cover di Marc Gasol, via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Cose assolutamente normali: che il Ministro dell’Interno italiano si sprechi a difendere l’indifendibile guardia costiera di un altro paese — nemmeno un paese comunitario — pur di attaccare le Ong e sollevarsi la responsabilità di morti lasciati in mare. (Sky Tg24)

È la replica autoritaria di Salvini all’emergenza lanciata dai membri dell’equipaggio della Astral, nave della Ong Open Arms. L’accusa è gravissima: di aver fatto affondare l’imbarcazione da cui erano stati prelevati dei migranti per riportarli in Libia con ancora a bordo due donne e un bambino, lasciati affogare perché non volevano salire sulle motovedette — una delle due donne e il bambino sono morti in mare. (la Repubblica)

Salvini promette una ricostruzione di terze parti, ma c’è poco da ricostruire: la guardia costiera libica ha confermato sia l’operazione di “soccorso,” sia l’affondamento dell’imbarcazione. Non si saranno accorti che a bordo c’erano ancora tre persone. (Avvenire)

Annalisa Camilli di Internazionale ha parlato con la donna sopravvissuta all’attacco della guardia costiera libica. Josefa ha dolori dappertutto, e racconta della sua fuga dal Camerun e delle violenze della polizia libica. Ma lei e i due corpi recuperati da Open Arms sono bloccati in mare dalle crudeltà di rito in queste settimane. (Internazionale)

(Camilli è a bordo della nave di Open Arms e sta tenendo un diario per Internazionale.)

A bordo dell’Astral c’è anche il deputato di Leu Erasmo Palazzotto, che invita Salvini a “venire a vedere cosa accade in questo tratto di mare.”

L’obiettivo di Salvini, ha scritto poi su Facebook, sarebbe “salvare tutti, soccorrere tutti, curare tutti, nutrire tutti.” Ma “anche evitare che tutti arrivino in Italia.” Lasciamo che il controsenso parli da solo. (Ansa)

Puntuali ad ogni disgrazia, anche questa volta sono arrivati i complottari certi che si tratti di foto inscenate su un set. “Però almeno bagnateli sti naufraghi” scrive un utente su Twitter. (Giornalettismo)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Trump ha ritrattato la dichiarazione più incendiaria della propria conferenza stampa congiunta con Putin, in cui scagionava la Russia dalle accuse di ingerenza sulle elezioni. Trump ora sostiene che avrebbe voluto dire il contrario — facendo una doppia negazione — ma si è dimenticato di dire un “non.” (Sì, è successo davvero) (the New York Times)

Throwback:

Leggete queste dichiarazioni di repubblicani soddisfatti della giustificazione di Trump per perdere ogni speranza per il futuro. (New York Magazine)

Osservando il partito repubblicano statunitense è impossibile non arrivare alle conclusioni di Osita Nwanevu: la vera minaccia per la democrazia statunitense non è la Russia, è la destra. (Slate)

L’esercito israeliano ha respinto un gruppo di siriani che si stava recando nelle alture del Golan, occupate dal paese. Israele partecipa alle operazioni umanitarie per gli sfollati interni del paese, ma si rifiuta di accoglierli sul proprio territorio come rifugiati. (Al Jazeera)

Il gruppo di siriani si era recato lungo la recinzione eretta all’esercito israeliano per protestare il mancato supporto delle forze locali dopo la morte di almeno 10 persone, uccise in un altro round di bombardamenti russi. (Al–Araby Al–Jadeed)

In India il caldo estivo sta raggiungendo picchi insopportabili, con frequenti casi di malori e morti. Somini Sengupta racconta la situazione di Nuova Delhi, dove le temperature hanno superato i 43 gradi. (the New York Times)

Le Nazioni Unite hanno lanciato l’allarme sul caso della separazione di una famiglia di rifugiati in Australia. Il governo australiano ha deportato in Sri Lanka un uomo che aveva raggiunto la moglie, già riconosciuta come rifugiata, e la figlia di 11 mesi. (South China Morning Post)

In una ulteriore stretta autoritaria, il parlamento egiziano ha approvato tre nuove leggi sulla regolamentazione di giornalismo e media estremamente repressive, pretendendo che i giornalisti richiedano consenso per partecipare a qualsiasi evento di cui vogliono scrivere, e pone sotto attiva sorveglianza tutti gli account di social media con più di 5000 contatti. (Middle East Eye)

In diretta video dalla Germania, Carles Puigdemont è tornato a invocare l’unità trasversale dei movimenti separatisti catalani, per creare un fronte compatto che pretenda l’indipendenza della regione dal resto della Spagna. (the Local)

Internet

Con questo sito internet potete navigare tra le pubblicità comprate dalla Russia durante le elezioni statunitensi del 2016. Ma fidatevi, non hanno spostato un voto, no, nemmeno uno. (Boing Boing)

La loro inefficacia è così evidente che la macchina del consenso di Donald Trump è ancora il primo compratore politico di pubblicità su Facebook, investendo solo dallo scorso maggio — quando per la prima volta il social network ha iniziato a rendere pubblici i dati sulle sponsorizzazioni di carattere politico — 274 mila dollari. (Gizmodo)

Intanto, un giornalista della britannica Channel 4 si è fatto assumere come moderatore del social network, solo per scoprire che l’azienda è molto più permissiva con i gruppi di estrema destra di quanto non sostenga pubblicamente. (the Verge)

Italia

Il governo del cambiamento: è stato trovato l’accordo sulle commissioni. Quella di vigilanza RAI è stata sostanzialmente regalata a Berlusconi. (HuffPost)

Guarda Salvini tramare con la lobby delle armi. (la Repubblica TV)

È stato firmato il JEFTA, l’accordo di libero scambio “più grande del mondo” tra UE e Giappone. Un pochino di chiarezza su cosa può esportare l’Italia – non molto in verità. (il manifesto)

Milano

Razzismo tra le forze dell’ordine? Ma no. (YouReporter)

Cult

Questo fungo è più prezioso dell’oro: si chiama Yarsagumba, e si trova solo sulle montagne dell’Himalaya, sopra i 3000 metri. Dicono curi di tutto, dall’asma all’impotenza. (BBC News, video)

Quel disastro di Photoshop del primo poster per Aquaman è stato molto migliorato da questi utenti di Twitter. (Uproxx)

Poster di @BrandonDavisBD

Spazio

Colpo di scena: Giove ha dieci lune in più di quanto pensassimo, e sono stranissime. La scoperta porta il conto dei satelliti del gigante gassoso a 79. (Nature)

Ma dove si erano nascosti questi satelliti? Da nessuna parte, sono solo molto, molto piccoli. 🔍 (Vox)

Ambiente

Dal Ministero delle Infrastrutture arriva il via libera a 361,78 milioni di euro per la nascita del Sistema nazionale delle ciclovie turistiche. (la Repubblica)

Come si fa a rimettere in piedi una barriera corallina devastata dal cambiamento climatico. (the Conversation)

L’anno scorso gli investimenti in energie rinnovabili in India hanno superato quelli in combustibili fossili. (Carbon Brief)

Questo progetto del governo sudcoreano immagina una città completamente priva di automobili. (the Hankyoreh)

Biciclette

Il caso della città di Toronto, dove l’aumento delle corsie riservate alle biciclette ha determinato l’aumento del fatturato dei negozi. (Bike Italia)

Le ricette di una volta

Il pane più vecchio del mondo è stato sfornato 14500 anni fa, prima ancora che l’uomo sviluppasse l’agricoltura. (South China Morning Post)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —