Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Chi ha ucciso la giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, assassinata con una bomba piazzata nella sua auto lo scorso ottobre? Mentre ancora si attende una verità giudiziaria, Reuters pubblica un reportage speciale di Stephen Grey che ricostruisce la vita e la carriera della giornalista e analizza i punti oscuri della vicenda. (Reuters)

Il reportage fa parte di un progetto di giornalismo investigativo a cui hanno collaborato 45 giornalisti di 18 testate in tutto il mondo, che ne pubblicano i risultati a sei mesi esatti dalla morte di Caruana Galizia. In Italia partecipa Repubblica, con articoli e approfondimenti di Carlo Bonini e Giuliano Foschini. (la Repubblica)

L’obiettivo è quello di proseguire il lavoro di inchiesta che la giornalista è stata costretta a interrompere. Trovate la storia del progetto e tutte le testate che hanno partecipato su Forbidden Stories, la no-profit che si è occupata di coordinarlo.

Mentre la classe politica maltese spinge verso un’attribuzione di responsabilità unicamente alla criminalità organizzata locale — di cui fanno parte i tre presunti esecutori materiali dell’omicidio, arrestati a dicembre — le novità che emergono dalle inchieste dipingono un quadro più complesso:

  • Due diversi testimoni riferiscono di un incontro tra il ministro dell’economia maltese con due dei tre esecutori materiali;
  • I tre uomini sono stati avvisati dell’arresto da una talpa;
  • L’utenza telefonica da cui è stato attivato l’ordigno era già intercettata da mesi dall’intelligence maltese.

Secondo il marito Peter, il vero mandante dell’omicidio gode di una protezione di alto livello. (the Guardian)

Finora, nessun politico è stato indagato. (Tio.ch)

A Caruana Galizia intanto è stato assegnato postumo l’Astor Award, un premio per la libertà di stampa istituito nel 1970 tra i paesi del Commonwealth. (the Times of Malta)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter, per 3€ al mese o 20€ all’anno. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Mike Pompeo, ora nominato come nuovo segretario di stato ma all’epoca ancora direttore della CIA, ha incontrato Kim Jong-un durante una visita segreta a Pyongyang poche settimane fa. L’incontro sarebbe servito per preparare il prossimo summit tra i due presidenti. (the Korea Herald)

In Somaliland la giovane poetessa Naima Abwaan Qorane è stata condannata a tre anni di prigione per “attività anti-nazionale.” Durante gli interrogatori è stata vittima di gravissimi abusi psicologici. (the Guardian)

È morta a 92 anni Barbara Bush, moglie dell’ex presidente George H. W. Bush e madre dell’ex presidente George W. Bush. (ABC News)

Il 29 maggio Starbucks chiuderà al pomeriggio circa 8000 punti vendita negli Stati Uniti per fare ai propri dipendenti un corso di aggiornamento sui pregiudizi razzisti. È una delle misure prese dalla catena dopo l’arresto immotivato di due afroamericani in uno Starbucks di Philadelphia pochi giorni fa. (NPR)

I genitori dei bambini uccisi a Sandy Hook hanno denunciato per diffamazione il commentatore iper-conservatore Alex Jones. Jones aveva definito la strage nella scuola elementare come una “completa fabbricazione” nel suo talk show su YouTube. (the New York Times)

L’unica cosa che vuoi, è morire.” È la testimonianza di Haifa Abu Sbaih, rimasta prigioniera delle carceri israeliane per 16 mesi. (Al Jazeera)

Oggi finisce ufficialmente l’era Castro a Cuba: l’Assemblea Nazionale dovrà eleggere un nuovo presidente che prenderà il posto di Raoul Castro. Si tratterà probabilmente dell’attuale vice-presidente Miguel Diaz-Canel. (il Post)

Ma come sarà Cuba dopo i Castro? Un’approfondimento speciale della BBC.

A Jacinda Ardern, prima ministra neozelandese, non piace affatto essere paragonata a Donald Trump. (the Guardian)

L’Arabia Saudita ha avviato trattative con gli Stati Uniti per impiegare le proprie truppe in Siria. (Al Jazeera)

Nel frattempo, sembra che gli ispettori dell’OPCW siano finalmente riusciti a entrare a Douma ieri pomeriggio. (ANSAmed)

Internet

Sono molti più di 87 milioni le vittime del furto di informazioni private ad opera di Facebook e Cambridge Analytica. Una nuova testimone, Brittany Kaiser, Brittany Kaiser. (the Guardian)

Italia

Tutto è pronto per il mandato esplorativo alla presidente del Senato Casellati, che è attesa al Colle stamattina alle 11. (la Repubblica)

A questo punto la strategia del Movimento 5 Stelle, sancita da un incontro blindato tra Di Maio e Casaleggio, è sperare che il primo mandato si bruci, mentre proseguono le trattative per sbloccare l’ipotesi di un’alleanza con il Pd, che dopo settimane di corteggiamento con la Lega è diventato di nuovo l’interlocutore preferenziale. (HuffPost)

Tra i due partiti è stato avviato infatti un dialogo sui temi comuni: reddito di inclusione, famiglia, lavoro. (il Fatto Quotidiano)

A proposito: Luciano Capone del Foglio si è accorto che il programma del Movimento 5 Stelle, votato dagli iscritti su Rousseau e pubblicato online, è cambiato progressivamente nel corso del tempo, spesso con cambi anche sostanziali su posizioni politiche di rilievo, specialmente in politica estera. Secondo il partito si tratta soltanto di “aggiornamenti” delle versioni provvisorie. (il Foglio)

Il Movimento 5 Stelle si è difeso dalla vicenda ripetendo il proprio mantra del programma “scritto dagli elettori,” ma la struttura del partito della Casaleggio è rigidamente verticista. Susanna Turco prova a costruire una mappa dei “piani” della piramide di Davide Casaleggio. (l’Espresso)

Al processo bis del caso Cucchi è emerso che i carabinieri avrebbero falsificato i verbali sullo stato di salute di Stefano, e i vertici dell’arma sapevano. (la Stampa)

Alcune intercettazioni del 2012 potrebbero far riaprire le indagini sull’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. “Non voglio fare alcun commento, perché mi sono illusa troppe volte,” ha detto la madre Luciana Alpi. (ANSA)

Milano

Milano è in completa frenesia da Fuorisalone, ma se volete usare il vostro tempo in modo migliore potreste andare a Condomini Aperti, un evento di Legambiente. (La Nuova Ecologia)

Se venite da fuori città, trovare un affitto in questi giorni è praticamente impossibile: i prezzi sono aumentati in modo spaventoso. (La Repubblica)

Cult

Biplap Deb, primo ministro dello stato indiano di Tripura, ha sostenuto che internet e le tecnologie satellitari siano state inventate nell’India antica, citando a sostegno della propria tesi un passo del Mahabarata. (BBC News)

Il Popolo Della Famiglia non è molto contento dell’apertura del negozio di marijuana legale di J-Ax a Milano, e giustamente ha invitato il cantante a redimersi a Medjugorje. (Milano Today)

80 anni di Superman in 8 disegnatori. (Fumettologica)

Scienza

Domenica un meteorite grande come un campo da calcio (abbastanza grande da farci male male) è passato a distanza inferiore dalla luna. Non l’abbiamo scoperto che stava arrivando se non poche ore prima. Ora lo sappiamo, e voi questa sera dormirete sonni tranquilli. (Live Science)

Ambiente

La centrale a carbone di Porto Tolle (Rovigo) chiude i battenti. Diventerà un villaggio turistico ecosostenibile. (Corriere della Sera)

Si può rimanere ben al di sotto del target 2°C anche senza l’utilizzo del carbon capture & storage. (Carbon Brief)

Il professor Myles Allen racconta come ha fatto ad insegnare in poco tempo tutta la scienza del cambiamento climatico ad un giudice federale in vista di un processo che vede imputate alcune compagnie petrolifere.
(The Environmental Change Institute)

È stato scientificamente provato che più si è esperti di cambiamento climatico, più si è convinti che sia causato dall’uomo. (ZME science)

***

Gif di Ryan Gillet

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via