmissione ultra-complottista di Alex Jones — per infrazione della propria politica contro il linguaggio d’odio. (Rolling Stone)

Cose da bere

Quest’estate i tedeschi stanno bevendo così tante birre che i birrai stanno finendo le proprie scorte. (Quartz)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —