in copertina: Olimpia Fortuni, Fabio Artese

Da vicino nessuno è normale si propone come riferimento culturale per la zona non solo per i giorni del festival, ma per costruire qualcosa di stabile.

Scrivo ad un tavolo del bar ristorante Jodok prima dell’apertura. I camerieri apparecchiano mentre una voce maschile canta a squarciagola: “sei tu il mio re e io la tua regina”. Sono ad Olinda, all’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini, a due passi dalla stazione di Affori FN. 

L’associazione Olinda onlus prende il nome da una delle città invisibili di Italo Calvino. Mentre nelle altre città i nuovi quartieri crescono fuori dalla cerchia delle vecchie mura, “a Olinda no: le vecchie mura si dilatano portandosi con sé i quartieri antichi, ingranditi mantenendo le proporzioni su un più largo orizzonte ai confini della città; essi circondano i quartieri un po’ meno vecchi, pure cresciuti di perimetro e assottigliati per far posto a quelli più recenti che premono da dentro”. Olinda è quindi il desiderio di una città che si rigenera a partire dal centro, che non si degrada crescendo nelle sue zone periferiche.

Fin dal 1996 gli obiettivi principali dell’associazione sono due: la riconversione degli spazi dell’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini, situato nella periferia nord-ovest di Milano, e l’inclusione sociale di persone con problemi di salute mentale. La sfida è affrontare le due cose insieme, vedendo la rigenerazione urbana e la rigenerazione umana come due facce della stessa medaglia. Tra le pareti dell’ex manicomio si sperimentano nuove forme di welfare comunitario che mirano a tenere insieme strategie riabilitative e politiche sostenibili di sviluppo locale. Come? “Facciamo torte, salute, cultura, cocktail, errori, relazioni, feste, formazione, riunioni (tante), bilanci, calcio, contratti di lavoro a tempo indeterminato, laboratori di teatro, ristrutturazioni e non nascondiamo di avere paura che il cielo possa caderci sulla testa.”

Non–scuola © Luca del Pia

Non–scuola © Luca del Pia

L’area dell’ex ospedale Paolo Pini oggi è uno degli spazi urbani interessato dai processi di rinnovamento più interessanti di Milano, dopo un passato nero comune a tanti ospedali psichiatrici, come quello non molto distante di Mombello. Il territorio dell’ex ospedale, di fatto, consiste in alcuni edifici immersi nel verde, che si sono trovati quasi per caso a costituire un’oasi in mezzo alla città. Nelle stagioni estive è tra i luoghi di Milano più adatti ad ospitare eventi e festival, per esempio quello di Radio Popolare la scorsa settimana.

Le imprese sociali sviluppate dall’associazione sono infatti il bar ristorante Jodok, il BistrOlinda al Teatro Elfo/Puccini, Fiore-cucina in libertà a Lecco, OlindaCatering, l’OstellOlinda e il TeatroLaCucina. Presso quest’ultimo, chiamato così perché nato nelle ex cucine dell’ospedale immerse nel parco del Pini, si tiene ogni estate il festival di teatro Da vicino nessuno è normale.

TeatroLaCucina

TeatroLaCucina

Da vicino nessuno è normale si propone come riferimento culturale per la zona non solo per i giorni del festival, ma anche — in prospettiva — per costruire qualcosa di stabile in un’area di Milano che, secondo gli animatori del festival, ne ha bisogno. Del resto questo è un problema comune a molte aree della città, come abbiamo fatto notare qualche tempo fa per i centri di aggregazione giovanile.

Il festival è ora nel bel mezzo del suo svolgimento, e propone spettacoli di teatro e danza, letture, concerti — qui il calendario dei prossimi eventi. Oh no simone Weil! di e con Milena Costanzo in scena il 30 giugno: un lavoro per tentare di aderire alla difficilissima ascensione verso l’alto che Simone Weil aveva condotto e testimoniato nei suoi ultimi pensieri L’ombra e la grazia. L’esito del laboratorio teatrale Non-scuola in scena il 3 e il 4 luglio: un modo di assistere a come il Teatro delle Albe di Ravenna lavora anarchicamente con gli adolescenti per sudare, vivere e sformare testi classici; i due soli Soggetto senza titolo e Fray di Olimpia Fortuni, giovane esponente della danza d’autore prodotta dall’associazione Sosta Palmizi, in scena il 6 luglio. 


Per ricevere tutte le notizie da The Submarine, metti Mi piace su Facebook, e iscriviti al nostro gruppo.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.