fbpx
 

Fenomenologia della Boiler Room

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2017/10/maxresdefault-1-1280x720.jpg

Nata a Londra nel 2010 dalla mente del giovane Blaise Bellville, Boiler Room è a oggi una delle piattaforme più seguite e alimentate dalla scena musicale underground e non.

Il concetto è talmente semplice da farvi uscire quasi istantaneamente il proverbiale “l’avrei potuto fare anche io” (ma non l’avete fatto): trasmettere in diretta i dj set di artisti più o meno noti in contesti urbani e metropolitani — non per niente la traduzione letterale di boiler room è locale caldaie.

Inizialmente ideata come fuga dalla monotonia musicale delle charts e delle hitlist, oggi Boiler Room vanta quasi 4 miliardi di minuti trasmessi e una vasta comunità di appassionati, che – stufa del clubbing commerciale – ha trovato nelle live stream un luogo di culto e riscoperta musicale. “Verso il 2010 la scena underground era scomparsa, le classifiche erano piene di musica terribile, le persone che si riunivano intorno allo show potevano discutere sui forum e trovare finalmente una voce per la loro passione” spiega Bellville in un articolo del Guardian per i cinque anni di Boiler Room.

Cinque anni dopo la sua fondazione, Boiler Room rimane ancora attaccata al concetto di innovazione e di ricerca delle novità musicali, oltre che tecnologiche, più interessanti. È lo stesso responsabile dello sviluppo Mazdak Sanii a confermare che “Boiler Room sta cercando di diversificare i format editoriali per essere sicuri di catturare tutto quello che accade all’interno della nuova musica di qualità, che sia un nostro show o una live performance al Barbican, un panel dai nostri studi o un Q&A con un artista dall’altra parte del mondo.”

E finalmente, sempre nel 2015, anche in Italia è arrivato il primo evento organizzato Boiler Room (non senza qualche critica sulle scelte artistiche), portando a un pubblico fino a quel momento virtuale l’esperienza dal vivo.

Ma c’è un elemento nelle live dai locali caldaie che ha saputo assumere sempre più spessore e autenticità al pari di musica e artisti: il pubblico. Chiunque abbia visto almeno una live su YouTube infatti sa bene che – a differenza di concerti e dj set più tradizionali – il pubblico delle Boiler Room è spesso posto alle spalle del dj, diventando parte integrante della performance in streaming. Per un prodotto senza filtri, è quindi prevedibile imbattersi in situazioni epiche, comiche, imbarazzanti, psichedeliche, ai limiti dell’assurdo e a volte (ma solo a volte) sentimentali.

È stata la stessa Boiler Room a creare un profilo Tumblr chiamato BRKWYDLN – acronimo di Boiler Room Know What You Did Last Night – su cui chiunque può caricare Gif estratte dalle live, che catturino momenti particolarmente “curiosi”. La lista è lunga e ci da finalmente la possibilità di analizzare la fenomenologia della Boiler Room in tutta la sua vastità.

Il social media manager

Partiamo dal più comune e diffuso: il social media manager, ovvero colui che armato di instagram stories, #selfie e geolocalizzazione, trasforma un dj set nella firma della dichiarazione d’indipendenza. #bestnight #lovethis #salutandonio

L’esaltato

Con una probabilità del 99% è la persona che vi trovate di fianco quando volete godervi in tutta tranquillità il concerto o il dj set. Divorerà lentamente e senza pietà il vostro spazio vitale per poter piroettare come Billy Elliot e Anna Pavlova messi insieme.

L’esotico

L’esotico è la persona che osservate con una punta d’invidia per tutta la serata. Ha lasciato a casa la dignità e si sta divertendo come un matto.

L’aiutante

“Quante lucine colorate,” sta pensando, “perché non posso toccarle anche io?”

Il filosofo

In mezzo a una massa di sudore e decibel è indubbiamente più facile raggiungere il significato della vita, il difficile è ricordarselo il giorno dopo.

L’invadente

Una variante dell’esaltato, ma meno simpatico. Il suo è semplicemente un costante stato di fuoriluogo e maleducazione, se vi imbattete in un invadente andate a prendere una birra al bar, è meglio.

Il disagio

Questa è una fase che prima o poi, almeno una volta nella vita, ci ha accomunati tutti. Mentre ripensate a quella serata, rimbomba ancora nella testa la frase “ma cosa ci facevo io lì.”

Il poser

Poco sopra l’invadente e poco sotto i social media manager. Il contesto non c’entra, la loro è una filosofia di vita — e ahimè non esiste una cura.

La fame e chimica

Tutti abbiamo desiderato un kebab nel pieno di una serata, ma quanti sono riusciti veramente a mangiarne uno durante una Boiler Room.

MENZIONI SPECIALI

Gesù

🙏🙏🙏🙏

Dragon ball

Perché? Perché no?

Certo le categorie sono fatte per essere dimenticate e le etichette per essere staccate, ma non c’è nulla di più bello che cercarsi e ritrovarsi per farsi due risate – e perché no, riflettere, se la sbronza è già passata. Per altre e inimitabili situazioni da Boiler Room, il Tumblr racchiude ancora qualche piacevole perla da scoprire.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.