Una vita che ti sogno Gianni Morandi e Tommaso Paradiso insieme

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/01/27654705_10157353740458438_7845751429780517184_n.jpg

Lo scorso 17 novembre è uscito “D’amore d’autore”, il quarantesimo album di Gianni Morandi (73 anni). Qualche giorno fa il sempreverde cantante italiano è tornato con un nuovo singolo, che è un nuovo singolo di Gianni Morandi (non aspettatevi i Pop X). Quindi chi ha meno di cinquant’anni – verosimilmente proprio chi legge queste righe – probabilmente non correrà a comprarlo su iTunes.

Però, c’è un però. Il brano è scritto da Tommaso Paradiso e lui si che quelli sotto i cinquanta, bene o male, li rappresenta. Nell’ultimo anno è diventato persino uno degli autori italiani più richiesti (e criticati). Allora il punto qual è? Il punto è che, polemiche e canzoni di Natale a parte, il pezzo scritto per Morandi sembra proprio un altro pezzo di Morandi, né più né meno. O meglio, sembra l’ennesimo pezzo radiofonico italiano. E non è che questo sia per forza un disonore, anzi tutt’altro, per Paradiso è manna dal cielo. Però la firma di un autore dovrebbe essere un marchio distintivo e allora, al posto di dire che canzone del cavolo, bisognerebbe chiedersi: avrei saputo riconoscere in questo testo la penna di Tommaso Paradiso? Non so voi ma per me la risposta è no. Ciò nonostante riconosco le affinità di gusti tra i due cantanti, partendo dagli anni ’80 e andando indietro nel tempo. Pensando al futuro, invece, questo pezzo non sembra – guarda caso – aggiungere proprio nulla di nuovo.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.