Un mondo a parte dentro la città: l’Ippodromo del Galoppo

DIAFRAMMA || Questo mese, un’edizione speciale: tutti i giorni un progetto tratto dal corso di Fotografia per l’Architettura presso la Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano.

a cura di Nicolò Piuzzi

“THE OTHER PUBLIC SPACE The racetrack” è un progetto di Andrea Gruber

All’ippodromo eventi ed emozioni non si fermano mai. È un vero e proprio mondo a parte, dentro la città di Milano — ed è questo che ho scelto di rappresentare in questa serie di foto.

Non è un posto dove chiunque penserebbe di andare per svago: chi non è affezionato, o non segue, le corse di cavalli certamente non pensa all’ippodromo come a un posto di svago.

L’ingresso dell’Ippodromo è segnato da una grande fontana, poco oltre, un bellissimo palazzo antico. Per chi va solo per seguire le corse, il percorso non potrebbe essere piú semplice: prima si passa dall’area per le scommesse, quindi verso l’arena, passando prima di fronte ai cavalli, e poi verso le tribune, da dove si può seguire la corsa. Tuttavia, questo percorso non è scontato come sembra — ogni passaggio è una scoperta. Le costruzioni sono circondate da aree verdi, grandi spazi dove le persone possono stare sull’erba o su delle panchine. Se non si è parte dell’azione — se non si è stressati dal vincere o perdere una scommessa — i personaggi che si susseguono possono essere una degli aspetti piú divertenti della propria visita. È sempre facile identificare i gruppi di scommettitori, fissi sulle statistiche, o chi dovrebbe essere al lavoro, e invece è alle corse. Dopo la corsa — velocissima, dura un minuto o due — non serve aver scommesso per sentire il fluire delle emozioni nella folla.

Osservare il comportamento degli scommettitori, avvicinarsi ai cavalli, sentire l’adrenalina mentre questi animali semplicemente magnifici corrono lungo i percorsi, e poi poter ripetere lo spettacolo piú e piú volte durante il pomeriggio rendono l’Ippodromo un posto di vero intrattenimento pubblico.

Andrea Gruber, The outer public space

Andrea Gruber, The outer public space

gruber_andrea_08

gruber_andrea_07 gruber_andrea_03 gruber_andrea_02

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.